Case in legno: come proteggerle dalla pioggia?

Le case in legno sono sempre più diffuse. Il legno è un materiale naturale, efficiente e sostenibile, risorsa rinnovabile per eccellenza. Le case in legno sono resistenti ma rischiano di marcire se incontrano l’acqua e nel tempo non si interviene. Una costruzione di qualità e un’accurata manutenzione annullano il rischio di deterioramento, connesso all’acqua, delle case in legno. Ecco come proteggere le case in legno dalla pioggia.

Case in legno: come proteggerle dalla pioggia?

La pioggia, in generale, non rappresenta una minaccia per l’integrità del legno. Qualora però lo fosse, per proteggere le case in legno, è necessario intervenire con un’accurata manutenzione periodica e programmata mediante l’utilizzo di specifici trattamenti impregnanti. Si tratta di particolari vernici idrorepellenti come quelle usate per le imbarcazioni. Con una sola applicazione la superficie della casa in legno sarà protetta dalla pioggia, dall’umidità e dalla neve. Per proteggere le case in legno dalla pioggia è possibile anche utilizzare della vetroresina liquida. Oggi però le case in legno non risultano direttamente esposte alla pioggia e quindi l’acqua non rappresenta un problema per costruzioni di questo tipo.

Quanto costa costruire una casa in legno? Architettura e bioedilizia

Le case in legno e il problema dell’umidità

Uno degli aspetti più critici delle case in legno è il problema dell’umidità che nasce proprio nel punto di contatto della struttura con il terreno. Il punto di appoggio di una casa in legno, dunque, può far scaturire la cosiddetta umidità di risalita: l’acqua che ristagna nel terreno risale lungo le pareti rischiando di farle marcire. Con una corretta progettazione della struttura è possibile ovviare a questo problema. Una fondazione rialzata realizzata in cemento per l’installazione dei dormienti in legno e le relative pareti, è fondamentale per eliminare il problema dell’umidità. In tal modo il legno non viene a contatto con l’acqua e quindi non si deteriora.

L’umidità può avere origine anche dall’interno dell’abitazione a causa delle normali attività che si svolgono in casa nell’arco della giornata. Cucina e bagno sono ovviamente le stanze in cui si produce maggiore umidità, ma anche in camera da letto la semplice respirazione umana genera vapore acqueo. Tale umidità, a lungo andare, si infiltra nelle pareti facendole marcire. Per ovviare al problema dell’umidità interna è possibile prevedere

  1. dei sistemi di ricambio d’aria, ovvero sistemi di ventilazione naturale o controllata, che favoriscono il ricambio dell’aria impedendo la formazione di umidità e muffe;
  2. un freno vapore, ovvero una membrana inserita nella struttura che impedisce all’umidità interna di raggiungere e intaccare il legno.

Gli attuali sistemi costruttivi in legno

Le moderne case in legno sono progettate con elevati standard di qualità e gli elementi costruttivi non risultano esposti in modo diretto alla pioggia perché riparati da gronde o tettoie. Non solo. Gli attuali sistemi costruttivi in legno prevedono una serie di strati esterni che ricoprono la parte strutturale, evitando che la casa in legno sia direttamente esposta all’esterno. Le pareti in legno vengono ricoperte da uno strato isolante e una finitura per impedire la penetrazione di acqua e umidità dall’esterno.

10 materiali sostenibili per la casa del futuro

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Le case in legno rappresentano una soluzione costruttiva moderna e affidabile, molto diffusa all’estero (Germania, Austria, Svezia, Europa dell’est) e con ottimi riscontri anche in Italia, dove sta diventando sempre più un metodo di costruzione alternativo ai tradizionali sistemi in muratura. Le aspettative sulla crescita delle imprese nel settore delle case in legno in Italia sono molto alte.
  • Le case in legno Made in Italy sono sempre più apprezzate all’estero.
  • Tra le grandi potenze mondiali leader del settore vi sono gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Germania. A seguire anche Paesi in via di sviluppo, che si affacceranno sempre maggiormente alla green economy: Ucraina, Colombia, Singapore, Messico, Polonia, India. Tuttavia, secondo gli analisti, il boom più significativo verrà raggiunto da Brasile, Cina e Arabia Saudita.
  • In Italia, a livello regionale, si evidenzia il peso delle aziende del Trentino Alto Adige in termini di fatturato generato (46% del totale) e della Lombardia come numero di aziende attive stabilmente nel settore (51, pari al 21%). Per quanto riguarda la distribuzione territoriale delle abitazioni, la Lombardia è al primo posto con il 20% delle costruzioni realizzate, seguita da Veneto (18%) ed Emilia Romagna (15%).

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web