In Vietnam la casa che “respira” progettata da Creative Architects

Creative Architects crea in Vietnam la casa che respira. L’idea nasce dalla progettazione di un muro perimetrale di mattoni di recupero che purifica e fa circolare l’aria di una casa su due piani.

Casa di domani: avviato il progetto sostenibile UniZEB a Padova

L’idea di una casa che respira

Attraverso questa soluzione, il giardino entra direttamente in casa, superando il muro di mattoni. Questa combinazione crea un sistema di purificazione e circolazione dell’aria totalmente naturale. La Wall House – questo il suo nome dell’edificio- è progettata da Bui The Long di Creative Architects nella città vietnamita di Biên Hòa. Si tratta di un esempio di bio-architettura a impatto zero. «Secondo alcune recenti ricerche scientifiche, l’aria è molto più inquinata negli ambienti chiusi rispetto all’esterno. La committenza ci ha spinto a pensare a un’abitazione che potesse ‘respirare’ 24 ore su 24 in maniera autonoma. L’idea è nata durante il processo creativo: costruire un edificio composto da corpi autonomi, racchiusi da un muro di cinta permeabile» spiegano gli architetti

La progettazione

La casa è suddivisa in quattro volumi a funzione residenziale inseriti all’interno di un parallelepipedo. Questo è formato da un muro di mattoni ‘bruciati’ e ridimensionali che favoriscono la circolazione di aria fresca filtrandola dalle piante. È un tipo di sistema di aerazione che consente di non utilizzare alcun sistema meccanico di condizionamento.

A questa Wall House si accede dalla strada tramite una rampa di scale. Gli interni sono organizzati su due livelli e si differenziano dallo stile del giardino perché più minimalisti e con pareti in bianco ottico e pavimento molto chiaro. Sono adagiati su un patio dove, a metà tra il dentro e il fuori, è allestita la zona pranzo. Al piano superiore si trova una zona studio condivisa per permettere agli abitanti di incontrarsi.

«La distribuzione degli spazi asseconda le esigenze dei singoli abitanti – raccontano gli architetti – Ad esempio, i più anziani desideravano stare al pianterreno; la nonna voleva cucinare guardando i nipoti giocare in giardino, rimanendo anche vicina all’ingresso per ricevere le visite dei vicini».

Le iniziative sostenibili nel mondo: l’architettura in bambù di Ibuku, tra innovazione ecologica e sperimentazione

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Il Vietnam conta 96,46 milioni di abitanti ed è il quindicesimo paese più popoloso del mondo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Share Post
Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).