Quanti sono i vegetariani nel mondo?

Quanti sono i vegetariani nel mondo? Secondo gli ultimi dati, si contano oltre 375 mila vegetariani nel mondo. Ma la pratica completa si estende anche ai vegani che, uniti ai primi, ammontano a un miliardo di tutta la popolazione globale.

Ora la Legge tutela i cavalli alla pari di cani e gatti

Vegetariani nel mondo: i Paesi che consumano meno carne

Ecco una piccola classifica dei vegetariani nei vari Paesi del mondo:

  1. India: è considerata la patria del vegetarismo e non solo per motivi religiosi. È circa il 30% della popolazione a seguire una dieta vegetariana o vegana molto stretta.
  2. Regno Unito: al secondo posto con circa il 10% di vegetariani nel Paese.
  3. L‘Irlanda con il 6% di non consumatori di carne.
  4. Germania con l’8% di convertiti al vegetarismo.
  5. Altri Paesi come Francia, Spagna, Svizzera, Belgio e Norvegia, i vegetariani oscillano fra il 2% ed il 4%.

I vegetariani in Italia

Negli ultimi anni si è assistito ad una notevole crescita di persone che preferiscono evitare il consumo di carne o dei suoi derivati. Divenendo quindi vegetariani o vegani. In principio la cultura vegetariana era di nicchia e anche mal vista, ma col passare del tempo e la sensibilizzazione sui temi ambientali e animali, sempre più persone hanno capito, accettato e abbracciato queste filosofie.

In Italia il totale dei vegetariani e dei vegani è dell’8,2% della popolazione. Rispettivamente il 5,8% ed il 2,4%. Secondo i dati Eurispes sono aumentate (e continuano) le persone che seguono uno stile di vita vegetariano, ma soprattutto vegan, rispetto al 2020.

In generale, sono soprattutto le donne ad aderire ad un percorso veg, con un 22,6% contro il 18,4% degli uomini.

vegetariani nel mondo

Quanti sono i vegetariani nel mondo? – Di Rimma Bondarenko shutterstock

Le ragioni che spingono verso una dieta veg

Sono molteplici le motivazioni che portano una persona a decidere di intraprendere uno stile di vita vegetariano o vegano. Siamo esseri onnivori e fin da piccoli ci abituano a mangiare carne.

Quindi quali sono le principali ragioni che ci fanno cambiare idea sulla nostra dieta? Principalmente si diventa vegetariani (e vegani) per:

  1. amore e rispetto per gli animali: una tra le prime ragioni che spingono a non mangiare più carne. L’empatia e la compassione verso qualsiasi essere umano, in special modo gli animali. Ci si rifiuta di poter generare violenza e dolore a esseri che sono considerati amici e che non hanno fatto nulla di male.
  2. Cura dell’ambiente: la produzione e macellazione di carne e derivati, ha un impatto negativo sull’ecosistema, producendo notevoli scarti, inquinamento e un consumo spropositato di risorse ambientali.
  3. Fede religiosa: come in India, dove si praticano religioni che credono nella reincarnazione e praticano la non – violenza. Inoltre per loro le vacche sono sacre.
  4. Salute: molti aderiscono ad una dieta veg per mantenersi in salute e sentirsi meglio. È assodato che un consumo spropositato di carne (soprattutto rossa), può causare danni al fegato e generare malattie.

Vegetariano o vegano? Qual è la differenza?

Può capitare che le persone confondano o mischino i concetti di vegetarismo e veganismo. Sicuramente la differenza è sottile, ma sostanziale.

I vegetariani sono coloro che non assumono nessun tipo di carne animale. Si nutrono di tutto il resto. Dalla pasta, uova, frutta al latte e latticini.

I vegani, invece, non solo non consumano carne animale, ma nemmeno tutto ciò che deriva da un essere animale e da ciò che produce. Quindi le uova che fa una gallina o il latte della mucca, per i vegan, è off – limits. In sostanza si nutrono solo di ciò che produce la terra e prodotti biologici di derivazione vegetale.

Formaggi vegan: ecco quali sono i migliori

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Uno studio del WWF ha rivelato che servono 15.500 litri di acqua per produrre un kg di bistecca di manzo. E il 70% di acqua dolce nel mondo viene impiegato per la coltivazione di piante destinate come mangime per gli animali d’allevamento.
  • Il movimento vegetariano è molto radicato e sentito in Inghilterra. Proprio qui si è vista nascere la prima organizzazione associativa veg, la Vegetarian Society, fra le più attive a livello mondiale. Inoltre, sempre qui è nata la prima scuola di cucina vegetariana (nel 1982) e dove hanno prodotto, nel 1969, il primo formaggio generato con muffe batteriche al posto del caglio animale, a livello industriale.
  • Secondo Eurispes, i vegetariani in Italia raggiungeranno i 30 milioni, nel 2050. 

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Interior-Garden designer& Web project