I piccoli di casa e la genitorialità: Come organizzare i compiti delle vacanze. I consigli per un’estate serena

Osserviamo come organizzare i compiti delle vacanze in maniera così da non ritrovarsi all’ultimo minuto con carichi di lavoro eccessivi.

Psicologo a scuola per 36 ore settimanali: arriva la proposta di legge

Come organizzare i compiti della vacanze

Organizzare i compiti estivi porta ogni anno stress a migliaia di ragazzi e genitori. Spesso è difficile riuscire a gestire tutto nella maniera corretta evitando le corse all’ultimo minuto. Queste difficoltà possono portare con sé ansia, rovinando anche quel periodo dell’anno che dovrebbe essere vissuto con spensieratezza e felicità.

Per iniziare ad organizzare al meglio il lavoro è fondamentale creare una lista che includa tutto il lavoro assegnato. Inoltre, è possibile suddividere la lista per materie, argomenti ed unità.

Una volta fatto ciò tutto sarà tutto più semplice. Infatti, basterà contare i giorni disponibili per svolgere il lavoro e suddividere equamente il carico, saltando, se si preferisce, il weekend.

Utilizzando tutte le linee guida preparare sarà possibile finire i compiti estivi per tempo e senza sovraccarichi, riuscendo a godere dell’estate tanto attesa.

Come organizzare i compiti delle vacanze - scuola

Come organizzare i compiti delle vacanze. I consigli per un’estate serena – immagine di Unsplash di Jessica Lewis

I consigli utili

Se si desidera organizzare il tutto in maniera ancora più accurata, onde evitare spiacevoli sorprese o carichi di lavoro è possibile seguire altri pratici consigli.

Infatti, si può creare un programma con la mole di lavoro distribuita nel migliori dei modi, evitando giornate più impegnative di altre.

Osservando i livelli di difficoltà dei compiti sarà possibile segnare ciò che meno complesso da ciò che richiede un maggior impegno, distribuendo il tutto.

Inoltre, sarà possibile stimare il tempo utile per svolgere i vari argomenti in maniera tale da dedicare una piccola parte della tua giornata tutti i giorni, evitando sessioni di studio lunghissime. Per fare ciò basterà una veloce lettura delle parti.

Per concludere, è possibile stabilire un termine massimo per il completamento dei compiti assegnati, in maniera tale da avere qualche giorno di totale relax prima del rientro a scuola e dell’inizio di un nuovo anno. Attenzione, però, a non trascorrere un mese lontano dai libri, potrebbe farti dimenticare quanto appreso e, allora, non basterà un semplice ripasso.

Le iniziative sostenibili nel mondo: progettare scuole che favoriscono l’apprendimento

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • In Europa oltre 64 milioni di bambini frequentano la scuola.
  • Secondo i dati ISTAT in Italia ci sono oltre 15 mila scuole primarie pubbliche, e più di 7 mila scuole secondarie di I grado.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Dottoressa in Scienze dell'Educazione e della Formazione