5 libri indispensabili nella collezione di un Interior Designer

Cinque libri che  vi consigliamo se amate l’arredamento e l’Interior Design.

Sia che siate semplici appassionati dell’arredo, che professionisti dell’Interior  Design  o dell’Home Style, questa carrellata di proposte editoriali vi aiuteranno nella formulazione delle idee, accompagnandovi con continui stimoli sensoriali e ispirativi.

Jennifer  Oz: 1000 idee per abbinare i colori.

Questa che si presenta come “guida completa per abbinare i colori” è una autentica rivelazione. Come abbinare i colori e come applicare uno schema cromatico che funzioni? Il libro è una continua fonte di ispirazione  per chi operi con i colori in ogni aspetto della propria vita professionale o personale.

Un’opera utile per chiunque ami il colore e sia in cerca di palette cromatiche creative da poter inserire nel suo ambiente, dall’arredamento alle composizioni floreali, dalla semplice tinteggiatura delle pareti all’allestimento di feste e matrimoni. Un libro per superare le solite combinazioni cromatiche.

Will Taylor – Rinnova la tua casa con il colore

Il sottotitolo di quest’opera ne anticipa il tema: “tanti schemi di colore per dare un look nuovo al tuo arredamento”. L’autore, Will Taylor di Bright, è uno dei maggiori blogger a livello mondiale. Dal lancio di  www.brightbazaarblog.com nel 2009, è diventato una delle risorse di interior design più influenti al mondo.

Oggi Bright Bazaar conta più di 400.000 lettori al mese ed è stato riconosciuto come il settimo miglior blog di Interior Design a livello mondiale dal quotidiano The Daily Telegraph. Con  questo libro impareremo a giocare con i tessuti  e i  pattern, e Will  ci  trasferirà il know how necessario per riprodurre il suo stile nei  nostri interni, attraverso dieci cocktail ispirati a diverse palette cromatiche. Il tutto accompagnato da  oltre 350 nuovissime foto a colori scattate in interni di piccole o grandi dimensioni, in tutto il mondo. Pratico e utile, divertente e e appassionante all tempo stesso

Kelly Hoppen: Ideas – Creating a home for the way you live

I libri di Kelly Elaine Hoppen non dovrebbero mancare nella libreria di un professionista di interni. Purtroppo i primi sono fuori edizione. Segnaliamo dunque l’ultimo della sua lunga serie dedicata all’uso sapiente dei colori neutri e dei rapporti tra forme e oggetti. Per Kelly Hoppen  le idee sono una fonte indispensabile di ispirazione e consulenza per chiunque intraprenda progetti di casa o ristrutturazione, indipendentemente dalle dimensioni o dal budget.

Attingendo all’eccezionale talento ed esperienza professionale di questa designer di fama mondiale, creare una casa per il modo in cui vivi diventa non solo realizzabile, ma anche un’eccitante prospettiva di design. Attraverso fotografie e piani Kelly spiega il processo creativo coinvolto nel trasformare un concetto in realtà. Considera ogni elemento di una casa, dalle pareti alle finestre, dai pavimenti alle porte, alle scale, all’illuminazione e altro ancora, dandoti il ​​know-how per prendere decisioni di decorazione informate e pensare oltre le soluzioni ovvie.

Riccardo Falcinelli: Cromorama. Come il colore ha cambiato il nostro sguardo. 

Aiutandosi con la narrazione e con 400 illustrazioni, Falcinelli – autore già apprezzato per il suo “Critica portatile al Visual Design” – racconta e ricorda come il nostro modo di interpretare i colori si sia trasformato nel corso dei secoli.

E lo fa prendendo a  piene mani dall’intero bagaglio dell’iconografia classica e moderna.

li insegna Psicologia della percezione presso la facoltà Isia Roma Design ed è uno dei più apprezzati visual designer sulla scena della grafica  italiana.

 

.

Massimo Hachen – Scienza della visione
Spazio e Gestalt, design e comunicazione

Questo è un libro prima di tutto rivolto ai Designer, agli Interior Designer, ai Grafici e agli Architetti. Tuttavia è utile a chiunque si occupi di comunicazione.

Descrive quelli che sono gli elementi principali che guidano  il nostro percepire  la realtà attraverso la visione. Si tratta del testo di riferimenti di un corso universitario che l’autore ha tenuto  per diversi anni  e che era stato ideato da Nino Di Salvatore negli anni Cinquanta con il nome di “Scienza della Visione”.

Materia di un corso di basic design in cui argomenti  come forma, spazio, Gestalt, illusione, prospettiva, ritmo assumono le voci dei capitoli il cui si passa dalla psicologia all’estetica, dalla storia dell’arte al design.  Dove ogni argomento è  passato al setaccio con esercizi di percezione visiva che permettono di sperimentare le nozioni apprese.

 

Foto di copertina di Diignat su Shutterstock

 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.