Pillole di Storia nel Design: Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo

Considerati tra i massimi pionieri del design contemporaneo, la coppia di sposi formata da Charles e Ray Eames, ha saputo, fin dagli anni ’40, innovare e produrre oggetti d’avanguardia, sia nel design d’arredo che in architettura, utilizzando materiali da produzione industriale. Proprio negli Stati Uniti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, il mercato della produzione in serie si stava espandendo. Con la filosofia che li contraddistingue, gli Eames erano convinti che si potesse produrre un buon prodotto anche senza una spesa eccessiva dei materiali. Andiamo a scoprire i loro rivoluzionari progetti.

Charles e Ray Eames: dove tutto ebbe inizio

Siamo nel 1938. Charles Eames è un architetto di 31 anni. Studente della prestigiosa Cranbrook Academy of Art, si fa notare per un suo lavoro pubblicato sulla rivista di Architectural Forum, riguardo una versione moderna della chiesa di St. Mary a Helena. Qui si presenta la svolta, perché proprio l’architetto finlandese della facoltà, Eliel Saarinen, lo invita a tenere un corso in Accademia.

Proprio qui incontra la sua futura moglie nonché collaboratrice e complice di vita: Ray Kaiser, una studentessa d’arte.

Il restyling nel design: icone entrate nella storia… e nelle case

Eero, il figlio di Sarineen, conosce Eames e lo introduce agli studi dell’architettura organica di Alvar Aalto, uno dei maestri del Movimento Moderno, e sulle sue ricerche del compensato curvato.

Nel 1939, Eliot Noyes, curatore del design del MoMa di New York, bandisce il concorso ‘Organic Design in Home Furnishings‘, dove Eames e Sarineen junior vi partecipano con la proposta di un prodotto fatto in compensato curvato, metallo e gomma.

Nonostante la vittoria del concorso, il progetto viene accantonato per problematiche tecniche e a seguito del blocco dei materiali in ingresso sul suolo americano.

L’inizio dei coniugi Eames

Convolati a nozze nel 1942, si trasferiscono in California, dove progettano una macchina per pressare i fogli di compensato, con venature incrociate, attraverso la pressione ed il calore.

Questa attira l’attenzione dell’esercito americano che li ingaggia e, nel 1943, progettano e producono dei sostegni in legno compensato per arti feriti o fratturati dei soldati americani.

A poco a poco ampliano il loro laboratorio e tornano al loro interesse principale: progettare arredi da produrre in serie. Prodotti innovativi e di qualità, ma a basso costo. Ecco l’inizio del loro design contemporaneo.

Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo
– “LAVORO E GIOCO: CHARLES & RAY EAMES” – concessa in licenza sotto di MANYBITS

Charles e Ray Eames: il design contemporaneo

A seguito dei piccoli intoppi tecnici del ’39, Charles Eames riesce a risolvere tutti i problemi legati alla lavorazione del plywood e dell’unione di diversi materiali.

Riguardo alle sedute le divide in due pezzi: schienale e seduta. In questo modo semplifica gli stampi per la produzione. Poi realizza i supporti in tubi metallici molto sottili che, attraverso dei raccordi elastici in gomma, si congiungono al legno. Inoltre introduce l’utilizzo della fibra di vetro.

Dall’ispirazione di Alvar Aalto, producono la serie innovativa DCM (Dining Chair with Metal Legs), del 1945-46, includendo le rivoluzionarie tecniche  della lavorazione del legno compensato e, soprattutto, l’utilizzo di diversi materiali per il completamento del prodotto.

Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo
– “Eames LCW” è concessa in licenza sotto by geraintandkim

Le collaborazioni che portano alla produzione in serie

Nel secondo dopoguerra, nonostante il boom economico, l’interesse commerciale verso questa tipologia di mobili fatica ad ingranare. Ma l’inizio di una stretta collaborazione fra gli Eames e la Herman Miller è stata fondamentale nella storia del design contemporaneo.

Successivamente alle esperienze sul campo con la H. Miller e da quelle di Florence Knoll con la Knoll International, il design industriale era ufficialmente avviato.

Le 10 sedie di design più famose da conoscere assolutamente

La Eames House come Case Study House Program

Dal 1945 al 1950, negli Stati Uniti, i coniugi Eames hanno portato avanti un’idea ed un progetto, attraverso un programma parallelo tra design ed architettura, il quale mirava soprattutto all’importanza del benessere del ceto medio.

Nel 1949 viene inaugurata la casa degli Eames, che rientra nel Case Study House Program, progettata da loro stessi e formata da

  • pannelli colorati
  • grandi vetrate
  • spazi su doppie altezze

Questo come manifesto del fatto che qualcosa di economico non è sinonimo di rinuncia.

Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo – “Eames House (Case Study House n. 8)” è concessa in licenza sotto by Nick Sherman

Il concorso sul mobile economico e il primo arredo al mondo in plastica a vista

Partecipano nel 1948 ad un altro concorso che vede come tematica il mobile economico.  Inizialmente optano per dei materiali in acciaio e in alluminio, ma per una questione di costi, alla fine, la scelta ricade sulla plastica. In collaborazione con i tecnici della Zenith Plastic, esce un prototipo di una particolare chaise longue, costituita da resina con fibra di vetro. È la prima seduta con plastica a vista ideata al mondo ed entra in produzione in serie, nel 1950.

A proposito di questo prodotto Charles Eames lo presenta così:

“La forma della sedia non pretende di anticipare i molteplici bisogni che deve soddisfare. Tali bisogni non sono ancora definiti e la scelta della forma è per molti aspetti intuitiva. La forma può solo suggerire un più libero adattarsi del materiale alle necessità e stimolare domande su quali potrebbero essere queste necessità”.

Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo – “Charles e Ray Eames” è concessa in licenza sotto di rocor

I progetti iconici dei coniugi Eames

Il concetto chiave di design degli Eames e la loro filosofia della resa di massima qualità a minor prezzo, si unisce a dei tentativi di gioco e di comunicazione nell’espressione dei prodotti di arredo. Tra alcuni dei pezzi più iconici troviamo

  • Parete mobile in compensato curvato, sedia LCW e tavolino in plywood, 1945: il divisorio è realizzato con fasce di compensato curvato larghe 25 cm, collegati tra loro con delle giunzioni flessibili.
Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo – “Il mondo di Charles e Ray Eames – PARTE1” è concessa in licenza sotto by Z33 House for Contemporary Art

  • Eames Storage Units, 1950: una libreria innovativa dotata di scaffali e scrivanie multifunzione.
  • LTR (Low Table Rod Base), un piccolo e versatile tavolo multifunzionale.
  • Le sedie Bikini, 1953-56: con la struttura in rete metallica.
  • Lounge Chair and Ottoman, 1956: una vera icona del design con la struttura in metallo e palissandro e i rivestimenti in cuoio.
Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo – “2/11 – La poltrona Eames” è concessa in licenza sotto di Charlievdb

  • DAR, RAR, DAX e DAW Eames Fiberglass Chair: una serie di poltroncine in fiberglass. In versione classica, leggera ed elegante o a dondolo.
Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo – “Mostra essenziale di Eames” è concessa in licenza sotto by Studio Sarah Lou

Oltre agli arredi si sono occupati anche di realizzare dei giocattoli, come l’elefantino in legno e un gioco di carte componibili, del 1952, House of Cards. Un mazzo di 54 carte che potevano essere incastrate fra loro e comporre diverse combinazioni di disegni e colori.

Charles e Ray Eames

Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo
– “Elefante di Eames” è concessa in licenza sotto by Design Trust for Public Space

Pillole di Curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  •  Tra il 1950 e il 1978, Charles e Ray Eames realizzano oltre 100 film.
  • La chaise longue realizzata in collaborazione con Zenith Plastic è il primo prodotto al mondo che viene realizzato con la plastica a vista.
  • L’elefantino giocattolo in legno compensato, sviluppato nel 1945, non viene prodotto in serie. Si deve aspettare l’avvento dei materiali plastici per una sua produzione industriale.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project