Human Library: dove leggere le persone al posto dei libri

Quello che più ci affascina quando leggiamo un libro è sicuramente la storia. Immaginate adesso se anziché leggere una storia, questa vi venisse raccontata direttamente dalle persone che l’hanno vissuta.
Ecco, questo è ciò che accade nelle Human Library, dove puoi “leggere” le persone persone al posto dei libri.

Human Library

The Human Library è un’organizzazione e un movimento internazionale nato a Copenaghen, in Danimarca, nel 2000. Ha lo scopo di affrontare i pregiudizi delle persone aiutandole a parlare con coloro che normalmente non incontrerebbero.
L’attività di Human Library è strutturata come una biblioteca, sostituendo però il prestito di libri con le persone. Le persone che animano le “human Library” hanno “sperimentato pregiudizi, esclusione sociale”. I partecipanti/lettori possono porre loro domande in modo da “conoscere l’altra persona e anche affrontare i propri pregiudizi”.
Ascoltare la storia di una persona che non conosciamo, esattamente come facciamo ogni volta che iniziamo un nuovo libro, è un modo per stabilire un contatto con le emozioni che quella storia suscita in noi, e quindi in questo caso entrare in contatto reale con l’altra persona, con le sue difficoltà, con i suoi sentimenti. E conoscere meglio le discriminazioni con cui devono combattere quotidianamente.

Come funziona una Human Library

Una Human Library o Biblioteca Vivente è organizzata esattamente come una biblioteca di libri, con la possibilità quindi di accedere a vari titoli disponibili a catalogo. Il catalogo delle human library consiste in un breve riassunto della storia della persona. Scelta la storia/libro umano, il bibliotecario farà poi da tramite tra il lettore e il narratore.
Nelle biblioteche viventi i libri quindi sono le persone narranti, il prestito permette di dare il via alla fase di ascolto e di incontro tra il libro “umano” e il lettore, o meglio l’ascoltatore.
Il prestito del “libro” quindi si traduce in un incontro tra due persone in uno spazio riservato e idoneo , dove narratore e ascoltatore si ritrovano seduti uno di fronte all’altro per dare il via alla condivisione della storia. Solitamente la fase di narrazione dura circa mezz’ora.

Come candidare la propria storia

Chiunque può candidarsi come libro umano se ha un’esperienza interessante da condividere e in linea con gli obiettivi di  Human Library Organization E’ possibile candidarsi direttamente sul sito Human Library oppure rivolgendosi alla sedi delle varie biblioteche umane presenti in tutto il mondo.

Human Library

Human Library: dove leggere le persone al posto dei libri – Photo by LinkedIn Sales Navigator on Unsplash

I libri delle Biblioteche viventi

Obiettivo delle Human Library è quello di contribuire a creare una società più inclusiva, anche attraverso la conoscenza e la valorizzazione delle differenze culturali, religiose, sessuali, sociali ed etniche.
Ex tossici, disoccupati, prostitute, genitori single, persone affette da sindromi particolari, rifugiati politici, vittime di abusi e di violenze, persone lgbtq, profughi, senzatetto, alcolisti, sieropositivi.
Stare seduti vicini e condividere spazio e tempo con persone “lontane” da noi, non può che favorire lo scambio e ridurre le distanze di pensiero e di opinione.
Chi vive “ai margini” difficilmente ha la possibilità di esprimere il proprio punto di vista, o anche solo di raccontare la propria esperienza. Ma grazie alle Biblioteche Viventi ora questo è possibile e mette in atto processi di integrazione e di abbattimento dei pregiudizi.

Fare un’esperienza di lettura in una biblioteca vivente è davvero un bel modo non solo per conoscere nuove realtà e nuove persone, ma anche e soprattutto per ampliare la propria visione del mondo, affrontare la paura del diverso, e apprezzarne il valore.

Le Human Library in Italia

Sulla scia del successo dell’iniziativa danese, anche in Italia, così come nel resto del mondo sono nate in questi anni tantissime iniziative analoghe.
Nelle grandi città, da Roma a Milano passando per Firenze, Torino, Venezia, così come in altri centri minori, sono stati organizzate diverse biblioteche umane, solitamente con durata temporanea da 1 giorno a 1 settimana, e contestualizzate in eventi e festival tematici.
Sul sito Biblioteca Vivente dell’Associazione ABCittà è possibile trovare un calendario aggiornato con tutti i vari appuntamenti e iniziative, e le sedi delle varie biblioteche viventi in Italia nonché informazioni utili per creare una Human Library nella propria città.

Cosa leggono gli italiani

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • The Human Library Organization è attiva oggi in oltre 80 paesi, in cui sono però poche le biblioteche umane permanenti. La maggior parte infatti è attiva in occasione di eventi e iniziative.
  • Dal 2003 Human Library è stata riconosciuta dal Consiglio d’Europa come buona prassi, e come tale incoraggiata.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per altre curiosità e informazioni sul benessere per sé stessi continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Divido il mio tempo tra la mia professione di comunicatore pubblico e l’arte della danza contemporanea, che pratico fin dall’infanzia e che mi porta sui palcoscenici italiani come danzatore e coreografo. Sono un appassionato di new media con particolare riguardo alla comunicazione pubblica e istituzionale: la partecipazione, la trasparenza, la reputazione sono le aree di maggiore interesse. Ho iniziato molto tempo fa con importanti incarichi nella pubblica amministrazione, passando da progetti di consulenza e formazione in ambito pubblico sul posizionamento di nuovi servizi al cittadino alla ideazione di format culturali. Mi piace pensarmi un divulgatore di best practices nell'innovazione sociale e nel public branding. Attualmente lavoro presso l'Università degli studi di Milano-Bicocca nell'Area Affari Istituzionali e Comunicazione. L’incontro con Habitante è un’avventura di scrittura che mi permette di raccontare, con stimoli nuovi, i mondi che ho conosciuto e imparato ad apprezzare negli anni.