Tessuti economici per la cucina e la sala da pranzo

Sei in procinto di scegliere delle nuove stoffe per rendere più accogliente lo spazio della casa dedicato al ristoro? Ecco dei consigli per scegliere dei tessuti economici per la cucina e la sala da pranzo.

Progettare una cucina: quali saranno le tendenze per il 2022?

Tessuti economici per la cucina, la scelta di rinnovare un ambiente importante

La cucina e la sala da pranzo sono il cuore della casa. Qui infatti si concentrano molte attenzioni quando si tratta di ristrutturare. Il rinnovo della cucina serve a creare uno spazio ideale per invitare più spesso gli amici e trascorrere momenti in famiglia.

Da una recente indagine di Houzz, il 44% degli italiani conduce uno stile di vita più salutare grazie alla ristrutturazione. Infatti, il 95% degli abitanti, cucina in casa almeno 5 giorni a settimana.

Per il 51% degli intervistati, la ristrutturazione permette di avere una cucina più comoda legata all’ampliamento della sua superficie. Le cucine rinnovate risultano più spaziose (52%) e verso gli esterni (31%) a dimostrazione di interesse crescente per la zona giorno open space.

Atmosfere accoglienti e colori classici

Oltre ad avere effetti positivi sullo stile di vita, un rinnovo della cucina e della sala da pranzo permette di attuare un vero e proprio cambiamento di stile d’arredo. I più popolari sono quello contemporaneo e moderno (al 31%). A seguire ci sono lo stile industriale, rustico e scandinavo.

Inoltre, il bianco si conferma essere il colore prediletto per i mobili della cucina (40%) e il grigio per il pavimento (29%), mentre la scelta degli elettrodomestici verte sull’acciaio inox (59%). A questo punto diventa importante scegliere il colore dei tessuti. Dai contrasti per un ambiente vivace, alla scelta delle nuance tono su tono per un aspetto più sobrio.

Tessuti economici per la cucina e la sala da pranzo

Tessuti economici per la cucina e la sala da pranzo – shutterstock di Naphat_Jorjee

Quali sono i tessuti economici per la cucina e la sala da pranzo?

Scegliere stoffe convenienti per la cucina e la sala da pranzo è molto semplice. Ci sono tantissimi set che si adattano bene alle esigenze della propria cucina. Si possono anche mettere in pratica le proprie abilità manuali per confezionare da sé tendaggi, presine o tovaglie e crearli su misura in base alle proprie esigenze.

Le tende

Per quanto riguarda la scelta economica di tessuti per le tende da cucina e per la sala da pranzo, l’utilizzo di stoffe per tende a vetro diventa importante, al fine di garantire un ambiente accogliente e pratico senza trascurare lo stile.

Il lino misto a fibre artificiali è una delle scelte migliori. Questa fibra naturale ha caratteristiche antibatteriche, antistatiche e antimacchia.

Un’altra scelta economica per un ambiente più elegante è rappresentata dal cotone raso ad organza finissima, che lascia trasparire molta luce nell’ambiente.

La seta è molto pregiata ma ci sono tessuti simili riprodotti grazie alla viscosa, materiale artificiale, o a poliestere, sintetico ma particolarmente simile alla vista. Questo tipo di tende è molto appariscente e si usa con colori tendenzialmente forti.

Per quanto riguarda il cotone la scelta è vasta: oltre al già citato raso, ci sono diverse tipologie di filature di tutti i prezzi. Basta scegliere colori e fantasie più adatte allo stile della propria casa.

Tovaglie e accessori

Per selezionare dei tessuti economici per tovaglie, sedie e accessori, la scelta migliore da fare è optare sempre per tessuti rigidi e possibilmente antimacchia. Ancora una volta, il lino è uno dei materiali con i fili più resistenti: due volte più del cotone e tre volte più della lana.

Tra i tessuti artificiali è importantissima la viscosa, che ricorda seta e cotone allo stesso tempo, è brillante ed è molto economica.

In caso di dubbi, optare sempre per il poliestere. Sceglierlo piuttosto spesso e della fantasia che si preferisce: in questo caso ce n’è per tutti i gusti.

L’importanza del colore

Da valutare attentamente prima dell’acquisto delle stoffe è la scelta degli abbinamenti cromatici.

La regola principale è quella di porre attenzione al proprio ambiente:

  • per una cucina dai toni rustici è consigliato scegliere colori rossi e bianchi;
  • con una cucina moderna dai colori tenui cercare di rimanere su quei colori, magari optando per una sfumatura talvolta più scura;
  • evitare di giocare sui colori complementari forti perché l’impatto sarebbe eccessivo.

7 consigli per risparmiare soldi in cucina

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu? 

  • La produzione italiana di mobili per la cucina è stata, nel 2020, di circa 969 mila unità, per un valore pari a 2.353 milioni di euro. Il consumo ammonta a 1.620 milioni di euro, a prezzi di fabbrica.
  • I primi dieci produttori italiani di mobili per cucina rappresentano una quota pari al 58% dell’intero settore.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Sono laureata in giornalismo e lavoro come redattrice, traduttrice e copywriter. Mi piace parlare di tutto con approccio scientifico, soprattutto di enogastronomia. Scrivo di moda e la creo (sono anche ricamatrice e modellista sartoriale).