Pillole di Storia nel Design: la nascita della Lampada Fortuny per gli Studi Fotografici

In questo appuntamento con la storia nel design andiamo a scoprire l’origine e il progetto dell’iconica lampada Fortuny che prende il nome dal suo creatore Mariano Fortuny. Insieme a Madrazo, nel 1903, progetta quella che è divenuta un vero e proprio oggetto di design contemporaneo. È diffusa in tutto il mondo e particolarmente utilizzata dai fotografi sui propri set, soprattutto in versioni aggiornate.

Lampada Fortuny: il suo design inconfondibile e la sua luce avvolgente

Non un oggetto qualunque, Fortuny è la lampada che ha rivoluzionato l’illuminazione dei palcoscenici. Caratterizzata e utilizzata per la sua luce indiretta e morbida, rende perfetto qualsiasi set fotografico donando un’atmosfera diffusa e avvolgente.

Il suo design è semplice ma estremamente e contemporaneamente sofisticato. Fortuny prende l’idea della base portante dal treppiede (o cavalletto) della macchina fotografica, dove la gamba centrale è regolabile per l’altezza. L’asta è composta da tubi di acciaio verniciato con misure prestabilite e ad incastri geometrici.

Mentre per la realizzazione del paralume, Mariano Fortuny decide di invertire i classici e tipici dell’epoca, permettendo di orientare la luce nella direzione desiderata, rendendo quindi il paralume stesso, uno strumento ribaltabile, a forma di una cupola ad arco. La sua principale funzione è proprio quella di ammorbidire la luce e grazie alla mobilità del paralume, i raggi non vengono proiettati direttamente sul soggetto da illuminare, ma riflettono su di un ombrello bianco che contribuisce alla diffusione di un grande e morbido fascio di luce.

Il materiale scelto che costituisce il paralume è cotone ignifugo.

lampada fortuny

La nascita della Lampada Fortuny per gli Studi Fotografici – Dezso Merlics per shutterstock

Mariano Fortuny: artista a tutto tondo

Al signor Fortuny si deve riconoscere una certa inventiva e soprattutto poliedricità. Difatti non era un tecnico o un inventore. Si definiva un artista.

A Venezia creava e vendeva abiti in stoffa preziosa, dipingeva e installava scenografie. Ma come hobby aveva proprio la fotografia. E proprio da questa passione, correlata alla messa in scena in teatro, si fa strada quest’intuizione moderna, risultata poi divenire il prototipo di tutte le lampade postume utilizzate negli studi fotografici.

Pillole di Storia nel Design: Charles e Ray Eames e le origini del Design Contemporaneo

Lampada Fortuny: le 3 versioni realizzate

Non una ma bensì 3 differenti versioni della lampada Fortuny

  1. Moda
  2. Century
  3. Ornaments

Le differenze principali tra queste edizioni toccano gli aspetti cromatici e dimensionali della lampada. Caratteristiche e colori che delineano ogni versione in base alle esigenze d’illuminazione, spazio e gusto.

Pillole di Storia nel Design: le Sedute Pubbliche di Diana Cabeza

Pillole di Curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il peso totale di una lampada Fortuny può arrivare a poco più di 12 kg.
  • Le sue dimensioni standard sono: una larghezza di 935 mm, una profondità di 820 mm, l’altezza variabile tra i 1900 e i 2400 mm ed infine il diametro del paralume, di  ø 860 mm.
  • La lampadina utilizzata è ad incandescenza, di 500 watt.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project