Il punto croce: torna di moda l’arte di fare a casa

Imparare a ricamare a punto croce non è complicato, ma necessita molta pazienza e qualche antico consiglio. L’arte di fare a casa è tornata di moda.

Il punto croce è tornato di moda, ma non solo, proprio l’arte di farlo a casa è di tendenza. Un’attività che, le nonne hanno imparato sin da piccole, che non era stata più tramandata, ma che ora torna in primo piano. Il fai da te che non passa di moda.

Impennata dell’arte del cucito con la pandemia

Il punto croce: torna di moda l’arte di fare a casa

Il punto croce è un tipo di ricamo a mano e una forma molto popolare di ricamo a filo contato. Oggi, si può dire che, il punto croce, l’arte di fare a casa siano tornati di moda. Una vera e propria arte, che molti anni fa, le nonne imparavano da piccole. Chi l’avrebbe mai detto che sarebbe tornata di moda un’attività di questo tipo? Un’attività che richiede, tempo, pazienza e dedizione. Il punto croce permette di creare meravigliosi ricami, fiori, forme geometriche, colori e tanta fantasia. Rimangono non solo tanti bei ricami, ma anche tanti bei ricordi. Ecco, ciò che si può fare con il punto croce:

  • Si possono ricamare dei bavaglini per i più piccoli, con fantasia a piacere
  • Ricamare cuscini per divani o sedie
  • Creare bellissimi quadretti da incorniciare
  • Oppure ricamare piccole borse con ciò che si preferisce
  • Le lenzuola, gli asciugamani possono essere ricamati con le iniziali
Cucire e punto croce

Il punto croce: torna di moda l’arte di fare a casa – Pixabay di webentwicklerin

Qualche consiglio pratico per il punto croce

Ecco, qualche consiglio più pratico sul punto croce. Una tecnica di partenza si chiama “metodo del nodo in linea”, preferita solitamente dai principianti. Una tecnica che permette di iniziare il lavoro in maniera più semplice. Poi, da non scordare il cosiddetto “nodo della ricamatrice“, un altro metodo per iniziare il punto croce. Ideale per avviare dei punti in una nuova zona di lavoro. Un consiglio da seguire, è sicuramente quello di assicurarsi sempre che tutti i punti siano piatti. Inoltre, è bene assicurarsi anche che, i punti siano incrociati nella stessa direzione.

Tessuti di origine vegetale: un potenziale da conoscere

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • In Italia, oltre l’80% dei vestiti comprati non viene praticamente mai utilizzato. È quanto riporta uno studio condotto da Movinga, una società tedesca che si occupa di traslochi online.
  • L’arte del punto croce esiste da secoli e si dice che sia la più antica forma di ricamo. Utilizza punti specificamente a forma di X all’interno di un motivo piastrellato per creare un’immagine e può apparire meno liscia e un po’ più frastagliata e più squadrata. Questi punti a forma di X vengono eseguiti su tessuti con una trama uniforme e aperta, tessuti come lino e Aida e il tessuto può essere allungato su un telaio. Se si utilizza il punto croce contato, i punti vengono contati dal centro del tessuto per garantire un’immagine finale uniforme. Per il punto croce stampato, un motivo viene stampato sul tessuto scelto e l’artigiano usa questa stampa come uno stencil.
  • Il ricamo può essere eseguito in due forme, a mano o a macchina. Il ricamo a macchina viene utilizzato in modo più professionale per creare disegni su tessuto generati da un computer e richiede meno tempo e fatica. Le macchine da ricamo sono un’opzione efficiente per lavorare su articoli come borse, trapunte, t-shirt e giacche se sono fatti di tessuto sufficientemente spesso. Il ricamo a mano, d’altra parte, è un processo più dettagliato. Il ricamo a mano è più una forma d’arte che ti consente di utilizzare ago e filo per creare disegni su tessuto a mano.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post