Tessuti per l’arredo: tovaglia di stoffa o di carta tra scelte di sostenibilità

Tovaglia di stoffa o di carta? Uno studio realizzato da Ebli, l’Ente bilaterale delle lavanderie industriali, e da Ambiente Italia, ha cercato di fare il punto della situazione cercando di capire quale sia la scelta più sostenibile.

Un nuovo tessuto artificiale che filtra la luce solare

Tovaglia di stoffa o di carta: i dati

Le tovaglie e tovaglioli del ristorante hanno circa 76 vite, ovvero 75 cicli di lavaggio in lavanderie industriali. A fine vita, il 91% dei materiali del tessuto è avviato al recupero, e impattano sull’effetto serra il 48% in meno rispetto al monouso. Nella fase di smaltimento, il monouso finisce per il 55% in discarica, mentre il 45 % è destinato all’inceneritore. A seguito dei 75 cicli di lavaggi industriali, invece, del tessile, solo l’8% va in discarica e un 1% è destinato all’incenerimento.

Inoltre, è stato calcolato che del monouso sono 117 milioni le tovaglie utilizzate, quasi come il doppio della popolazione italiana (mentre sono 72 milioni quelle del tessile). I tovaglioli monouso in un anno sono più di 4 miliardi e quelli in tessuto solo 1,3. Lo studio propone una conversione al tovagliato riutilizzabile che potrebbe portare dal 12% al 20% in meno di CO2. In termini economici, significa un risparmio dai 39 ai 71 milioni di euro.

Raccolta e smaltimento

Il costo della raccolta e dello smaltimento del tovagliato a fine vita è di circa 374 mila euro per il riutilizzabile e di 28 milioni di euro del monouso. Tra le proposte del Pnrr sul tessile è la creazione di un Hub circolare per recuperare gli scarti tessili. «Questo asset – spiega il presidente di Ebli, Giuseppe Ferrante – si prefigge lo scopo di perseguire un duplice percorso verso una piena sostenibilità ambientale: da un lato migliorare la gestione dei rifiuti e dell’economia circolare e dall’altro realizzare anche progetti altamente innovativi per filiere come quella del tessile che riveste il vero e proprio core dell’economia circolare».

Feel: un progetto di stampa sostenibile su tessuto

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • La produzione tessile è responsabile di circa il 20% dell’inquinamento globale dell’acqua potabile. Il lavaggio di capi sintetici rilascia ogni anno 0,5 milioni di tonnellate di microfibre nei mari.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by