La distanza ottimale per guardare la TV: qual è e come calcolarla  

Individuare la distanza giusta per guardare la TV è importante per garantire la visione ottimale delle immagini.

La distanza perfetta per guardare la TV

La distanza da cui ogni giorno guardiamo la televisione, mentre mangiamo o quando siamo comodamente seduti sul divano, gioca un ruolo fondamentale. Infatti, se si guarda lo schermo da una distanza eccessiva si finirà per non osservare i piccoli dettagli o di vederli con difficoltà. Al contrario, se si guarda la televisione da una distanza inferiore alla consigliata si finirà per vedere i pixel dello schermo, osservando con difficoltà l’immagine complessiva.

È possibile calcolare la distanza ottimale per guardare la tv osservando le dimensioni dello schermo e moltiplicandola per 1,5 e 2,5. Moltiplicando la misura in diagonale della TV per 1,5 e 2,5, infatti, è possibile ottenere la misura minima necessaria per guardare lo schermo e quella massima per visualizzare correttamente le immagini ed i dettagli. Nei televisori 4k, invece, i pollici andranno moltiplicati per 1 ed 1,5, poiché i pixel sono più piccoli ed è possibile sedersi più vicino allo schermo.

I migliori servizi TV streaming a cui abbonarsi

La risoluzione della televisione

Osservando troppo da vicino la TV si finisce per osservare i pixel che compongono l’immagine, che hanno l’aspetto di piccoli puntini, rovinando la visione complessiva.

Se per questioni di spazio o necessità si desidera guardare la TV particolarmente da vicino è bene scegliere uno schermo 4k. Con esso sarà difficile osservare i pixel poiché quattro volte più piccoli di quelli di un classico schermo. Ovviamente, più sono i pollici della TV, più grandi saranno i pixel che compongono le immagini.

Un ruolo fondamentale gioca poi la destinazione d’uso del televisore. Infatti, se utilizzi quest’ultimo per giocare sarà necessario avere una buona risoluzione, in maniera tale da poter stare più vicini allo schermo, migliorando le prestazioni di gioco. I televisori con le migliori risoluzioni sono quelli in 4k ed 8K, oppure quelli QLED e OLED.

Se, invece, utilizzi la TV per guardare lo sport, come partite calcistiche, si può scegliere anche una risoluzione più bassa, preferendo una postazione per godersi lo spettacolo più distante dallo schermo. Per questo, è bene trovare la giusta posizione in cui collocare il proprio divano e, se la distanza sembra eccessiva, scegliere una TV di grandi dimensioni, in maniera tale da garantire il massimo comfort e la migliore visione delle immagini.

distanza ottimale per guardare la tv - come calcolarla

La distanza ottimale per guardare la TV: qual è e come calcolarla – SHUTTERSTOCK

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo e tu?

  • Gli italiani trascorrono in media 35 ore alla settimana davanti alla TV, di cui il 40% on demand.
  • I servizi on demand sono sempre più in crescita, solamente nel 2015 i contenuti di questo servizio rappresentavano un terzo del tempo totale di visione.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione