Viaggiare in Europa per il ponte del 1 novembre

Il ponte del 1 novembre è alle porte e molti desiderano organizzarsi per un breve viaggio. Vediamo 5 mete in Europa da scoprire in pochi giorni.

 

Il ponte del 1 novembre 2019

Il primo novembre si festeggia il giorno di Ognissanti, festività cristiana e civile, considerata popolarmente l’onomastico delle persone il cui nome non compare nel calendario cristiano. Le commemorazioni dei Santi della Chiesa iniziarono ad essere celebrate nel IV secolo.

In questa festività solitamente si organizzano momenti di aggregazione con la famiglia oppure uscite fuori porta. Organizzare un viaggio è possibile purchè tenendo presente i giorni di festività a disposizione. Nel 2019 il ponte del 1 novembre è possibile grazie al fatto che il primo giorno del mese capita di venerdì, permettendo, quindi, di allungare il fine settimana prenotando una piccola vacanza.

Viaggiare per il ponte del 1 novembre

Si tratta quindi di un weekend da trascorrere in vacanza: moltissime le proposte di itinerari per un weekend, vediamo 5 alternative.

Rocamadour – Francia

 il ponte del 1 novembre

Shutterstock – bjul

Partiamo dai nostri amati cugini francesi. Parigi è sempre stata una meta molto gettonata, così come la Costa Azzurra. Ma la Francia possiede delle vere e proprie gemme rare. Una di queste è Rocamadour, una città sulla roccia sospesa tra il cielo e la terra. In questa meravigliosa cittadina si contano poco più di 700 abitanti. Segnalato come uno dei più bei villaggi francesi, il borgo si erge sul maestoso canyon dell’Alzou. Per raggiungerlo si utilizza un ascensore oppure attraverso 216 scalini della scalinata, che secondo la leggenda popolare, veniva affrontata in ginocchio dai pellegrini.

Porto – Portogallo

il ponte del 1 novembre

Shutterstock – ESB Professional

Una bellissima meta pe un weekend: Porto è la città del vino e delle degustazioni al tramonto, del baccalà e della francesinha. Ricca di saliscendi, la città offre scorci suggestivi: molto particolare è il quartiere della Ribeira, che non deve mancare nell’itinerario del weekend. In Portogallo è difficile non vedere gli azulejos, dovunque ci si trovi: gli azulejos attraversano stili e linguaggi di tutte le epoche e rallegrano ogni gita o escursione. Al-zuleique è la parola araba che ha dato origine a quella portoghese azulejo e indicava la “piccola pietra liscia e levigata” che i mussulmani usavano nel medioevo. Il modo come gli arabi impiegavano gli azulejos per decorare i pavimenti piacque molto ai sovrani portoghesi e questo tipo di decorazione finì per svolgere un ruolo importante nell’architettura a partire dal XVº secolo. Si può affermare che il modo come quest’arte è stata adottata in Portogallo, non ha eguali in nessun altro paese europeo.

Metèora – Grecia

il ponte del 1 novembre

Shutterstock – EGUCHI NAOHIRO

La Grecia regala sempre mete mozzafiato a chiunque la visiti. Nel nord di questa spettacolare nazione troviamo la piccola località di Metéora, nei pressi di Kalambaka. Una meta davvero particolare con le sue piccole vie da percorrere per scoprire i bellissimi 24 monasteri, di cui solo 6 oggi sono abitati. Per raggiungerli un tempo bisognava essere issati su con delle corde; oggi ci sono le scale nella roccia. Un luogo unico per natura e architettura, tutto da scoprire nel weekend del ponte del 1 novembre.

Siviglia – Spagna

il ponte del 1 novembre

Shutterstock – May_Lana

Siviglia è una delle città spagnole più belle da vivere anche con l’arrivo dei primi freddi autunnali. Il clima spagnolo vi riscalderà durante le lunghe passeggiate alla scoperta della città. La capitale dell’Andalusia è ricca di cultura, storia e monumenti e due giorni possono essere pochi, ma organizzandosi si riuscirà a vedere il meglio della città e per il resto potreste magari ritornarci. È una delle mete europee più economiche, dunque, se state cercando una città in cui spendere poco, Siviglia è l’ideale.

Bruges – Belgio

il ponte del 1 novembre

Shutterstock – TTstudio

Bruges è una cittadina incantevole che ha saputo conservare l’aspetto medioevale con le case in mattoni, i campanili, i vecchi ponti. È raggiungibile in treno in pochi minuti partendo da Bruxelles, ma vi stupirà per l’atmosfera romantica che si respira. Basta passeggiare tra le stradine di ciottolato o fare un giro in battello lungo i canali per godere di quest’aria così rasserenante. Impossibile restare indifferenti al fascino di Bruges.

Vacanze da eremita: le 5 mete più belle in Europa

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • A Bruges ci sono due musei “alimentari”: quello dalla cioccolatae quello delle patatine fritte. Deduciamo facilmente, quindi, quali sono le due eccellenze gastronomiche locali.
  • A Siviglia solo negli ultimi 15 anni si è sviluppata l’attenzione per l’uso della bicicletta in città: prima di allora c’era una sorta di avversione verso questo mezzo poco diffuso tra i cittadini. Oggi troviamo piste ciclabili e un largo uso comune del bike sharing.
  • Rocamadour ha un impianto originario di età medievale ed è conosciuta ancora oggi come la città dei sette santuari.

 

Credits immagine in evidenza: Shutterstock – Vasin Lee

 

SE TI È PIACIUTO L’ARTICOLO  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione. Consulente digitale e Instagram Strategist.