Come accendere il barbecue: consigli pratici e veloci

L’accensione del barbecue e la corretta preparazione della brace sono gli ingredienti fondamentali per una grigliata perfetta. Ecco alcuni consigli pratici su come accendere correttamente il barbecue.

Alexander Raths – SHUTTERSTOCK

Prima di accendere il barbecue

Prima di accendere il barbecue è bene prendere alcune accortezze. Innanzitutto bisogna trovare il punto migliore dove posizionarlo, un posto possibilmente che sia allo stesso tempo riparato e non troppo ventilato. L’ideale sarebbe munirsi degli accessori giusti per cucinare in sicurezza: guanti ignifughi, pinze per barbecue in acciaio e grembiule.

Veniamo ai consigli per accendere il barbecue, divisi in base al combustibile usato.

Se usi carbonella o i bricchetti

La carbonella ha molti vantaggi: è comoda, ha un alto potere calorifero e permette di cuocere bene e con poco fumo. Si tratta in effetti di carbone vegetale e si ricava dalla combustione della legna in presenza di poco ossigeno. Consigliamo di scegliere la carbonella per grigliate di breve durata e di prestare molta attenzione alla cottura perché la carbonella può raggiungere temperature molto elevate: parliamo di 700°!

I bricchetti invece si ottengono direttamente dal carbone. Quest’ultimo viene polverizzato, compresso con appositi leganti e sagomato. Consigliamo di scegliere bricchetti a base di leganti naturali (i più comuni sono a base di amido di mais) e di utilizzarli per cotture più lunghe o per tagli di carne più spessi. Questo perché i bricchetti raggiungono temperature meno elevate rispetto alla carbonella ma hanno una durata decisamente superiore e assicurano più stabilità.

In entrambi i casi, ecco come accendere il barbecue in quattro mosse:

  1. Riempire la ciminiera di accensione con la carbonella o i bricchetti.
  2. Disporre 1 o 2 cubetti accendi-fuoco (diavolina) e posizionarci sopra la ciminiera già colma di carbone o bricchetti. Per accendere il barbecue utilizzando metodi naturali, si può optare per alcuni fogli di giornali da mettere sotto lo strato di carbonelle. Altra soluzione è quella di usare dei ramoscelli secchi, che insaporiscono anche la carne. Consigliamo
  3. Accendere e attendere circa 20 o 30 minuti per la carbonella e 45/60 per i bricchetti, comunque fino a quando questi non sono completamente accesi. Il segnale per capirlo è una leggera patina biancastra di cenere che si forma sui
  4. A questo punto, versare la carbonella nel braciere del barbecue e cominciare la cottura.

ungvar – SHUTTERSTOCK

Se usi legna

Bisogna ammetterlo: un barbecue con la legna è un’altra storia! Questo sia per l’atmosfera che crea il fuoco sia per l’aroma che il legno rilascia durante la cottura e che esalta il gusto della carne.

Se scegliete di utilizzare legna, innanzitutto è importante che sia ben stagionata, delle giusto dimensione (né rametti sottili, né tronchi troppo spessi) e della tipologia. Consigliabili ulivo e quercia, in alternativa vite, pioppo, faggio e giuggiolo.

Per accendere il fuoco per il barbecue, disponi la legna formando una catasta: due tronchi sui lati, sopra questi forma uno strato di legna disposta in senso perpendicolare a essi. Si ottiene così una cavità, dove disporre carta e cartone insieme a frammenti di legno più piccoli. Accendere la fiamma e fare attenzione al fuoco: solo quando avrà preso vigore, selezionare pezzi di brace.

In questo caso i tempi di attesa si allungano: una buona brace di legna impiega un’ora circa per essere pronta.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it