Riviste di architettura: le migliori

Tutti gli amanti dell’architettura, professionisti compresi, devono conoscere le migliori riviste di architettura in commercio.

Sia i professionisti, che gli amanti del settore architettura, non possono non conoscere le migliori riviste di architettura in commercio. Per conoscere tutte le novità e prendere ispirazione.

L’architettura: cos’è?

Un mondo per molti navigato, per altri ancora conosciuto. Pieno di stili, di storia, di ricchezza da raccontare, ma soprattutto da mostrare. Quando si parla di architettura, s’intende l’insieme di tante elaborazioni ad elementi strutturali, quindi sia funzionali che elementi estetici. Un insieme di tante elaborazioni strutturali, che parlano di lavoro e storia. Nell’antichità, la parola “architettura” voleva significare realizzare uno spazio funzionale, quindi che servisse alla popolazione nella loro vita quotidiana. Infatti, all’epoca, l’architettura era lo strumento per progettare e realizzare uno spazio per vivere, per la popolazione. Ecco, in Italia, se si ha intenzione di seguire un percorso di studi di questo tipo, questi sono gli indirizzi:

  • Percorso di studi Architettura civile
  • Architettura ambientale
  • Architettura e disegno urbano
  • Oppure, si può optare per un percorso studi degli interni
Riviste architettoniche

Riviste di architettura: le migliori – Pexels di Jimmy Chan

Le migliori riviste di architettura

Per un professionista, ma anche per un amante dell’architettura, è molto importante conoscere le riviste che possono essere acquistate in edicola per conoscere tante novità a riguardo. Infatti, per un architetto, un professionista, è di fondamentale importanza rimanere sempre aggiornato, avere tutte le migliori riviste di settore nel proprio studio di architettura. Oltre che essere un’importante fonte d’ispirazione per tutti, anche per chi vuole fare un cambio di stile a casa propria. Ecco, le migliori riviste di architettura presenti sul mercato:

Domus

Una rivista che parla di storia, di architettura. Il 1928 è stato l’anno del vero lancio dell’editoria italiana incentrata sull’architettura, così è nata Domus e Casabella. La rivista è nata dall’unione dell’incontro tra Gio Ponti e Giovanni Semeria. Gio Ponti è stato uno dei più importanti architetti italiani del periodo. Semeria era un sacerdote barnabita, molto aperto al modernismo. Inizialmente questa rivista aveva uno scopo prettamente divulgativo, poi le cose sono cambiate, ed iniziò ad occuparsi di disegno industriale, grafica, urbanistica. La rivista, oggi, è distribuita a livello internazionale.

Casabella

Anch’essa è nata a pari con Domus, nel 1928, l’anno del boom editoriale. Negli anni però, venne cambiato più volte il suo destino. Fino, poi all’arrivo della rivista nella casa Mondadori, che ancora adesso la pubblica. Ormai da vent’anni diretta da Francesco Dal Co. Un vero punto di riferimento di settore, anch’essa viene tradotta in lingua inglese. Molto spesso vengono ospitate tante recensioni di molti artisti importanti, dando spazio anche all’urbanistica.

Architettura

Riviste di architettura: le migliori – Pexels di Stas Knop

Abitare

Una testata nata bilingue, figlia anch’essa del boom economico e fondata nel 1961 da Piera Peroni. Una rivista che oggi, si apre ancora di più al mercato internazionale. Si occupa sia di architettura e di design.

AD – Architectural Digest

Rivista nata in America nel 1981, conosciuta in tutto il mondo. AD è edita da Condé Nast, il colosso editoriale di New York, Manhattan. Viene diretta dall’architetto Ettore Mochetti, con numerosi allegati ogni mese, tra AD ristrutturare, AD orologi, AD yatchs, AD Belle Cucine, AD Sale da bagno. Un vero colosso di settore.

Habitante

Rivista in cui si parla molto di sostenibilità, di architettura, di case, di design e di giardino. Nata da un progetto realizzato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin, creato dall’Unione Nazionale Consumatori. Nato per essere un punto di esplorazione, ma anche di riflessione. Al centro di tutto viene messo l’abitante, all’interno delle sue realtà. Quindi, la casa e tutte le diverse forme di abitare a seconda delle culture.

El croquis

La rivista el croquis, è anch’essa una delle piu importanti a livello internazionale. Giornale pubblicato bimestralemente, ma è compresa anche la pubblicazione di un numero annuale. Ovviamente in questo speciale, sono solitamente presentate e raccolte le opere architettoniche più conosciute ed importanti della Spagna.

Riviste internazionali

Riviste di architettura: le migliori – Pexels di Timur Saglambilek

TC Cuadernos

La rivista sempre spagnola, è pubblicata ogni anno, sei monografie. In cui viene approfondito ogni progetto di architetto importante a livello nazionale ed internazionale.

Global Architecture

Questa rivista è pubblicata in Giappone da almeno trent’anni, acquistabile in due lingue: inglese e giapponese. Di grande prestigio a livello internazionale, pubblicata bimestralmente. Giornale che pubblica molto di grafica e fotografie con planimetrie.

Arquitectura Viva

Un giornale pubblicato bimestralmente, con più di vent’anni di storia. Molto completa e sempre aggiornata sul mondo dell’architettura. Ma anche sul mondo del design e della costruzione.

Architectural Review

Un giornale pubblicato mensilmente, che si basa proprio sull’architettura sostenibile, sulla scoietà, ma anche sulla pianificazione urbana. Tutto è affrontato con una prospettiva critica e anche molto stimolante. Viene pubblicato in lingua inglese.

Architettura riviste

Riviste di architettura: le migliori – Pexels di Ivan Cujic

Metropolis

Nata negli Stati Uniti, un giornale che è pubblicato nove volte all’anno. Pubblicazioni che principalmente si incentrano sull’architettura, sul design, sulla paesaggistica, sul mondo dell’interior design e anche a livello grafico.

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Secondo i dati di OICE, l’andamento del settore ingegneria e architettura, è stata registrata una forte crescita. In particolare, la crescita si aggira intorno al +8,4% per tutto il fatturato dell’anno 2019. Purtroppo poi, per registrare un’ulteriore frenata nell’anno 2020, con l’arrivo della pandemia, di un -5,8%. Il fatturato nel 2020, ha registrato una riduzione del fatturato da ben 2.860 milioni a 2.693 milioni.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da

Scrittrice, redattrice e agente immobiliare. Esperta del settore casa e sostenibilità. Specializzata in progettazione di giardini e laureata in Comunicazione. Da sempre, scrive e parla di arredamento, case e giardini. Amante del mondo vintage, country e in particolare, dell'arredamento antico inglese.