Vai al contenuto
Il terreno per la casa prefabbricata

Quali sono i terreni dove si può costruire una casa prefabbricata?

Condividi L'articolo su

Le case prefabbricate in bioedilizia sono caratterizzate da processi che rispettano l’ambiente e la salute. Ed inoltre garantiscono il massimo risparmio energetico. Infatti, i materiali utilizzati nella bioedilizia sono naturali e rinnovabili.

Le case prefabbricate in bioedilizia, come le case in edilizia tradizionale, per essere costruite prevedono alcuni permessi. Tra questi, per esempio, ci sono alcuni vincoli relativi al terreno per la casa prefabbricata. Ecco quali sono quelli su cui è possibile costruire una casa prefabbricata.

Gli elementi da considerare prima di costruire una casa prefabbricata

La casa prefabbricata non è un bene mobile come le roulotte o le case su ruote. È un bene immobili come le case realizzate in edilizia tradizionale, e come tutti gli altri edifici, necessita per la costruzione, come detto, una serie di permessi e autorizzazioni. Prima autorizzazione tra queste, di fondamentale importanza, è quella per il terreno che deve poter essere edificabile. Mentre, nel caso in cui si voglia abbattere un edificio già presente per sostituirlo con uno prefabbricato, l’iter burocratico è diverso. Tuttavia, in entrambi i casi è necessario avere il permesso per edificarlo.

Il terreno per la casa prefabbricata
Il terreno per la casa prefabbricata: dove si può costruire? – pexels expect best

Come scegliere il terreno di una casa prefabbricata?

Prima di scegliere il terreno di una casa prefabbricata, oltre a valutare la possibilità o meno di edificare, è necessario considerare le caratteristiche geologiche e fisiche del terreno. Tra cui, la pendenza, se la zona è soggetta a sismi o vicina a corsi d’acqua e quali possibilità offre nell’allacciare la propria abitazione alla rete di luce, acqua e gas. In molti oggi si chiedono se il terreno per la casa prefabbricata possa essere di tipo agricolo. È possibile! Comunque previa autorizzazione. E tuttavia, nel rispetto di vincoli urbanistici, edilizi, ambientali e paesaggistici secondo quanto stabilito dalle normative regionali.

Il terreno per la casa prefabbricata può essere agricolo?

Un terreno agricolo è una tipologia di terreno che presenta diverse criticità di costruzione. Perché, ci sono terreni agricoli edificabili e non edificabili.

Nel dettaglio, la normativa vigente stabilisce che solo chi ha la qualifica di imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto può costruire una casa a uso residenziale su un terreno agricolo. A differenza dei fabbricati non residenziali che possono essere costruiti anche da persone non dotate di specifiche qualifiche.

Le case prefabbricate in cemento, la nuova frontiera dell’edilizia

I permessi per costruire su un terreno agricolo

Per costruire su un terreno agricolo, bisogna rispettare determinati requisiti che sono:

  • costruire nei limiti previsti dallo strumento urbanistico vigente, per un massimo 0,03 metri cubi a metro quadro);
  • il proprietario deve esercitare l’attività di imprenditore agricolo da almeno 3 anni.

E spesso le norme impongono il divieto di costruzione su terreni agricoli di dimensioni inferiori ai 10.000 metri quadri.

Come controllare se il terreno ha i requisiti per la costruzione: a chi rivolgersi

Per sapere se il terreno agricolo che possediamo o vogliamo acquistare può essere usato per costruirvi prefabbricati o altre costruzioni, è necessario:

  • recarsi all’Ufficio tecnico del Comune dove il terreno è in catasto;
  • richiedere il certificato di destinazione urbanistica del lotto per sapere cosa si può fare su quel determinato terreno e avere informazioni sulla presenza di eventuali vincoli ambientali e paesaggistici.
Il terreno per la casa prefabbricata
Il terreno per la casa prefabbricata: dove si può costruire? – pexels pixabay

Cosa fare dopo aver ottenuto tutte le autorizzazioni?

Dopo aver verificato di essere in possesso di tutte le carte in regola, ottenute le autorizzazioni, è possibile procedere alla costruzione del prefabbricato. Si inizia dalla costruzione delle fondamenta in cemento armato e di tutti gli elementi che andranno ancorati ad una solida struttura, tipica delle case prefabbricate.

Queste sono le fasi in cui interviene una ditta specializzata per realizzare gli scavi e predisporre tutti gli scarichi. Fase fondamentale che avviene anche nella costruzione di una casa tradizionale. Così, solo dopo aver effettuato i lavori nel modo giusto tutti i lavori di realizzazione della platea potrà essere predisposta e fissata la casa prefabbricata.

Le iniziative sostenibili nel mondo: la Casa WV di Cristián Romero Valente

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • È tutto italiano l’innovativo progetto della casa sostenibile stampata. W.A.S.P (World’s Advanced Saving Project), premiato a Londra con il Green Award, in occasione della manifestazione 3D PrintShow.
  • Nell’edilizia tradizionale il costo dell’opera supera il prezzo preventivato nel 97,8% dei casi, e l’aumento di costo in media si attesta tra il 20% ed il 30% in più rispetto al prezzo originario. Se parliamo di case prefabbricate, però, i prezzi non subiscono variazioni in corso d’opera: rimangono fissi!

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News