Cos’è la rafia, fibra naturale dai mille usi

Da una pianta dal fusto grosso e alto si ricava una fibra che viene utilizzata per fare cordami, accessori ed elementi d’arredo. Scopriamo cos’è la rafia.

Digital Bamboo Pavilion: fabbricazione digitale e materiali naturali, il padiglione in bamboo dell’ETH

Cos’è la rafia, una fibra dai mille utilizzi

La rafia – detta anche raffia – è una fibra resistente proveniente da alberi dal fusto robusto, alti circa venti metri. È una palma che vive in ambiente tropicale e subtropicale nell’Africa orientale.

Ci sono circa venti specie conosciute che fioriscono e fruttificano solo una volta prima di morire. Dal fusto essiccato, la pianta si moltiplica e dà vita a nuovi cespugli.

Differenze tra rafia, paglia e juta

La rafia è una pianta mentre la paglia deriva dagli scarti dei cereali. Ha resistenza antisismica e al fuoco ed è molto usata in bioedilizia. La juta invece è un filato naturale di colore bianco o giallo dalla consistenza ruvida. In formato tessuto, assorbe l’acqua e come la rafia grezza, si rompe facilmente.

Cos’è la rafia e quali sono gli utilizzi

La specie regalis è a rischio, secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN). La fibra infatti si ricava dalla raphia farinifera ed è molto utilizzata per diversi usi.

La raffia si utilizza molto nel giardinaggio per effettuare gli innesti, o come strumento di legaggio e sostegno per alcune piante ad alta crescita. Si impiega particolarmente nel bricolage ed è decisamente utile per realizzare oggetti dalle linee estive e tropicali, come cestini, tovagliette e borse.

Si mischia anche ad altri materiali e la si trova in parecchi oggetti per la casa e per gli animali. Ne sono un esempio cornici, sedie da giardino, borse, vasi e tiragraffi per gatti. Si producono in questo modo anche sacchi e come filo per imballaggi.

Viene utilizzata moltissimo sia come filato che come tessuto da intrecciare. È resistente e leggera, il che permette di impiegarla in diversi modi anche verniciata o laccata. I suoi colori vivi e brillanti sono ideali per rifinire capi e accessori con stile.

Cos'è la rafia - fibre naturali

Cos’è la rafia, la fibra naturale dai mille usi – Shutterstock1717579822 di Aleksey Boyko

Come lavarla

La rafia viene colorata e stampata, ma per preservarla al meglio e a lungo in modo che gli oggetti non si deformino, è opportuno non lavarla con prodotti aggressivi e di frequente. Per togliere la polvere, basta semplicemente sbattere o spazzolare la superficie in maniera delicata.

Per le macchie basta semplicemente usare un panno umido da sfregare delicatamente e lasciare ad asciugare all’aria aperta. Per lo sporco più ostinato, bisognerebbe immergere l’oggetto in una bacinella d’acqua e sapone delicato senza sfregatela per non romperla.

Dove trovarla

Si trova nei negozi di fai da te o giardinaggio e viene venduta a rocchetto. Il filo naturale è di circa 1,5 mt, ma si trova anche sintetica.

Arredamento sostenibile: i tappeti naturali ed ecologici

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Dalla rafia si ottiene la farina di sago, l’ingrediente di un dessert thailandese.
  • La versione sintetica è in poliammide o derivati della viscosa. Si usa molto nell’abbigliamento e nel design.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it