Pasqua sostenibile: gli italiani vogliono un menù attento alla salute e all’ambiente

Gli italiani opteranno per una Pasqua sostenibile

Negli ultimi anni si sta assistendo a un’evoluzione del comportamento degli italiani, e non solo nei confronti delle tematiche legate alla sostenibilità. Si tratta di un vero e proprio trend destinato ad affermarsi sempre di più. Lo dimostra anche il fatto che durante le festività, molto spesso sinonimo di consumismo e spreco alimentare, si vede oggi un atteggiamento più green. La tavola degli italiani in queste occasioni viene imbandita, seppur seguendo le tradizioni, da pietanze e ingredienti attenti tanto alla salute quanto all’ambiente. Quella del 2022 sarà una Pasqua sostenibile.

Il menù per una Pasqua sostenibile

Per un’alimentazione che sia da una parte attenta all’ambiente e dall’altra anche salutare è necessario seguire alcuni accorgimenti. Il momento più importante è quello della spesa, questa attività consente di scegliere non solo i prodotti più green ma anche il luogo in cui recarsi per acquistarli. Largo spazio nel proprio carrello ai prodotti freschi a scapito di quelli industriali e confezionati. Ciò che portiamo a casa deve possibilmente provenire da agricoltura biologica, ancor meglio se da un produttore locale. Inoltre è bene preferire frutta e verdura di stagione e far attenzione al packaging degli alimenti, optare per i prodotti sfusi e non imballati è la scelta più green. Una volta portata la spesa a casa è il momento di preparare pietanze adatte a una Pasqua sostenibile.

Habitante a tavola: ecco la lista della spesa sostenibile

Pasqua green e senza sprechi

Durante le feste molto spesso si tende ad esagerare con le quantità, si acquista e si cucina tanto cibo per fare bella figura con gli ospiti. Questo atteggiamento comporta inevitabilmente che una parte di ciò che è stato preparato torni in cucina e nella peggiore delle ipotesi finisca nella pattumiera. Per evitare un tale spreco si consiglia a monte di acquistare il giusto tenendo conto del numero di invitati e anche di quanto questi siano soliti mangiare. Inoltre, anche se dovessero rimanere degli avanzi è bene conservarli correttamente così da poterli consumare in seguito. In questo caso si possono fare due cose: o semplicemente gli avanzi si riscaldano e si consumano per il pranzo o la cena del giorno dopo oppure questi possono essere impiegati come ingredienti per creare una nuova ricetta. In tutti i casi per una Pasqua all’insegna della sostenibilità la parola d’ordine dovrà essere “non si butta via niente“.

Pasqua sostenibile

Pasqua sostenibile: gli italiani vogliono un menù attento alla salute e all’ambiente – SHUTTERSTOCK di barmalini

Pasqua sostenibile e vegetariana

Un modo green di festeggiare la Pasqua, a scapito delle rigide tradizioni culinarie di questa festività, è quello di optare per un menù vegetariano. Ne saranno sicuramente grati gli agnelli e gli animalisti. Un dato di fatto è che l’eccessivo consumo di carne non è per nulla amico dell’ambiente in quanto gli allevamenti contribuiscono in buona misura alle emissioni di CO2 nell’atmosfera. Ecco, qui di seguito, alcune ricette vegetariane e gustose da cui prendere spunto per il menù pasquale 2022.

Pasqua green: gli italiani si spostano in camper

Risotto al vino rosso

Semplice da preparare, gustoso e green. Spesso durante cene o serate tra amici vengono lasciate a metà bottiglie di vino. Un’idea per non sprecarlo è quella di impiegarlo come ingrediente. Preparare questo risotto è molto facile: si procede con il classico soffritto cui si aggiunge il riso da tostare e poi si sfuma con il vino e si continua aggiungendo il brodo vegetale caldo fino alla completa cottura. Per un tocco di sapore in più si può mantecare con del parmigiano.

Burger di legumi

I legumi costituiscono una buona fonte di proteine per questo possono essere impiegati come secondo piatto. I burger veggie sono ormai famosi ma si consiglia di farli in casa piuttosto che acquistare quelli già pronti. Si può procedere scegliendo come ingrediente un solo legume oppure fare un mix di più tipologie di legumi. Per ottenere un impasto che sia facile da lavorare si consiglia di aggiungere anche delle patate. In seguito è necessario procedere con la cottura sia dei legumi scelti che delle patate per poi farne una purea con un passaverdure. A questo punto basta aggiungere del pangrattato e a piacimento aglio schiacciato, prezzemolo, sale e pepe. Formati i burger, basta spennellarli con l’olio extravergine d’oliva, passarli nel pangrattato, così che risultino croccanti, e infine cuocerli in forno.

Insalata variegata di stagione

L’insalata è un contorno ricco di sapore e vivace nei colori se vengono impiegati gli ingredienti giusti. Invece della solita insalata verde si consiglia di osare aggiungendo anche della frutta fresca, come delle arance pelate a vivo, cui aggiungere anche qualche scaglia di grana, della frutta secca e anche delle olive. In più per dare un tocco croccante è possibile bruschettare del pane in forno e aggiungerlo all’insalata a mo’ di crostino.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La tendenza italiana verso il green si è rafforzata con la pandemia. Questo è quanto emerge dal sondaggio “Future Consumer Index” condotto da Ey. Il 56% dei consumatori italiani dichiara di prestare particolare attenzione all’impatto ambientale dei propri consumi, mentre il 51% considera come massima priorità la tematica ambiente nel vivere e acquistare. Sono soprattutto le nuove generazioni a mostrare una preoccupazione crescente per lo stato di salute del Pianeta e per i più giovani la sostenibilità costituisce quel valore fondamentale su cui puntare nel proprio stile di vita e di consumo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Biologa