Le regole per mangiare bene anche fuori casa

Quando si segue una dieta, o uno specifico regime alimentare, una delle maggiori ansie è quella di consumare pasti al ristorante commettendo “sgarri” irrimediabili. Può sembrare difficile coniugare un’alimentazione sana ed equilibrata e una buona vita sociale. In realtà non lo è. Ecco alcune semplici regole per mangiare bene anche fuori casa.

Le regole per mangiare bene anche fuori casa

Sono ormai innumerevoli gli studi scientifici che riconducono una cattiva alimentazione all’insorgenza di patologie. Per questo motivo seguire un regime alimentare sano è fondamentale per mantenere un buono stato di salute generale. Al tempo stesso non bisogna vivere la dieta come una serie di restrizioni e limitazioni. E’ possibile mangiare sano anche fuori casa semplicemente scegliendo con cura tra ciò che viene proposto in menù.

Frutta e verdura di stagione: cosa mangiare ad ottobre?

Scelte in linea con la dieta

Spesso si mangia fuori per piacere, una serata tra amici, o per necessità, pause pranzo lavorative o scolastiche. Questo si traduce in un alto numero di pasti consumati fuori casa. Un vero cruccio per chi è a dieta. Una buona abitudine è quella di fare una scelta che sia in linea con il regime alimentare che si sta seguendo. In altre parole è bene fare attenzione alla scelta dei cibi, alle modalità di cottura e agli abbinamenti. Un piccolo accorgimento, per non oltrepassare le calorie “concesse” dalla dieta, è quello di optare per i piatti simili a quelli che vengono preparati abitualmente a casa. Può esserne un esempio un secondo di carne o di pesce cotto al vapore o alla griglia.

Scegliere il posto giusto

Se mangiare fuori casa diventa un’abitudine, perché per esempio il lavoro non consente di pranzare a casa, è bene trovare un ristorante “amico”.  Ovvero un posto che abbia in menù piatti gustosi ma leggeri e non troppo calorici. Per esempio carpacci, affettati magri come bresaola o fesa di tacchino, ricche insalate, carne o pesce cotti ai ferri e una buona scelta di verdure. Trovare un locale con un’ampia scelta di pietanze permetterà di variare ogni giorno il proprio pasto non risentendo della monotonia che si può riscontrare durante una dieta.

Regole per mangiare bene

CREDITS: WWW.PIXABAY.COM

Cosa e come scegliere a pranzo o a cena 

Tra le regole per mangiare bene fuori casa ecco alcuni aspetti da valutare quando si sceglie cosa consumare al ristorante.

  • Il primo piatto, in genere è consigliabile non consumare il primo al ristorante poiché nella maggior parte dei casi si tratta di piatti molto conditi e quindi eccessivamente calorici. Se però non si vuole proprio rinunciare ad un primo piatto è bene puntare su qualcosa di semplice a base di verdure.
  • Le quantità, per non eccedere si consiglia di confrontare le porzioni con quelle che si consumano a casa ed essere quanto più fedeli a queste.
  • Le bevande, evitare sia gli alcolici che le bevande gassate e/o zuccherate ricche di calorie. L’acqua è la scelta migliore da preferire sempre.
  • La pizza, non è affatto un tabù durante una dieta. E’ possibile optare per questa pietanza consumandola con moderazione (una volta a settimana) e orientando la propria scelta verso tipologie non troppo ricche di ingredienti come la margherita o la vegetariana.
  • Il dolce, sarebbe da evitare o eventualmente da sostituire con una macedonia di frutta fresca o un sorbetto.

E l’aperitivo?

L’aperitivo è un “tasto dolente” per chi è a dieta, la tentazione è davvero dietro l’angolo. In questo caso, per quanto riguarda gli stuzzichini, si consiglia di scegliere tra sott’aceti, cruditè o verdure grigliate. Mentre per la scelta del drink è bene optare per quelli meno calorici come un calice di spumante o di vino.

Junk Food: che cos’è davvero il “cibo spazzatura”

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • Non puoi proprio rinunciare ai formaggi? Scegli quelli più light, per esempio la ricotta ha solo 146 calorie per 100 gr. In generale i latticini freschi possono essere consumati durante una dieta, a differenza dei formaggi stagionati che, a parità di peso, risultano molto più calorici.
  • Non esistono frutti “dimagranti” (il mito dell’ananas o del pompelmo) ma solo frutti ricchi di acqua, vitamine e minerali, poveri in termini calorici, dall’ottimo potere saziante e fondamentali in un regime alimentare sano.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa