La foresta blu di Hallerbos in Belgio, tra natura e magia

Esiste un luogo in Belgio magico per gli amanti della natura definito la foresta blu di Hallerbos. Ecco tutto quello che c’è da sapere per poterla visitare.

Guardare la bellezza della natura è il primo passo per purificare la mente.
– Amit Ray

La foresta blu di Hallerbos in Belgio, tra natura e magia

shutterstock_Stefano Termanini

La foresta blu di Hallerbos: un luogo unico nelle Fiandre

In Belgio c’è un bosco magico che ogni primavera fa sognare migliaia di visitatori. Si trova poco a sud di Bruxelles, vicino alla cittadina di Halle, in un’area delle Fiandre al confine con la Vallonia. Bois de Hal, Hallerbos in fiammingo, è famosa per i suoi splendidi sentieri ed è la meta ideale per escursionisti e amanti della fotografia e della natura. Hallerbos è una foresta principalmente di faggi, che ospita tuttavia anche altre specie di alberi (querce, aceri e tigli, per esempio). Una passeggiata sotto le chiome è già bella di per sé, ma quello che rende Hallerbos affascinante e unico è la fioritura che avviene ogni primavera, solitamente nella seconda metà di aprile e nei primi giorni di maggio.

La foresta blu di Hallerbos in Belgio, tra natura e magia

shutterstock_CroMary

La foresta blu di Hallerbos e il suo aspetto fatato

C’è un periodo dell’anno in cui questa foresta inizia a colorarsi e ad assumere un aspetto fatato. Accade proprio durante la fioritura primaverile quando fiorisce il Hyacinthoides non-scripta, una specie che ricopre come un tappeto tutto il sottobosco. L’effetto ottico finale è che il terreno diventa blu tendente al viola. Sono le piccole campanelle del fiore che spuntano tutte insieme e regalano una visione indimenticabile, soprattutto durante le prime ore del giorno e le ultime, verso il crepuscolo, quando i raggi caldi del sole entrano tra le chiome dei faggi.

La foresta blu di Hallerbos in Belgio, tra natura e magia

shutterstock_iacomino FRiMAGES

La foresta blu di Hallerbos è la meta turistica ideale

Un circuito turistico interessante tenuto costantemente attivo anche online. Infatti, il sito web di Hallerbos è sempre aggiornato, nel periodo della fioritura, per mostrare lo stato dei fiori e consigliare le modalità di visita. Nel bosco ci sono vari percorsi, da fare a piedi o in bicicletta; non è raro vedere qualche capriolo. Uno degli itinerari permette anche di scoprire le bellissime sequoie giganti presenti in una parte del parco. In questa foresta è possibile anche prenotare le visite guidate per una passeggiata più consapevole delle meraviglie naturali che ci circondano. Assolutamente vietato uscire dai sentieri calpestando i fiori né, tantomeno, coglierli e sottrarli alla natura. Si tratta di un’oasi naturale da rispettare e da tutelare. Qui trovate tutte le informazioni sulla foresta: hallerbos.be e visitflanders.com.  

La foresta blu di Hallerbos: come arrivare

La foresta di Hallerbos è facilmente raggiungibile da Bruxelles, sia in auto che con i mezzi pubblici.

  • Durante i giorni infrasettimanali:dalla stazione di Halle a “Vlasmarkt”: autobus TEC numero 114 (10 min). Per gli orari, visitare il sito: infotec.be
  • Durante i giorni festivi e nel week-end:dalla stazione di Halle a “Lembeek Congo”: De Lijn Bus numero 156 (17 minuti di autobus + 17 minuti a piedi fino al “Vlasmarktdreef”, ingresso della foresta). Un autobus all’ora. In alternativa, dalla stazione di Halle a “Essenbeek Mooi Vergezicht”: De Lijn autobus 155 (15 minuti in autobus + 15 minutes a piedi fino al Parking 1 Hogebermweg, ingresso della foresta).
    Per gli orari, visitate il sito: delijn.be

I più sportivi e gli amanti della bicicletta, possono raggiungere la cittadina di Halle pedalando per circa un’ora lungo lungo il canale che la collega a Bruxelles.

La foresta blu di Hallerbos in Belgio, tra natura e magia

shutterstock_Alexandros Moridis

Visitare la foresta nera delle fiabe dei fratelli Grimm: tra natura e mistero

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Sul sito della foresta è possibile scaricare in anteprima la mappa con gli itinerari.
  • L’uso dei droni non è consentito nella foresta.
  • Per poter scattare foto in questo “museo all’aperto” bisogna chiedere autorizzazione al botteghino di ingresso come fotografi.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione. Consulente digitale e Instagram Strategist.