Sedia a dondolo: l’elemento perfetto per ogni design lover

La sedia a dondolo nasce, in realtà, come sedia da giardino intorno al 1700 e la sua creazione viene attribuita a Benjamin Franklin. Con il passare del tempo, però, questo particolare tipo di sedia è diventato un cult per l’arredamento, soprattutto per gli amanti del design. Dallo stile classico, a quello minimal, esistono in commercio numerosissime varianti di sedie a dondolo, perfette per ogni angolo della casa.

La sedia, da elemento d’arredo a oggetto d’arte. Intervista a Giovanni Trimani, pittore e scultore

La sedia a dondolo

La caratteristica principale di una sedia a dondolo è la sua oscillazione. I due archi alla base, infatti, permettono alla sedia di riprodurre l’effetto “culla”. Inizialmente, era la postazione dedicata al nonno di famiglia. Qui, il più anziano della famiglia raccontava storie e fiabe ai propri nipoti, oppure si riposava. Nel corso del tempo, la comodità e la bellezza di questa sedia hanno fatto si che quest’elemento diventasse imprescindibile per ogni design lover. Questo particolare tipo di sedia, infatti, può adattarsi ad ogni ambiente:

  • in giardino (dando all’ambiente un effetto vintage)
  •  soggiorno (posizionata vicino al caminetto, per conciliare qualunque tipo di attività confortevole)
  • in camera da letto (per rilassarsi, magari leggendo un libro, prima di andare a dormire)

i materiali con cui si può realizzare una sedia a dondolo sono tantissimi:

  • legno di faggio
  • legno di betulla
  • metallo
  • acciaio

Per quanto riguarda il rivestimento, invece, la scelta dipende dai vari gusti, oltre che dalla parte della casa che si desidera arredare. Per una sedia a dondolo da interni, i rivestimenti più scelti sono:

  • la pelle, estremamente elegante e comoda allo stesso tempo
  • la paglia di Vienna (in stile classico)
  • l’eco-pelle
  • la classica stoffa sfoderabile (perfetta per uno stile country)

La sedia a dondolo da esterno, invece, ha, di solito, una struttura più particolare. Fra le più caratteristiche, si trova quella sospesa. Si tratta di un particolare tipo di sedia a dondolo che ha una seduta sospesa e, come base, un tubo di metallo. Per quanto, invece, riguarda i materiali per il rivestimento, le sedie da esterno vanno pensate soprattutto per resistere agli agenti atmosferici (pioggia o eccessivo calore). Perciò, questi modelli si realizzano principalmente in:

  • ferro
  • bambù
  • vimini
  • rattan
  • legno trattato
Sedia a dondolo

Sedia a dondolo: l’elemento perfetto per ogni design lover- Pixabay di Engin_Akyurt

Le sedie a dondolo più famose al mondo

Nel 1860, la sedia a dondolo è diventata un vero e proprio elemento di design. Da allora, perciò ne sono stati prodotte di numerosissimi tipi, sia classiche che moderne. Quali sono i modelli più famosi al mondo?

  • sedia di Thonet, la prima sedia in legno curvato. Ad oggi, dopo 150 anni dalla sua invenzione, è il modello più richiesto.
  •  J16, realizzata nel 1955 dal danese H.J. Wagner. La base d’appoggio viene, da allora, realizzata in noce massello ed il sedile è intrecciato in corda di carta.
  •  in stile Windsor. Si tratta di un particolare tipo di sedia a dondolo generalmente in legno massello, poi verniciato del colore che più si preferisce.
  • RAR rocker: un particolare tipo di sedia a dondolo, realizzata dai coniugi Eames, nel primo dopoguerra americano.

I vantaggi delle sedie a dondolo

Oltre che per il suo aspetto estetico, questo tipo di sedia è molto rinomata anche per i suoi vantaggi. Uno studio pubblicato su Current Biology dimostra che il dondolare aiuta il sonno profondo, il mantenimento dello stesso, oltre che la memoria. La sedia a dondolo, inoltre, migliora la circolazione sanguinea. Il sangue, infatti, circola molto più facilmente perché la pompa cardiaca combatte meno contro la gravità.

L’arredamento d’interni e il successo del design italiano

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Un’azienda svizzera ha recentemente realizzato la prima sedia a dondolo hi-tech. L’estetica richiama gusti retrò, ma la tecnologia è al passo con i tempi. É dotata di un supporto per tablet e di altoparlanti installati sul poggiatesta. Attraverso le sue oscillazioni, inoltre, questa particolare sedia a dondolo è in grado di ricaricare i vari dispositivi ad essa collegati. Secondo quanto dichiarato dai produttori, un’ora di oscillazione darebbe ai dispositivi una carica del 30%.
  • Le più importanti modifiche all’estetica della sedia a dondolo avvennero intorno al 1700/1800. Nell’arco di questi due secoli, infatti, vennero aggiunti importanti aspetti decorativi, come disegni floreali o intarsi su spalliera e braccioli.
  • Dal 2014 al 2016 il fatturato delle imprese italiane di arredamento è cresciuto del +5,7%, un tasso quattro volte superiore alla media delle imprese italiane. Nel 2018, il fatturato è cresciuto del 2,1%.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Post Tags
Condividi su