I migliori servizi TV streaming a cui abbonarsi

La TV streaming on demand rappresenta la televisione del futuro. Ecco i migliori servizi TV streaming a cui abbonarsi.

I migliori servizi TV streaming a cui abbonarsi

shutterstock_1016394424 Di Andrey_Popov

1 – Now TV

Si tratta di un servizio perfetto per chi desidera personalizzare la scelta dei contenuti in maniera molto dettagliata poiché consente di scegliere tra vari pacchetti combinabili tra loro.

2 – Netflix

È la scelta ideale per gli amanti delle serie TV e dei documentari.

3 – Amazon Prime Video

È considerato il principale competitor di Netflix per quanto riguarda l’offerta cinematografica. Ha iniziato a produrre un catalogo di serie TV proprie.

4 – Chili

Questo servizio è adatto a chi desidera una scelta molto ampia ed un’opzione flessibile non vincolata da un abbonamento ma che permetta di visualizzare il contenuto che si desidera, acquistandolo o noleggiandolo nel momento in cui lo si vuole guardare.

5 – Infinity

È l’opzione perfetta per chi vuole un’ampia varietà di film e contenuti per bambini, oltre che per chi ama i programmi dei canali Mediaset e magari non riesce a seguirli quando sono trasmessi in TV.

6 – TimVision Plus

È il servizio di streaming di Telecom Italia. Offre una selezione di film e serie TV interessanti, anche se limitata, oltre all’accesso ai contenuti di Sky (sport inclusi) e Mediaset.

7 – Dplay Premium

Questa piattaforma si rivolge ad un pubblico giovanile, portando sullo schermo personaggi, serie e programmi che sono nati online.

Cos’è un servizio TV streaming on demand?

La televisione negli anni ha saputo evolversi e reinventarsi di pari passo con la società: dalla TV tradizionale via cavo alla pay TV allo streaming video on demand. Gran parte dei servizi di streaming on demand oggi diffusi, sono a pagamento e prevedono la sottoscrizione di un abbonamento.

I parametri da considerare per la scelta dei servizi TV streaming

1. Semplicità d’uso

Il primo elemento di un servizio TV streaming che viene valutato è la semplicità di utilizzo della piattaforma. La selezione dei contenuti deve essere intuitiva e semplice per l’intera famiglia, sia da parte degli adulti che dei bambini. L’interfaccia deve consentire di accedere ai contenuti in pochi click.

2. Costo dei servizi

Il costo dei servizi di streaming on demand varia in base all’ampiezza del catalogo offerto e all’esclusività dei contenuti proposti. Alcune piattaforme possono presentare dei costi maggiori perché vantano pacchetti diversi dai concorrenti e l’inserimento all’interno del proprio catalogo di titoli esclusivi ed in anticipo rispetto agli altri servizi di streaming.

3. Esperienza d’uso

Gli elementi che bisogna tenere in considerazione per valutare l’esperienza d’uso di un servizio streaming on demand sono:

  • l’accessibilità e il numero di dispositivi
  • l’utilizzo offline
  • i sottotitoli
  • i contenuti originali, in esclusiva o in contemporanea.

4. Offerta di intrattenimento

La valutazione dell’offerta d’intrattenimento è personale. La stessa è divisa in 5 grandi categorie: cinema, serie TV, contenuti per bambini/famiglie, intrattenimento e documentari.

Vivere la casa: illuminazione interna e comfort visivo

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • La differenza tra la pay TV e lo streaming video on demand riguarda l’infrastruttura che utilizzano e l’esperienza d’uso. Per visualizzare una pay TV (come per esempio Sky) è necessario installare un’antenna parabolica a cui associare un decoder per visualizzare i contenuti video in base ad un palinsesto già prestabilito. Per usufruire di un servizio streaming on demand (come per esempio Netflix), invece, è necessario disporre di una connessione internet veloce e i programmi possono essere riprodotti ogni volta che si desidera, in qualsiasi momento della giornata.
  • I programmi streaming on demand possono essere trasmessi non solo su smart TV, ma anche su PC, Tablet o cellulare.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Lingue Moderne per il Web. Giornalista pubblicista. Specializzata in Giornalismo dell’Architettura e dell’Interior Design.