I piccoli di casa e la genitorialità: i primi giorni con il neonato. Come affrontare al meglio questo nuovo inizio

I primi giorni con il neonato sono fondamentali sia per il piccolo che per i neogenitori. Vediamo le primissime fasi della vita del bambino e le difficoltà.

I primi giorni con il neonato: in ospedale

La nascita di un bambino è un avvenimento tanto bello e gioioso quanto traumatico e difficile per i nuovi genitori. In questo momento le paure ed i dubbi sono moltissimi, ma è bene prendere in mano la situazione cercando di godersi questi primi momenti insieme nella maniera più serena possibile.

Dopo il parto, il taglio del cordone ombelicale ed il primo controllo del benessere del piccolo, la mamma può finalmente abbracciare il suo bambino. Questo momento pelle a pelle è fondamentale, sia per la mamma che per il neonato. Finalmente il momento tanto atteso è arrivato, inizia il fondamentale compito dei genitori, qui il neo papà cercherà di restare il più possibile accanto alla compagna ed al piccolo. Invece, la neo mamma nelle ore successive al parto, inizia l’allattamento, che avviene con molta frequenza durante i primi giorni. Ogni 2 o 3 ore circa, infatti, è importante allattare il piccolo per circa 20 minuti.

Trascorso il periodo di ricovero, poi, vengono effettuati gli ultimi controlli prima di dimettere mamma e figlio. Finalmente giunge il momento di andare a casa e iniziare la vera vita insieme, piena di emozioni ed esperienze nuove.

I piccoli di casa e la genitorialità: imparare a conoscere, gestire e prevenire la paura del parto

L’arrivo a casa

Una volta arrivati a casa con il piccolo, i genitori si ritrovano soli, senza il sostegno di medici ed infermieri, ed è proprio qui che si presentano i primi timori. È importante, per vivere al meglio questi primi giorni, restare tranquilli, cercando di mettere in pratica quanto spiegato in ospedale. Iniziano, poi, le prime notti in bianco, fatte di poppate e stanchezza.

Uno dei dubbi che più frequentemente assale le neo mamme è la qualità del proprio latte. È bene sapere che osservando la regolarità dei bisogni del piccolo e la sua crescita, è possibile confermare la qualità del latte materno. Ci sono, poi, donne che non riescono ad allattare e questo tende a creare frustrazioni e timori, ma è importante restare tranquille e cercare di vivere la maternità in modo sereno. Certamente, i primi giorni saranno difficili e stancanti sia per le mamme che per i papà, ma sono momenti unici ed insostituibili, per questo è importante goderseli con serenità.

primi giorni con il neonato - preoccupazioni

I primi giorni con il neonato. Come affrontare al meglio questo nuovo inizio
Immagine di Unsplash di nynne schroder

Controlli pediatrici e problemi

Dopo qualche giorno dall’arrivo a casa si effettua la prima visita di controllo in ospedale. Questo incontro è importante per valutare la crescita del piccolo ed altre problematiche. Se tutto va per il verso giusto, il controllo successivo viene effettuato a circa 20 giorni, quando sarà già caduto il cordone ombelicale. Tra le prime problematiche più comuni che si possono incontrare durante il primo controllo, troviamo quelle legate all’allattamento, che può essere ancora non ben avviato. In questi casi il pediatra deciderà se integrare con del latte artificiale, per aiutare il neonato a crescere di peso.

Infine, è estremamente importante che nella casa della famiglia allargata vi sia equilibrio e supporto. Sarà bene che il neo papà aiuti la mamma il più possibile in modo tale da poter rispondere alle proprie esigenze, a riposare e a vivere i primi giorni con il neonato nella maniera più positiva possibile.

I piccoli di casa e la genitorialità: come la nostra mente vive la scoperta e la gravidanza

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo. E tu?

  • Sono solamente poco più di 7 mila le donne che all’anno partoriscono naturalmente in Italia. Con parto naturale si intende il parto senza intervento medico o di farmaci, dove la mamma partorisce con l’ostetrica.
  • Nella regione Campania due parti su tre sono cesarei, oltre il 65% dei parti regionali totali.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione