Persone che parlano solo di sé: scopriamo la loro mente

Capire le persone che parlano solo di sé è utile per gestire al meglio le conversazioni con questi soggetti che si reputano un ottimo oggetto di discussione.

La psicologia delle persone che parlano solo di sé

Tutti conosciamo qualcuno che tende sempre a parlare di se stesso, o magari, siamo addirittura noi a farlo. Osservando la psicologia di questa tipologia di persone è possibile comprendere alcuni aspetti fondamentali. Infatti, le persone che parlano solo di sé hanno una vera difficoltà nel delimitare il sé e l’ambiente circostante. Esse tendono a sentirsi al centro del mondo e, proprio per questo, fanno ruotare ogni conversazione attorno a sé. Inoltre, questa tipologia di persone sono estremamente convinte di non annoiare gli altri con i loro argomenti, anzi, si reputano particolarmente interessanti. Questo desiderio di parlare di sé generalmente nasce da una forte insicurezza e da una richiesta particolari attenzioni da parte del prossimo, seppur inconsapevole. Le loro necessità, quindi, diventano il principale argomento di discussione e nutrono di un fortissimo desiderio di essere ascoltati. Infine, questi soggetti parlano di sé in maniera tale da arrivare a conoscere ed osservare loro stessi, utilizzando l’altro come mezzo.

La paura in una società che ci costringe a vivere perennemente sull’attenti

Le persone che parlano solo si sé ai nostri occhi

Molto probabilmente, le persone che parlano solo di sé, all’inizio possono apparire come persone particolarmente socievoli e simpatiche, con cui è piacevole conversare e trascorrere del tempo. In realtà, con il passare del tempo, però, ci si rende conto di questo loro particolare aspetto. A lungo andare le storie raccontate diventano sempre le solite e si capisce che l’unico vero argomento di questa categoria di persone è “io”. Terminati i dialoghi, se così si possono definire, poi, si ha la sensazione di aver perso solo tempo, comprendendo che la persona che avevamo davanti ha fatto solamente un lungo monologo. Gli amici ed i conoscenti di coloro che parlano solo di sé, quindi, si rivelano nient’altro che delle cavie, utili a risolvere dubbi o problemi interiori.

persone che parlano solo di sé capire

Persone che parlano solo di sé: scopriamo la loro mente
Immagine di Unsplash di Etienne Boulanger

Gli argomenti del dialogo

Ma di cosa si dialoga realmente con le persone che parla solo di sé? La risposta è: di nulla. Infatti, in questi casi, parlare con altre persone si rivela semplicemente il modo per poter distrarsi dai dialoghi e problemi che si hanno dentro. Questi soggetti, quindi, hanno un disperato bisogno di essere ascoltati per non ascoltarsi ed evitare l’incontro con il proprio sé. Il dialogo, infatti, diventa un gioco di parole alla quale vi sentite in dovere di partecipare. Il rapporto che si crea con queste persone, infatti, non si rivela sano e vero e spesso lascia perplessi. Infine, la cosa migliore da fare sarebbe cercare di spiegare a questi soggetti come si svolgono delle vere conversazioni, dove si scambiano pensieri su vari argomenti, si parla e si ascolta.

Alla scoperta dello Human Design: come conoscere se stessi

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo. E tu?

  • Parlare troppo, se non ben gestito, può diventare una vera e propria dipendenza. Nonostante non sia riconosciuta, questa azione quotidiana e naturale può avvenire in maniera compulsiva e diventare l’unico modo per riempire un vuoto interiore e calmare ansie

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione