Come preparare lo yogurt a casa senza yogurtiera

Lo yogurt è un alimento che deriva dalla fermentazione del latte ad opera di specifici batteri appartenenti al genere Lactobacillus e Streptococcus. E’ ricco di numerose proprietà benefiche per l’organismo ed è, per questo, adatto all’alimentazione di grandi e piccini. Ma è possibile preparare lo yogurt senza yogurtiera a casa propria?

Come preparare lo yogurt senza yogurtiera

Lo yogurt ha mille utilizzi in cucina: può essere consumato al naturale o arricchito di frutta e cereali per una colazione completa o per uno spuntino, può essere l’ingrediente di una torta o di una salsa da abbinare ad un piatto salato.  Si tratta, quindi, di un alimento molto versatile che tutti dovremmo consumare quotidianamente. 

Sapevi che è possibile preparare lo yogurt senza yogurtiera comodamente a casa propria? Per farlo sarà sufficiente seguire alcuni semplici passaggi e disporre di pochi ingredienti.

5 modi per fare una colazione proteica dolce

Ricetta base per fare lo yogurt bianco

Ingredienti

  • 1 litro di latte pastorizzato fresco (intero, parzialmente scremato o scremato)
  • 2-3 vasetti di yogurt naturale o una bustina di fermenti liofilizzati 

Procedimento

  • Versare il latte in una casseruola e scaldare ad una temperatura che non deve superare i 40°C (meglio se disponete di un termometro da cucina così da esser sicuri della temperatura raggiunta dal latte).
  • Poi versare nella casseruola, contenente il latte caldo, i vasetti di yogurt naturale (o i fermenti liofilizzati) e mescolate con un frullino amalgamendo bene in modo da evitare la formazione di grumi.
  • A questo punto arriva la parte più delicata del procedimento. Per favorire la formazione dello yogurt è necessario mantenere il composto ad una temperatura costante di 40°C per tutto il processo di fermentazione. Esistono diverse modalità per farlo.

1-Bagnomaria, mettere il composto in un recipiente in plexiglass e porre quest’ultimo in acqua calda, a bagnomaria, controllando periodicamente che la temperatura del preparato rimanga quanto più costante possibile.

2- In forno coperto, coprire la pentola, che contiene il latte e i fermenti, e porla nel forno appena tiepido (o con la luce accesa) per tutta la notte.

3- Avvolgendo la pentola, coprire la casseruola con un panno di lana e porla, per tutta la notte, in un luogo caldo o sul calorifero. 

  • Quando lo yogurt risulta compatto (dalle 3 alle 12 ore a seconda del metodo utilizzato nel passaggio precedente) è bene batterlo o settacciarlo con un colino se è necessario. 
  • Ora lo yogurt è pronto e può essere conservato in frigo (così da arrestare il processo di fermentazione) e diviso in vasetti.
Preparare lo yogurt senza yogurtiera

CREDITS: WWW.PIXABAY.COM

Lo yogurt nel mondo

Proviene dalla Grecia uno degli yogurt più consumati al mondo, si tratta dello yogurt greco preparato con il latte di pecora risulta più denso e cremoso dello yogurt classico. Una nota preparazione che ha come ingrediente principale lo yogurt greco, a cui vengono aggiunti cetrioli e aglio, è la salsa tzatziki, detta anche salsa greca. Molto diffuso in Medio Oriente è lo yogurt preparato con il latte di capra, questo ha un sapore più ricco e quasi piccante della controparte vaccina.

Lo yogurt è anche la base di altre salse come: l’iraniana raita e l’austriaca schnittlauchsosse insaporita con erba cipollina. Ed è, anche, uno degli ingredienti principali della zuppa egiziana labaneya fatta con gli spinaci e della zuppa armena tutmaj fatta con pasta e gnocchetti.

In Asia è molto comune servire lo yogurt in accompagnamento alle pietanze piccanti e grazie alla sua capacità di intenerire la carne spesso viene usato per marinare il pollo e l’agnello.

Inoltre lo yogurt, condensato e sottoposto a essicazione, costituisce l’alimento base del tipico piatto giordano mansaf. Infine in alcuni paesi del Medio Oriente si è soliti allungare lo yogurt con acqua così da ottenerne una bevanda, rinfrescante e dissetante, utile per reintegrare i sali minerali.

Latte vaccino: calano le vendite e aumentano quelle delle alternative vegetali

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Lo yogurt veniva prodotto in Turchia già nel VI secolo a.C. e anche la parola yogurt ha le medesime origini ,difatti deriva dal verbo yogurmak che significa addensare. 
  • Il successo dello yogurt in Europa è arrivato più tardi quando, nel 1542, si è scoperto essere un ottimo rimedio contro la diarrea.
  • La qualità e il buon sapore dello yogurt derivano dal “menù” delle mucche costituito da acque incontaminate e fresche erbe di montagna.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa nutrizionista