Sapete cuocere la pasta? Cinque step da seguire

Cuocere la pasta alla perfezione può sembrare semplice ma in realtà è un’attività che richiede attenzione e non ammette errori. Non occorre semplicemente utilizzare ingredienti di qualità, ma anche saperla cuocere al punto giusto.

Pasta integrale: quali sono i suoi reali benefici

Come cuocere la pasta: il procedimento

Per cuocere la pasta senza sbagliare occorre seguire attentamente alcuni passaggi. Ecco quindi alcuni accorgimenti da seguire per non sbagliare e per portare in tavola un piatto perfetto.

1.    La pentola giusta

Per cuocere la pasta bisogna utilizzare una pentola che possa contenere la quantità d’acqua che serve per riempirla e il formato di pasta da cuocere. Per la pasta corta è opportuno scegliere una pentola larga e dai bordi bassi mentre, per quella lunga, ne servirà una larga ma con i bordi più alti.

2.    La dose d’acqua

Il rapporto tra acqua e pasta dovrebbe essere di un litro di acqua ogni 100 gr di pasta. Inoltre, non riempire mai completamente la pentola, ma solo fino ai 2/3 della capienza. Tenere anche in considerazione la grandezza del fornello perché una fiamma troppo piccola per una pentola dalle grandi dimensioni impedirebbe all’acqua di bollire rapidamente. Per far bollire l’acqua in maniera più veloce un trucco è quello di coprire la pentola con il coperchio.

3.    Calare la pasta

Quando l’acqua giunge a ebollizione è possibile calare la pasta in un colpo solo in modo tale da darle un tempo di cottura uniforme. A questo punto bisognerà mescolare la pasta ogni 2/3 minuti, utilizzando preferibilmente un cucchiaio di legno, per evitare che si attacchi e di assaggiarla

4.    Scolare

Per scolare la pasta, versare il contenuto nello scolapasta, per fare in modo che l’acqua vada a finire nello scarico del lavandino, ed agitarlo delicatamente per rimuovere il liquido in eccesso. Non aggiungere mai dell’olio e di non raffreddare mai la pasta sotto l’acqua fredda, a meno che non si voglia preparare la pasta all’insalata.

5.    Conservare l’acqua di cottura

È opportuno conservare e tenere da parte circa 200 ml di acqua di cottura con un mestolo e di riporre l’acqua all’interno di una tazza. Con questa è possibile non solo diluire sughi e salse quando sono troppo densi, ma anche scrostare le stoviglie e pulire gli attrezzi utilizzati per cucinare.

Perché gli italiani amano la pasta integrale e senza glutine?

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • I tempi di cottura riportati sulle confezioni di pasta devono essere rigorosamente rispettati al fine di ottenere un risultato ottimale.
  • Il sugo, o il condimento in generale, va aggiunto quando la pasta è ancora calda per farlo amalgamare bene.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Share Post