Alla scoperta della Miniera di Sale di Wieliczka

In Polonia si può visitare una delle più antiche miniere di sale al mondo, la Miniera di Sale di Wieliczka. Un luogo affascinante, Monumento Nazionale Polacco, iscritto nella Lista del Patrimonio UNESCO dal 1978.

La storia della Miniera di Sale di Wieliczka

L’estrazione del sale in quest’area della Polonia ha lasciato tracce fin dalla preistoria, siamo a Wieliczka, poco distante da Cracovia, qui si trova una delle più antiche e forse spettacolari miniere di sale al mondo. La Miniera di Sale di Wieliczka ha origini nella seconda metà del XIII secolo quando, durante l’escavazione di uno dei pozzi, vennero trovati per puro caso i primi blocchi di sale. Questa scoperta diede inizio all’estrazione industriale del sale. Nel corso dei secoli questa attività fruttò molto alla Polonia attraendo visitatori già nel medioevo. La miniera ha continuato ad espandersi e a produrre fino al 1996, anno in cui si decise di porre fine alla produzione industriale di sale. Oggi è un luogo molto importante per la Polonia, preziosa testimonianza per le generazioni future che racconta il ruolo che ha avuto sullo sviluppo economico di quest’area. Circa un centinaio di minatori si occupano di preservare questo tesoro, dedicandosi alla sua manutenzione e alla preparazione di nuove attrazioni per i turisti.

Miniera di Sale di Wieliczka

shutterstock_By Milan Gonda

I numeri della miniera

La Miniera di Sale di Wieliczka è costruita su 9 livelli, con 245 km di corridoi, raggiunge una profondità massima di 327 metri, ed è possibile visitare solo il 2% dei suoi labirinti in salgemma. In più di 700 anni di attività al suo interno sono stati scavati 26 pozzi e ben 7,5 milioni di metri cubi di vuoti di miniera. Lungo il percorso turistico per visitare la miniera si percorrono circa 800 gradini, e la temperatura nel sottosuolo varia tra i 17°C e i 18°C. A 125 metri sotto terra si trova la Locanda del Minatore, un luogo di ristoro dove si possono assaggiare piatti tipici della cucina tradizionale polacca.

Visitare la Miniera di sale di Wieliczka

La Miniera di Sale di Wieliczka oggi è una delle attrazioni turistiche più famose al mondo, si è trasformata da impianto industriale in un luogo termale dove poter ammirare delle bellezze rare. La visita alla Torre di Gradazione permette di rilassarsi beneficiando degli effetti del sale e di purificare le vie respiratorie. Mentre la visita alla miniera porta a scoprire splendide camere scavate nella roccia, ricche di opere d’arte scolpite nel sale e preziosi lampadari realizzati con cristalli di sale, laghi sotterranei e maestose costruzioni in legno. Il percorso turistico prevede l’esplorazione di circa 3 chilometri di corridoi sotterranei, scendendo fino a 135 metri di profondità. Durante il percorso si incontrano sculture di sale e bassorilievi raffiguranti santi o scene bibliche, realizzati dagli stessi minatori. Da non perdere la tappa alla cappella di San Kinga realizzata da minatori-scultori, un tempio sotterraneo, che si trova a 101 metri sotto terra, dedicata a santa Kinga, patrona dei minatori di sale. E alla Cappella di Sant’Antonio, la più antica cappella nella miniera, scavata alla fine del XVII secolo, nei pressi del pozzo attraverso il quale si scendeva nella miniera per consentire la preghiera prima di iniziare il lavoro.

La misteriosa foresta con alberi arcuati in Polonia

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Alla fine del medioevo nella Miniera di sale di Wieliczka lavoravano circa 300-500 persone e la produzione annua del sale raggiungeva le 7-8 tonnellate.
  • La miniera era nota come meta da visitare già nel medioevo, infatti pare che nel 1493 tra i visitatori ci fu l’astronomo Niccolò Copernico, al quale è stata dedicata una camera e una scultura nella miniera.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

esperta in design e artigianato, curo anche la rubrica Habitante Viaggiatore per raccontare le bellezze dell'Italia, tra regioni e province