L’uovo: l’alimento perfetto

L’origine dell’uovo si perde nella notte dei tempi e da questa incertezza è nato il famoso paradosso “è nato prima l’uovo o la gallina”?

La questione, molto controversa, vede due soluzioni: la versione creazionistica e quella evoluzionistica. La prima si rifà alla Genesi e precisamente al punto in cui si dice che Dio al quinto giorno creò gli uccelli e i rettili e quindi gli animali che depongono le uova, senza citare le uova; quindi è nata prima la gallina. La seconda versione si basa sull’evoluzione che ha portato alcune specie di rettili, che già deponevano le uova, a trasformarsi in uccelli, in particolare quelli che non volano; quindi è nato prima l’uovo.

Prima l’uovo

Comunque siano andate le cose e qualunque delle due teorie si voglia seguire, l’uomo è venuto a contatto con le uova ai tempi della preistoria. I primi esseri con razionalità hanno infatti osservato la vita dei rettili e degli uccelli e si sono accorti che deponevano le uova e che da lì nasceva un essere vivente. Successivamente l’uomo da cacciatore è diventato allevatore ed ha iniziato ad allevare anche le galline. Già gli antichi egizi avevano studiato metodi di allevamento e di incubazione delle uova e si può dire che siano stati i primi a considerare le uova come alimento, anche se riservate alle classi più abbienti.

L’uovo nell’antica Grecia

Per i Greci invece le uova erano già diventate un elemento importante nella dieta, specie per le persone anziane, come affermava il medico Galeno, le cui teorie sono state seguite per diversi secoli. Quanto ai Romani le uova erano molto apprezzate e vengono citate da vari autori quali Cicerone, Giovenale, Marziale, Plinio il Vecchio. Anche in questo caso si trattava di persone abbienti e si offrivano le uova specialmente nei banchetti con ospiti di riguardo. Le ricette erano piuttosto ricercate ed erano soprattutto quelle descritte da Marco Gavio Apicio nel suo ‘De re Coquinara’. Il pasto dei Romani in queste occasioni si apriva con la ‘Gustatio’, cioè l’antipasto, con olive, pane, vino e un uovo.

uova di pettirosso

Uova di pettirosso – Foto di Dennis Larsen su Pixabay

.

L’uovo nel Medioevo

Anche nel Medioevo l’uovo era considerato molto prezioso, tanto che veniva utilizzato anche come mezzo di pagamento dai feudatari, ai tempi di Carlo Magno. All’uovo si attribuivano anche proprietà magiche per tenere lontano il male e di buon auspicio per le gestanti. Dal punto di vista alimentare è curioso quello che affermava il medico Antimo, vissuto alla corte di Teodorico a Ravenna. Antimo affermava che le uova avevano delle grandi proprietà energetiche, al punto che se un uomo ne mangiava quante più poteva, otteneva un vigore fisico al di sopra di qualunque altro cibo. Una cosa del genere la si può vedere in una scena del film ‘Casanova’ di Federico Fellini. Un grande estimatore delle uova era Dante Alighieri per il quale il miglior alimento al mondo era un uovo col sale, praticamente l’uovo sodo come lo mangiamo oggi.

Decorare casa a Pasqua con le uova

.

Le uova nella letteratura

Le uova sono state protagoniste in letteratura e nella storia. Ne ‘I Viaggi di Gulliver’ di Jonathan Swift, i regni di Lilliput e Blefuscu si fanno la guerra per risolvere la controversia se l’uovo va rotto dalla punta stretta o dalla punta larga. Cristoforo Colombo è ricorso ad uno stratagemma con un uovo, per convincere i nobili spagnoli della riuscita della sua impresa. Una cosa simile ha fatto Brunelleschi per assicurarsi l’appalto della cupola del Duomo di Firenze.

In tempi ben più recenti possiamo citare Giuseppe Mazzini che la pensava esattamente come Dante. Ai giorni nostri, le uova hanno perso quell’alone magico che avevano un tempo ed ora sono considerate per quello che sono: un alimento importante e ricco di proteine, presente nella nostra alimentazione anche sotto forma di ingrediente in tantissimi piatti. Un’ultima annotazione: in campo alimentare se si parla di uovo ‘sic et simpliciter’ si intende l’uovo di gallina, mentre per gli altri tipi di uova utilizzati in gastronomia, si deve specificare la provenienza (struzzo, quaglia, storione, ecc.).

uovo alimento perfetto

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • In Italia vengono prodotte 12 miliardi e 900 milioni di uova. Nonostante ciò, per far fronte al consumo di uova nel paese, è stato necessario ricorrere alle importazioni.
  • Le uova durano più a lungo se vengono conservate con la parte più appuntita verso il basso
  • Per evitare il rischio di salmonella, le uova dovrebbero essere conservate in frigo a meno di 5°C.
  • Un uovo grande contiene circa 9 g di proteine, 8 g di grassi, tracce di carboidrati e tutte le vitamine e i minerali essenziali (tranne la vitamina C). Le vitamine sono presenti soprattutto nel tuorlo.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Post Tags
Share Post
Written by

Sono nato a Parma e vivo e lavoro nella mia città natale. Mi sono laureato in Scienze del Turismo con una tesi sul Turismo Enogastronomico della mia provincia. Le mie passioni riguardano principalmente il mondo sportivo, in particolare calcio e ciclismo e ho recentemente pubblicato un libro che ripercorre la storia della Nazionale Italiana di calcio. Sono sposato e grazie a mia moglie che viene dal Brasile, il Portoghese è la mia seconda lingua, inoltre parlo bene anche il Francese. Nel periodo in cui scrivevo la mia tesi, mi sono appassionato non solo all’enogastronomia, ma anche alla scrittura e ho voluto continuare a coltivare questa mia nuova passione, attraverso un corso di giornalismo turistico ed enogastronomico. La rivista Habitante è una bellissima occasione per mettere insieme queste mie passioni.