Le iniziative sostenibili nel mondo: condominio 25 Verde, l’edificio foresta a Torino

Tra le iniziative sostenibili nel mondo non si può non citare il condominio 25 Verde, il primo edificio foresta, ideato dall’architetto Luciano Pia, che sorge a Torino. Proprio come un polmone verde offre ossigeno e una ventata di freschezza ad un centro industriale parecchio inquinato dal punto di vista atmosferico. Il “condominio 25 Verde” ha l’obiettivo di coniugare innovazione architettonica, qualità ambientale e prestazioni energetiche, oltre ad avere un aspetto esterno molto particolare e singolare. Infatti, in quest’edificio, che coniuga ingegno creativo, sostenibilità e attenzione al verde cittadino, gli alberi sono lasciati al loro stato naturale, crescono di giorno in giorno, creando anche un clima ideale che evita i forti sbalzi climatici. Inoltre, il verde che circonda l’edificio ha anche lo scopo di difendere i residenti da smog e rumore.

Condominio 25 Verde: la sintesi di architettura urbana e sostenibile

Condominio 25 Verde è una struttura residenziale totalmente pensata per trasformare la città e i suoi inquilini in senso green. Questo progetto è già diventato un caso di studio, per la sua innovatività. Infatti, lo stesso creatore, Luciano Pia ha definito l’intera costruzione come una sorta di foresta abitabile, una casa sugli alberi come quella che sognano tutti da bambini. Gli alberi in acciaio rappresentano la struttura dell’edificio, proprio come avviene in una foresta. Le piante immergono le loro radici nei terrazzi dai profili irregolari e sui tetti, creando rigogliosi giardini.

Le iniziative sostenibili nel mondo condominio 25 Verde, l’edificio foresta a Torino

Le iniziative sostenibili nel mondo condominio 25 Verde, l’edificio foresta a Torino – Flickr foto di hillman54

Architettura innovativa made in Italy

La spinta innovativa del progetto si percepisce già guardando l’esterno dell’edificio dove gli elementi strutturali alberiformi in Cor-Ten sostengono grandi terrazzi. Inoltre, ampie pareti vetrate si aprono sia sulla strada che sul giardino interno e grazie a tecnologie innovative e di ultima generazione il palazzo garantisce il massimo risparmio energetico e il minor impatto ambientale. Infatti, l’involucro è stato studiato attentamente per offrire le migliori prestazioni energetiche dell’edificio. Il cappotto continuo su tutte le superfici esterne garantisce un buon isolamento termico e i serramenti ad alto isolamento termico tengono lontani spifferi e fastidiose infiltrazioni grazie al sistema di legno e vetrocamera doppio.

Le iniziative sostenibili nel mondo condominio 25 Verde, l’edificio foresta a Torino

Le iniziative sostenibili nel mondo condominio 25 Verde, l’edificio foresta a Torino – Flickr foto di Fred Romero

Il Bosco Verticale Torino

Il progetto di Luciano Pia, Condominio 25 Verde è considerato il Bosco Verticale di Torino. Questo è un progetto, che come il Bosco Verticale di Milano, di Stefano Boeri Architetti, raggiunge la massima sintesi tra sostenibilità e architettura. Entrambi gli edifici sono stati costruiti negli ultimi vent’anni con l’intento di integrare la costruzione con una fiorente vegetazione sulle facciate. Condominio 25 Verde è il primo esperimento di bio architettura eco sostenibile a Torino che ha come obiettivo l’instaurazione di un rapporto equilibrato tra l’ambiente e il costruito, soddisfacendo i bisogni delle attuali generazioni senza compromettere, con il consumo indiscriminato delle risorse, quello delle generazioni future.

Le iniziative sostenibili nel mondo: Lifehaus la casa off-grid, economica e di riciclo

Sostenibilità ambientale e efficientamento energetico

Nel Condominio 25 Verde gli impianti lavorano insieme all’edificio per garantire il raggiungimento di elevati standard energetici come la produzione del calore e del freddo con pompe di calore ad acqua di falda, il recupero del calore per l’abbattimento dei costi di raffrescamento, il risparmio idrico tramite la raccolta dell’acqua piovana, il risparmio idrico ed energetico tramite gli economizzatori d’acqua. L’edificio occupa un’area di 7.500 mq e ospita complessivamente 63 unità abitative tutte diverse tra loro e tutte dotate di 2 terrazzi ciascuna. Inoltre, la presenza di 150 alberi ad alto fusto costituisce un microclima che conferisce un apporto di ossigeno quantificabile in 150 litri all’ora. Una quantità in grado di assorbire anidride carbonica e filtrare le polveri sottili. La scelta delle specie vegetali rappresenta una vera e propria scelta architettonica in cui le piante si fanno materiale e contribuiscono in maniera fondamentale alla realizzazione dell’effetto finale.

Le iniziative sostenibili nel mondo: a Matera i casali hi-tech

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’architetto torinese Luciano Pia dal 2010 organizza lezioni e workshop sul tema dell’edilizia ecosostenibile alla Laval University in Quebec, nei politecnici di Torino e Milano, prestando particolare attenzione alle questioni dell’efficienza energetica e agli interventi a basso impatto ambientale.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.