Parma festeggia l’Epifania con il Corteo dei Magi. La città Emiliana ogni anno celebra le festività natalizie con un appuntamento dedicato al Presepe: la Mostra dei Presepi di Parma, all’interno del Chiostro del Convento Francescano della SS.Annunziata, giunta alla XXV edizione.

L’Associazione Italiana Amici del Presepio Sede di Parma

Un appuntamento organizzato dall’Associazione Italiana Amici del Presepio Sede di Parma, che quest’anno festeggia il 40esimo anniversario di fondazione e i 25 anni di Mostra dei Presepi. La sede di Parma fa parte dell’Associazione Italiana Amici del Presepio, fondata a Roma 1953 con lo scopo di riunire i tanti appassionati del presepe, una tradizione nata in Italia che accomuna fede, religione, arte, storia e tecnica. La sede di Parma fu fondata nel 1979, e negli anni ha portato avanti questa tradizione proponendo diverse iniziative natalizie e opere presepistiche sempre nuove e anche di gran pregio, come il Presepio dell’Infanzia di Arturo Toscanini, composto da statue in cartapesta di dimensioni naturali e vestite con abiti originali di Maria Luigia d’Austria, donati dalla Duchessa al Convento nel ’700, presentato nel 1987. O il presepe ambientato nella casa natale di Giuseppe Verdi, fedelmente riprodotta dai presepisti su modello di quella di Roncole, presentato nel 2013, in occasione del bicentenario verdiano. La mostra dei Presepi rimane aperta fino al 6 gennaio, con un’apertura straordinaria il 13 gennaio 2020 e da diversi anni la stessa Associazione organizza il Corteo dei Magi, che si tiene il 6 gennaio.

Natale all’Annunziata

Nel corso degli anni il progetto Natale all’Annunziata si è arricchito di eventi collaterali alla mostra per coinvolgere un numero sempre maggiore di visitatori e famiglie, con anche l’organizzazione di visite guidate dedicate alle scuole. L’edizione del 2019 ha visto in esposizione un maggior numero di presepi rispetto agli anni precedenti, alcuni dei quali realizzati dai soci della locale sezione ed altri provenienti da diverse aree del Nord Italia. E poi una sezione dedicata all’esposizione dei diorami, una particolare tipologia di presepio che raffigura momenti della vita di Gesù raccontati nei Vangeli. E i presepi ambientati nelle cascine e nei borghi dell’Appennino e della Bassa parmense, quelli palestinesi, con ambientazione araba e differenti tipologie di statue, e i presepi realizzati con statue pregiate, come quelle di cartapesta leccese o di terracotta vestita

shutterstock_Di Renata Sedmakova

Il Corteo dei Magi

La rassegna Natale all’Annunziata si conclude ogni anno con il Corteo dei Magi, che quest’anno festeggia la decima edizione. Una tradizione per la città di Parma che ogni 6 gennaio festeggia l’Epifania con l’arrivo dei Re Magi che sfilano a cavallo attraverso il centro storico per portare oro, incenso e mirra davanti alla natività vivente, allestita in una piccola capanna nella quale una famiglia della Parrocchia impersona la Sacra Famiglia, circondata da un villaggio dove vengono messi in scena gli antichi mestieri. Ad accompagnare i Magi un corteo con musici, sbandieratori e figuranti che rappresentano l’antica e nobile famiglia dei Farnese di Parma, le famiglie che nel periodo medievale hanno dominato i feudi della Provincia, pastori e contadini, che offrono i loro doni al Bambino. Da alcuni anni la celebrazione del Corteo dei Magi si è trasformata anche in un momento di solidarietà, infatti in collaborazione con le associazioni caritative della Parrocchia, anche i cittadini offrono i loro doni che vengono raccolti per poi essere distribuiti a chi ne ha bisogno.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La tradizione del Presepe Vivente nasce nel 1223 nel borgo di Greccio, vicino Rieti, dove San Francesco d’Assisi realizzò il primo presepe vivente della storia. Qui ogni anno, durante il periodo natalizio, viene messa in scena la storia della nascita di questa tradizione. I personaggi vestono costumi medievali rappresentando sei quadri viventi che rievocano la storia della nascita del presepe e di San Francesco d’Assisi.

Presepi viventi da visitare, tra fede e cultura popolare

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it