Alla scoperta delle montagne lombarde

Le montagne lombarde offrono spettacoli naturali senza pari. Dai monti innevati invernali alle valli fiorite in primavera, questo territorio è tutto da scoprire ed è un’ottima meta per gli amanti dell’avventura all’aria aperta.

Dormire in un bivacco in montagna

Esplorando il cuore delle montagne lombarde

Al centro dell’alta Lombardia, è situata la val Brembana, un piccolo mondo tutto da scoprire tra piccoli borghi dove ancora si respira l’aria artigianale e ristoranti che rispettano le proprie tradizioni.

I borghi più caratteristici di questa zona sono:

  • Borgo di Bretto,
  • Cerro Foppa,
  • Borgo di Cavaglia, 
  • Grumo di San Giovanni 
  • Cornello del Tasso che si trova su uno sperone roccioso a picco sul fiume Brembo.

La Valtellina è il cuore delle Alpi e confina con il Lago di Como da un lato e dall’altro con la Svizzera e il Trentino Alto-Adige. La sua natura incontaminata è alternata da una vasta varietà di paesaggi. Qui si può esplorare la Valchiavenna con Palazzo Vertemate Franchi, il Mulino Moro di Bottonera e il Parco delle Marmitte Giganti.

Val Seriana e val di Scalve sono l’ideale per chi cerca il silenzio e chi vuole immergersi in una natura incontaminata. Da non perdere la Piazza dell’Orologio di Clusone, lo spettacolare Museo delle miniere di Gromo, il centro storico di Nembro, il Museo del Maglio a Pontenossa, e la Pala del Tiepolo a Rovetta.

Rivivere la montagna con il progetto “Paesaggio dell’Alpe” del FAI

Tra natura e tradizioni antiche

Nella Lombardia orientale si trova racchiusa dai contrafforti delle Prealpi orobiche a ovest e dei monti dell’Adamello a est la valle Camonica. Si estende per novanta chilometri diventando così una delle aree più vaste delle Alpi centrali. È caratterizzata da una grande varietà di ambienti. Parte infatti dal Lago di Iseo e si estende fino ai centri sciistici di Ponte di Legno e Montecampione. Il suo territorio è ricco di chiese e cappelle e borghi come Bienno, Iseo e Pisogne. Da non dimenticare la presenza dei parchi che proteggono le incisioni rupestri dei camuni, dichiarate dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità e che testimoniano della antica presenza dei Camuni nell’area.

La val Trompia, è chiamata anche valle dell’Oro per la storica presenza di giacimenti di ferro, ed è una splendida valle lunga circa 50 km al confine con la valle Camonica. Il territorio testimonia bene il rapporto armonioso tra uomo e ambiente tra sentieri naturalistici e piccoli borghi rurali.

La val Sassina è conosciuta come la montagna del Lago di Como. É incastonata tra il gruppo delle Grigne a est e le Prealpi Orobie a ovest e ha un affaccio sul lago. La valle detiene un prezioso patrimonio artistico grazie alle varie chiese sparse lungo tutto il suo territorio.

Andare in montagna da soli: ecco come organizzarsi e quali sono i vantaggi

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • L’Alta Valtellina è molto conosciuta per le Terme di Bormio e per i noti centri sciistici di Livigno, Aprica, Bormio e Santa Caterina Valfurva. 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it