Perugia: i migliori ristoranti in città per “The Fork”

Un incantevole borgo medioevale dove  si sposano gusto e cultura.  

Perugia è indubbiamente uno dei borghi più belli d’Italia: fondata dagli Etruscbi, è una città ricca di storia, testimonianze medioevali ma anche rinascimentali. Un luogo di cultura, di arte di natura e tutto questo non poteva sposarsi che con una tradizione culinaria di grande eccellenza.

Palazzi signorili, musei e angoli pittoreschi qui vanno tranquillamente a braccetto con torcolo, ciaramicola, torta al testo o brustengolo.

La qualità dei prodotti è molto elevata come del resto in tutto il territorio umbro,  molto fertile.

La città è amata dagli appassionati di turismo enogastronomico che non potranno fare a meno di degustare piatti come gli gnocchi al sugo d’oca una delle specialità della cucina perugina, il palombaccio alla Perugina, la torta al testo e il torcolo di San Costanzo (patrono della città), tanto per citarne alcuni.

Volendo dare un consiglio su dove mangiare per chi si trova a visitare la ridente cittadina, abbiamo scelto di esaminare la classifica dei 10 migliori ristoranti di Perugia secondo  The Fork e abbiamo visto che ce n’è davvero per tutti  i gusti.

La classifica è stata aggiornata il 13 settembre 2019.

1 – COLLINS  – punteggio 9,7 su 10

Il primato spetta all’ imbattibile eleganza del ristorante Collins dell’Hotel Sina Brufani  che vince con 9,7 punti su 10: vittoria quasi scontata per chi abita in città e conosce il posto. Cornice raffinata, atmosfera tranquilla,  cucina tradizionale e curata nella presentazione. Adatto sia per una cena romantica che per occasioni d’affari.

2 – DA ANDREA – punteggio 9,5 su 10

Al secondo posto niente di meno che una pizzeria… ma che pizzeria! Imbattibile per orginalità e qualità i visitatori ne parlano cosi bene da far venire l’acquolina in bocca solo a leggerne le recensioni, questa ad esempio: “Pizzeria piccola, ma dalla qualità e originalità immensa! Il locale, con una piccola veranda esterna, è davvero curato e ben tenuto, il personale è gentilissimo e la pizza…dire che è squisita è dire troppo poco! Si nota la voglia di innovare un tipico piatto della tradizione italiana, con ingredienti nuovi ma mai stonati e soprattutto attenti a qualità e provenienza. Consigliatissimo e da non perdere!   Locale in periferia di Perugia .

3 –    GRADALE    punteggio 9.4 su 10 

Un terzo posto che è quasi un secondo, vista la minima distanza con la pizzeria Da Andrea . Il Ristorante Gradale offre un ambiente romantico e raffinato con una vista spettacolare sulla città di Perugia. Forse c’è da fare attenzione solo un po al conto come ci racconta questa recensione: “Luogo pittoresco, panoramico e signorile. Cucina ancorata alle tradizioni ma con variazioni originali. Servizio professionale ma un po’ lento. Prezzi un po’ alti.
Ottime le birre”

4 –   LUCE  – punteggio 9,3 su 10

Nelle prime posizioni troviamo ancora un ambiente elegante del centro storico di Perugia . Il Ristorante Luce “risplende” neanche a farlo apposta con la sua cucina creativa, legata alla tradizione ma nel contempo moderna e innovativa . I visitatori ne esaltano le doti soprattutto nella pasticceria.

5 –   LOCANDA DEL MORLACCHI – punteggio 9,2 su 10

La cucina tradizionale fa da padrona anche in questa locanda, adatta a occasioni di ogni tipo anche di lavoro . Ottime le recensioni di chi cerca un posto elegante e tranquillo con un cibo di qualità : Il cibo alla Locanda del Morlacchi è un perfetto mix tra tipicità del posto e innovazione; vi si trovano sia prodotti tipici come prosciutto di Norcia e tartufo (il ristorante ha un intero menù ha base di tartufo), sia piatti più ricercati (ne sono un esempio i tortelli di zucca e noci su fonduta di formaggi e speck)

6 – IL GIURISTA – punteggio 9,2 su 10

Ecco un sesto posto che in realtà è un quinto visto il punteggio ex aequo con la Locanda del Morlacchi. Ancora a vincere è il centro storico con la sua cucina tradizionale. Prodotti fatti in casa e tipicità fatte a mano . Qualcuno parla del conto un po eccessivo ma nessuna delusione soprattutto per la gentilezza del personale.

7 – VILLA TATICCHI – punteggio 9,2 su 10

A sorpresa abbiamo anche un settimo posto che è sempre un quinto e questo ci fa capire quanto a Perugia sia davvero difficile mangiare male. Villa Taticchi offre cucina umbra in un ambiente veramente elegante adatto a cerimonie o eventi speciali di qualsiasi tipo. Qui siamo poco fuori dal centro città nella proprietà che un tempo apparteneva ai Monaci Benedettini. Villa Taticchi offre uno splendido giardino per mangiare all’aperto ma qualcuno però ne lamenta nelle recensioni la mancanza di originalità e spessore creativo nella pietanze.

8 – BIANCOROSSO – punteggio 9,2 su 10

Siamo ancora fermi allo stesso punteggio e sono  le recensioni a confermare la qualità. “ Ottimo locale, accogliente, buonissimo servizio, e soprattutto roba di ottima qualità, sia nel mangiare che nel bere. Che dire complimenti, da riprovare”. Il locale è uno dei pochi a trovarsi nella top ten  ed essere  fuori dal  centro storico.

9-  CRUDO – punteggio 9,1 su 10

Eh si.. a Perugia abbiamo un ristorante di cucina Fusion…uno dei pochi ad unire profumi , gusto e tradizioni in piatti inediti dove sushi, tartare e crudi fanno da padroni.  Le recensioni sono molto positive sulla qualità ,qualche punto a sfavore sul servizio e sul conto, ma comunque un posto imperdibile per chi ama i crudi di Pesce e si trova a Perugia.

10 – MERCATO VIA NOVA – punteggio 9,1 su 10

Ultimo nella classica ma pur sempre uno dei top. In questo ristorante si può trovare pesce sia crudo che cotto; secondo quanto riportano le recensioni il locale è elegante e raffinato e il cibo di alta qualità. Qualche nota negativa ma comunque occasionale su prezzi e servizio

 

I migliori 10 ristoranti “pop” a Milano secondo TheFork

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Imprenditrice, laureata in lettere moderne, iscritta all’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria e grande appassionata di enogastronomia, mi piace mettere i miei interessi al servizio degli altri. Il politico e gastronomo francese Jean Savarin diceva “l’animale si nutre, l’uomo mangia e solo l’uomo intelligente sa mangiare”; in questa frase secondo me è racchiuso un po’ il segreto della felicità: se l’uomo intelligente sa mangiare è vero anche che mangiare bene rende l’uomo intelligente e quindi capace di pensare e fare bene. Il cibo è senza dubbio la via maestra per un proprio benessere anche interiore ma bisogna scoprirne le profondità.