Ecommerce e mercati: 4 tendenze su cui puntare secondo Facebook

Adattamento, comunità, conversazione ed ecommerce: sono le quattro voci su cui le aziende devono puntare per realizzare prodotti che rispondano alle richieste del mercato e per avere successo.

È il vice president di Facebook in persona, Emea Ciaran Quilty, a dirlo al South Summit di Madrid, che ha chiuso i battenti pochi giorni fa e a cui hanno partecipato  imprenditori, professionisti,  consulenti e investitori. Ora è il caso di tirare le somme, e per le aziende di capire come comportarsi in un  mondo  in continua evoluzione dove il consumatore diventa  sempre più  esigente.

Le 4 tendenze che domineranno il mercato secondo  Facebook

.

Adattamento

Per il manager di Facebook non ci sono dubbi: le aziende devono conoscere i gusti dei propri clienti. Specialmente se pensiamo che ogni persona riceve da poche centinaia a oltre diecimila informazioni promozionali e di marketing ogni giorno, delle quali ne conserva al massimo una dozzina. C’è una certa saturazione e viene perso di vista il controllo. Per raggiungere gli utenti il messaggio deve dunque essere personalizzato.

Quilty spiega come il processo di creazione del prodotto dovrebbe contenere anche questo processo  di personalizzazione: alcuni esempi si sono già sviluppati in tal senso utilizzando il cosiddetto machine learning, ovvero l’apprendimento automatico.

Comunità

Le imprese dovrebbero  anche saper dialogare con comunità di diverso tipo: pensiamo che ci sono circa  200 milioni di membri nei gruppi su Facebook. I gruppi sono persone appassionate di un certo  tematica e questo dovrebbe essere preso in considerazione prima di promuovere un prodotto o servizio.

Conversazione

Secondo il manager la conversazione dovrebbe avvenire all’interno di  un gruppo, di una comunità. Le persone pretendono sempre di più che le aziende rispondano a richieste tramite la messaggistica istantanea. Un azienda competitiva è una azienda che  dialoga con i  propri clienti, che risponde alle loro richieste, anche tramite la messaggistica social.

Quilty ha portato alcuni  dati: ogni  mese circolano nel mondo oltre 20 miliardi di messaggi tra privati e aziende. Il 53% dei clienti  che comunicano attraverso questi strumenti con l’azienda più alte probabilità di diventare cliente fisso de loro loro prodotti o servizi.

Ecommerce

Nessun dubbio per Quilty: il commercio online è  solo all’inizio della sua ascesa e la maggior parte degli  acquisti di prodotti e servizi oggi avviene tramite smartphone o laptop  I dati riportano infatti che l’83% degli utenti non ripeterebbe una esperienza di acquisto finita male. E in  260.000 milioni di dollari (237.000 milioni di euro) la cifra legata a prodotti o servizi che rimangono inacquistati nei carrelli online  nei  soli Stati Uniti

Come sta andando l’ecommerce in Italia?

Nel nostro Paese l’e-commerce è  in netto ritardo rispetto ai paesi della comunità europea. Nonostante questo si sta rivelando un settore in continua crescita. Chi usa  l’online per i  propri  acquisti in Italia  raggiunge la ragguardevole cifra di  38 milioni, dunque il 62% del totale della popolazione, questo numero aumenterò ancora, dicono le stime, raggiungendo quota  41 milioni entro il 2023.

Tra i settori che si avvantaggeranno di più nella vendita online,  il primato va alla cosiddetta categoria  “tempo libero”, che nel 2018 ha raggiunto il 41,3% del fatturato totale degli e-commerce: parliamo di giochi online ma anche di  biglietti per il cinema, di partite di calcio, di concerti. Per il 2019 continuerà senza sosta a crescita del settore turistico, arrivando a superare il 28% del fatturato, con  un incremento del 9% rispetto all’anno precedente. Cresce anche il comparto di “salute e bellezza”, con un incremento del 23%. La moda cresce del 18% e seguono a ruota  l’elettronica di consumo, casa e arredamento e alimentare (+17%).

 

Gli abitanti italiani amano lo shopping online

 

SEI INTERESSATO ALL’ARGOMENTO? SEGUICI ISCRIVENDOTI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

 

Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. Si occupa da un ventennio di divulgazione scientifica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.