I tre laghi più importanti d’Italia

Sapevi che nel nostro Paese c’è un numero piuttosto elevato di laghi? Ecco quali sono i tre laghi più importanti d’Italia.

La maggior parte dei laghi si trova nella zona prealpina e, in particolare in queste zone, si distinguono per una maggiore grandezza e profondità rispetto ai laghi del resto d’Italia.

L’origine dei laghi italiani

laghi più importanti d’Italia

Shutterstock – Landscape Nature Photo

L’origine dei laghi italiani è piuttosto mista. Quelli presenti nella zona prealpina sono di origine glaciale: essi sono stati scavati da antichi ghiacciai che in passato coprivano le Alpi e le Prealpi e giungevano fino alla Pianura Padana. I principali laghi presenti lungo tutta la penisola italiana sono:

  • Il Lago Trasimeno, che si distingue perché molto vasto ma poco profondo. Di origine tettonica, questo è annoverato tra i più importanti laghi d’Italia e si trova in Umbria
  • Il Lago di Bolsena e il Lago di Bracciano si trovano entrambi nel Lazio. Essi hanno la caratteristica di esser stati originati dai crateri di vulcani spenti
  • Il Lago di Varano e il Lago di Lesina, situati in Puglia, sono i tipi laghi costieri.

L’origine dei laghi contribuisce alla loro geomorfologia e alle proprietà organolettiche dell’acqua che contengono. In generale i laghi italiani sono di varia origine: la maggior parte di essi ha origine glaciale, ma possono trovarsi laghi costieri, vulcanici e carsici. In alcuni casi è possibile trovarne anche di frana, di sbarramento lavico e di sbarramento morenico.

I tre laghi più importanti d’Italia

Vediamo quindi quali sono i più importanti e perché bisogna conoscerli e visitarli almeno una volta nella vita.

  1. Il Lago di Garda

laghi più importanti d’Italia

Shutterstock – BNFWork

Non possiamo non citare tra i principali, il Lago di Garda: quest’ultimo per grandezza, bellezza e turismo è tra i più significativi da conoscere e da visitare. È sicuramente il più famoso per la sua estensione: parliamo infatti di 368 km quadrati di superficie che abbracciano tre diverse regioni italiane, Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige. Il lago è lungo 52 km e largo 16 e ha una profondità di buon livello, dai 133 metri ai 346 di massima.

L’aspetto più importante che caratterizza questo lago e lo rende attivo e vissuto è un’ottima organizzazione turistica. Le rive del lago sono sempre invase da visitatori italiani e stranieri, sia per un lungo periodo di ferie, che per il weekend o la singola giornata di relax. Le attrazioni della zona sono numerose, a partire dai meravigliosi paesaggi che si possono scorgere verso sud, alle fonti termali, come quelle di Sirmione. Inoltre, i borghi che circondano il lago sono dei posti davvero incantevoli: Desenzano, Peschiera, Malcesine, Riva, Salò, Sirmione e tanti altri.

  1. Lago Maggiore

laghi più importanti d’Italia

Shutterstock – Mostovyi Sergii Igorevich

Tra i laghi più importanti d’Italia, non possiamo dimenticare il Lago Maggiore: secondo per estensione è costituito da 212 km quadrati per superficie. È il secondo per profondità, arrivando fino a un massimo di 370 metri. Questo lago è legato al fiume Ticino, che ne è sia immissario che emissario: esso sorge infatti al confine tra Lombardia e Piemonte, fino in una parte della Svizzera. Si trova praticamente nel percorso del fiume Ticino e tocca due regioni per una grande distanza.

Con la sua forma allungata, arriva quasi ai 64 km di lunghezza e circa 10 km di larghezza. Nonostante questa particolare conformazione, esso riesce a contenere molte isole, per lo più nella zona piemontese. Tra queste ultime, assolutamente da scoprire, ricordiamo le Isole Borromee, tra cui Isola Madre e Isola Bella, una delle più ritratta dai pittori. Anche il Lago Maggiore offre numerose attrattive per i visitatori: santuari ed eremi lungo le sue coste, nonché straordinari scorci e paesaggi delineati dalla silhouette dei borghi limitrofi.

  1. Lago di Como

laghi più importanti d’Italia

Shutterstock – Gaspar Janos

Il Lago più famoso della letteratura italiana è il Lago di Como dei Promessi Sposi di Manzoni. Ma non fu il solo: sembra che quel famoso “ramo del Lago di Como” fu decantato anche da Lord Byron, Franz Liszt, Mark Twain, Antonio Fogazzaro e Stendhal. Uno dei laghi che eccelle per eleganza e bellezza del paesaggio e dei borghi limitrofi, il Lago di Como è circondato da ville monumentali, dove hanno soggiornato i grandi del passato e, attualmente, molti divi di Hollywood. Una scenografia costellata non solo da grandi ville private, ma anche da importanti abbazie, promontori e oasi naturali, nonché costruzioni medievali.

Dal punto di vista geografico, il Lago di Como è uno dei più importanti d’Italia: risulta essere il terzo per estensione con ben 145 km quadrati, ma è anche il più profondo, presentando una dimensione di 410 metri nel punto più profondo. Morfologicamente assomiglia a una Y rovesciata al cui interno si trova un’unica isola, la Comacina. Di modeste dimensioni, questa isoletta possiede grandi qualità estetiche e storiche: è possibile visitare, infatti, un paio di siti inseriti nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Le più belle città da visitare intorno alle sue sponde sono, senza dubbio, Como, Lecco, Cernobbio, Bellagio, Dongo.

I laghi più importanti d’Italia sono prealpini?

laghi più importanti d’Italia

Shutterstock – Boris Stroujko

Questi tre laghi sono solo alcuni dei più importanti d’Italia e si trovano tutti nell’area prealpina. Nelle Alpi, infatti, troviamo moltissimi laghi, ma spesso non vengono citati poiché di dimensioni molto ridotte. Per gli amanti del trekking e delle passeggiate in montagna, visitarli sarà sicuramente una esperienza indimenticabile. Troviamo anche altri laghi più noti che hanno origine e localizzazione differenti: Lago di Bolsena, Lago di Bracciano, Lago Trasimeno, Lago d’Iseo, ecc.

L’estate è un buon periodo dell’anno per visitare questi luoghi in Italia, magari per un weekend o per festeggiare il ferragosto 2019.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Moltissimi, in Italia, sono i laghi artificiali creati dall’uomo. Essi si trovano un po’ ovunque: nelle vallate alpine, in quelle appenniniche e nelle principali isole. La loro costruzione, grazie alla creazione di apposite dighe, ha permesso di dar vita a riserve idriche e di alimentare centrali idroelettriche.
  • In Italia vi sono anche degli antichi laghi ormai prosciugati: un esempio è il Lago di Fucino, nell’Appennino Abruzzese. Il lago era spesso soggetto ad inondazioni e per questa ragione, nelle zone paludose circostanti, era diffusa la malaria: da qui l’esigenza di bonificarlo.
  • laghi vulcani sono molto diffusi nell’Italia peninsulare, dove il vulcanesimo è un fenomeno molto presente.

 

Credits immagine in evidenza: Shutterstock – zilber42

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione. Consulente digitale e Instagram Strategist.