The Edge Amsterdam: l’ufficio più sostenibile al mondo

The Edge Amsterdam è l’ufficio più sostenibile al mondo. Si tratta di una struttura in vetro che ha raggiunto gli standard di sostenibilità più elevati in tutto il mondo.

Quali sono le lingue più parlate nel mondo del lavoro?

The Edge Amsterdam: l’ufficio più sostenibile al mondo

Situato in Olanda, ad Amsterdam, nel quartiere delle Zuidas, zona commerciale tra le più importanti d’Europa, The Edge è un grattacielo di 40 mila metri quadrati realizzato dallo studio PLP Architecture, sede dell’azienda di consulenza Deloitte. È stato eletto come l’ufficio più ecologico del mondo, ottenendo il punteggio più alto (98, su una scala da zero a cento) dal Building Research establishment che si occupa della valutazione del grado di sostenibilità degli edifici in base a dei parametri ben precisi come il consumo di acqua ed energia, i mezzi di trasporto con cui l’edificio è raggiungibile, i materiali utilizzati e il metodo di smaltimento dei rifiuti.

The Edge è ben collegato da mezzi di trasporto pubblico e dispone di una fitta rete di piste ciclabili e di una nuova stazione ferroviaria ad alta velocità. Unica nota negativa: dal punto di vista architettonico, questo edificio non è altro che un enorme palazzo di vetro che non si armonizza affatto con l’architettura della città.

Perché The Edge Amsterdam è l’ufficio più sostenibile al mondo?

The Edge Amsterdam: l’ufficio più sostenibile al mondo

The Edge Amsterdam: l’ufficio più sostenibile al mondo – shutterstock 754066390 Di www.hollandfoto.net

1. The Edge Amsterdam è molto tecnologico

The Edge presenta un dispositivo di controllo della temperatura e oggetti di design ad alto risparmio energetico. È capace di autoprodurre energia elettrica.

2. È dotato di pannelli solari invisibili

Ciò che lo rende unico e meritevole del titolo ottenuto, sono i pannelli solari esterni invisibili che sembrano delle finestre rivolte verso sud.

3. È dotato dell’Aquifer Thermal Energy Storage System

Ai piedi dell’edificio è stata installata l’Aquifer Thermal Energy Storage System. Si tratta di una pompa di calore geotermica posta sotto il terreno per riscaldare e raffreddare l’edificio quando la ventilazione passiva non è sufficiente.

4. Raccoglie acqua piovana

L’edificio è in grado di raccogliere l’acqua piovana per essere utilizzata per i sanitari e per irrigare gli spazi verdi esterni.

5. È innovativo dal punto di vista del design della luce

The Edge Amsterdam è il primo edificio a disporre di un sistema di illuminazione LED collegato ad un alimentatore Ethernet della Philips per uffici, una vera e propria innovazione dal punto di vista del design della luce. Si tratta di un sistema di illuminazione con sensori in grado di trasmettere dati alla rete di gestione dell’energia cosicché l’ambiente sia sempre sotto controllo mentre i dipendenti possono godere del massimo comfort sul posto di lavoro.

10 materiali sostenibili per la Casa di Domani

Com’è organizzato l’ambiente di lavoro?

L’ambiente di lavoro ruota attorno a quindici atri per ogni piano. Alla base di ogni atrio c’è un ristorante, un bar, degli spazi espositivi e una sala conferenze. Gli impiegati non hanno una postazione di lavoro fissa e possono regolare la temperatura e l’illuminazione come preferiscono mediante l’utilizzo di un’app. Questo ambiente e questa tecnologia ha cambiata in modo radicale il modo di lavorare.

Design sostenibile: i trend delle aziende più innovative

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo. E tu? 

  • Le persone trascorrono il 90% del loro tempo in uno spazio chiuso, come uffici e home office.
  • I Millennials e la Generazione Z saranno le prime generazioni disposte a pagare di più per i prodotti sostenibili.
  • Le aziende oggi sostengono il benessere cognitivo ed emotivo dei propri dipendenti. La sostenibilità non riguarda esclusivamente gli edifici, bensì le persone.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Lingue Moderne per il Web e specializzata in Giornalismo dell’Architettura e dell’Interior Design presso l’Accademia Telematica Europea