Come pulire cozze e vongole

Vongole e cozze sono tra i frutti di mare più amati e apprezzati in cucina. In qualunque modo le si voglia cucinare è importante sapere come pulire cozze e vongole, spurgarle ed eliminare la sabbia in eccesso.

Indagine The Fork 2020: un’estate di mare e cibo made in Italy

Come pulire cozze e vongole: i passaggi

Per le vongole, bastano alcuni semplici passaggi:

  • Scegliere le vongole. È importante che non abbiano un cattivo odore ed eliminare quelle aperte o rotte che, essendo morte, potrebbero avere un cattivo sapore.
  • Fase di ammollo. Sistemarle in una schiumarola e riporle in una bacinella con acqua fredda e sale. Lasciarle in ammollo per almeno un’ora in frigorifero in modo da permettere loro di cacciare la sabbia.
  • Sciacquarle con acqua fredda corrente e farle cadere nel lavandino da un’altezza di circa 30 centimetri per eliminare eventuali residui di sabbia rimasti.
  • Sistemarle in una padella aggiungere il condimento, coprire con un coperchio e portare il tutto sul fuoco a fiamma vivace per qualche minuto.

Per le cozze, seguire questo procedimento:

  • Dopo averle sciacquate, con il dorso della lama di un coltello eliminare tutte le incrostazioni e i cirripedi (parassiti) e staccare manualmente la barbetta che fuoriesce dalle valve.
  • Sempre sotto l’acqua fresca corrente sfregare energicamente le cozze per eliminare ogni impurità. Dopo aver pulito con cura le cozze procedere all’apertura. È possibile effettuare questa operazione sia a crudo, sia utilizzando il calore del fuoco.

Come cucinarle

Dopo aver pulito i molluschi è il momento di impiegarli in un primo, un secondo o un aperitivo. Per gli amanti della tradizione il piatto di spaghetti allo scoglio è un must. Per chi ama sperimentare è impossibile non provare gli gnocchi con cozze e vongole o le vongole fritte in pastella, croccanti e delicate allo stesso tempo.

Quali sono i piatti preferiti dagli abitanti italiani?

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Per conservare le cozze fresche e già pulite riporle in una bacinella con acqua fresca fino a un massimo di 8 ore.
  • Per conservare le vongole già pronte e sgusciate, basta pulirle, metterle a cuocere con qualche spezia per insaporirle, filtrare il loro liquido di cottura e poi congelare sia le vongole in piccoli contenitori da freezer, sia il liquido di cottura.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post