Il bagno sostenibile è in legno

Il bagno sostenibile è in legno: ecco alcuni consigli per scegliere al meglio materiali ecosostenibili e innovazioni tecnologiche che rendono smart la stanza da bagno.

La riduzione dei consumi in bagno è un argomento che preoccupa sempre di più gli italiani, sia dal punto di vista etico che economico. La tecnologia, oltre a essere uno strumento funzionale e di personalizzazione dell’atmosfera, diventa fondamentale per responsabilizzare le persone sull’importanza del risparmio energetico e di acqua nella stanza da bagno.

Il bagno sostenibile nelle case smart degli italiani

Shutterstock – Peshkova

Una delle tendenze in maggiore sviluppo è infatti quella che vede l’integrazione di dispositivi smart e tecnologie che permettono di attuare strategie sostenibili all’interno delle abitazioni. Utilizzando il colore sottoforma di componente luminosa, o visualizzando infografiche e illustrazioni su App che dialogano in tempo reale con rubinetterie e arredi, informarsi e tenere sotto controllo i propri consumi diventa estremamente semplice e intuitivo.

Inoltre, l’automazione di miscelatori e sistemi domotici permette di autoregolare le operazioni quotidiane. È possibile infatti monitorare la quantità d’acqua impiegata per la doccia, ma anche risparmiare energia gestendo al meglio l’illuminazione e il microclima della stanza.

La temperatura risulta un fattore importantissimo per il benessere in bagno e può impattare notevolmente sui costi energetici della casa. Per questo motivo, sono stati sviluppati termostati intelligenti che utilizzano meccanismi di autoapprendimento, diventando sempre più efficienti nel corso del tempo grazie all’acquisizione di dati sull’isolamento dell’edificio e sulle prestazioni della caldaia domestica.

Ma il bagno sostenibile non è solo smart.

Per quanto lo sviluppo tecnologico e la domotica entrano con grande impatto nelle nostre vite e nelle nostre case, non tutti oggi decidono di circondarsi di strumenti intelligenti per poter fare scelte sostenibili nell’arredo bagno.

La sostenibilità infatti passa anche attraverso un’adeguata soluzione d’arredo fatta di materiali ecocompatibili, la cui produzione e futuro smaltimento non comporteranno rifiuti per il Pianeta. Possiamo contenere gli sprechi d’acqua contenendo l’uso che ne facciamo nelle azioni domestiche quotidiane. Risparmiare energia elettrica si può evitando gli sprechi e conducendo una vita da consumatori attenti all’ambiente.

Come arredare il bagno sostenibile

Credits: www.xlab.design

Il legno è uno dei materiali più usati nella storia dell’interior design: living, camera da letto, cucina e bagno da sempre posseggono almeno un elemento in legno. Che la vostra abitazione sia in stile classico, rustrial o shabby chic, la scelta del legno è consigliata e farà la differenza.

Arredare il bagno totalmente in legno non è indicato, in particolar modo se si parla dei rivestimenti, perché il legno, si sa, è un materiale igroscopico. Infatti i vapori e l’umidità di questo ambiente risulterebbero dannosi per pareti e pavimenti. Ma è possibile rendere la nostra stanza del benessere un luogo caldo e ospitale con questo materiale naturale.

Quando si pensa al legno è possibile davvero pensare a moltissime soluzioni, dalle più eleganti e minimal a quelle più estrose. La nuance del legno cambia molto l’aspetto finale del nostro bagno sostenibile: leggi il nostro approfondimento su come arredare la casa con materiali sostenibili.

Credits: www.xlab.design

Possiamo pensare a un mobile dedicato al lavabo che riesce ad ospitare prodotti per l’igiene e asciugamani vari come nell’esempio di Xlab design; altresì molto elegante è la mensola sospesa su cui è alloggiato il lavabo, per un effetto minimal e dal design pulito.

Risulta interessante mixare in modo giusto i materiali d’arredo: amica del legno è la pietra. Gli elementi provenienti dalla natura riescono a fondersi creando un’armonia unica per la nostra casa.

Rivestimenti di pareti o pavimento in pietra sono la soluzione ideale per creare il nostro bagno tempio, scopri di più nell’approfondimento sui rivestimenti in pietra con un esperto.

Credits: www.xlab.design

Il legno e tutti i materiali ecosostenibili  (cartone, il bamboo, i pannelli in OSB e la canapa) sono oggi un’ottima soluzione d’arredo. Produzione e smaltimento hanno un impatto ambientale di gran lunga inferiore a tutti gli altri materiali appartenenti alla famiglia della plastica.

Immagine in evidenza: Shutterstock – Who is Danny

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Il bamboo è una pianta che cresce con successo in aree degradate, non utilizzate o dismesse ed è quindi particolarmente indicato per opere di bonifica, miglioramento ambientale e riforestazione. Il bamboo detiene il record di crescita del mondo vegetale. Queste graminacee hanno un incremento annuale della biomassa dal 10% al 30%. Risulta ottimo se confrontato con la performance di alberi (2-5% anche per specie arbustive a crescita rapida).
  • L’industria italiana del Legno Arredo è sempre più attenta alla sostenibilità, vantando performance ambientali da primato in Europa (eco-design, durabilità, biomateriali e materiali riciclati, riduzione delle sostanze inquinanti, efficienza energetica, riuso e upcycling e certificazioni ambientali). Secondo il dossier di edilportale, l’industria italiana del mobile utilizza, sul fronte dei consumi di energia elettrica, 30 tonnellate equivalenti di petrolio (tep) ogni milione di euro prodotto, contro le 68 della media dei Paesi Ue, le 39 del Regno Unito, le 56 della Francia, le 63 della Germania, le 101 della Spagna.
  • Secondo il rapporto di FederlegnoArredo, nel 2017 le costruzioni in legno hanno rappresentato il 7 per cento delle nuove abitazioni italiane – dato in crescita di un punto percentuale rispetto al 2014 -con un numero di edifici realizzati stimato pari a 3.224. E il 90 per cento di questa cifra è appartiene al settore residenziale.

SE TI È PIACIUTO L’ARTICOLO  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione