Achillea millefoglie: la pianta dalle mille proprietà

Achillea millefoglie: la pianta dalle mille proprietà è un vero è proprio concentrato di benessere

L’Achillea millefoglie è una pianta dalle mille proprietà che può essere utilizzata in svariati modi. Infatti, è antiedemigena, antiflogistica, colagoga e coleretica, emmenagoga, anti-dismenorroica ed eupeptica. Inoltre è anche cicatrizzante e antiemorragica.

Origine e storia dell’Achillea millefoglie

L’achillea (Achillea millefolium) è un’erba perenne della famiglia delle Asteraceae. Questa è molto diffusa in Italia. Infatti, cresce rigogliosa sia in terreni umidi che sassosi e persino sui bordi delle strade.

Il termine millefolium si riferisce alla forma delle foglie (mille = mille, e folium = foglia). Sin dall’antica Grecia è conosciuta per le sue proprietà benefiche. Infatti, tradizione vuole che, Achille, condottiero da cui prende il nome, ricevette alcune indicazioni sui suoi poteri curativi dal centauro Chirone, suo maestro nell’arte di curare.

Achillea millefoglie è una pianta che è stata utilizzata in tutte le medicine tradizionali. Infatti, se ne documenta il suo utilizzo anche in Cina. Qui i suoi steli erano usati in Cina come strumento oracolare nel “Libro delle Mutazioni”. Mentre, nella tradizione celtica era considerata una pianta sacra. Da sempre, l’Achillea è conosciuta per le sue virtù risanatricicicatrizzanti e antiemorragiche. Non a caso i romani la chiamavano herba militaris per la sua azione sulle ferite.

Ciò, è stato approfondito negli ultimi due secoli, specialmente nell’ambito della medicina omeopatica, da studiosi tedeschi e francesi, che hanno confermato l’utilizzo di Achillea millefoglie sia come antinfiammatorio, sia come emostatico e antidolorifico.

Achillea millefoglie

Achillea millefoglie la pianta dalle mille proprietà – Pixabay filipendula ulmaria

Descrizione dell’Achillea millefolium

L’Achillea millefoglie è una pianta erbacea perenne. Questa predilige posizioni soleggiate e può raggiungere il metro e mezzo di altezza. Inoltre, è possibile trovarla fino a 2000 metri di altitudine in quanto il suo fusto eretto è molto resistente. Difatti è autoctona soprattutto nel Nord Italia. In particolare, le sue foglie sono pelosette, dentate e di colore verde intenso. Quelle alla base picciolate, mentre quelle sulla parte superiore più corte e sottili.

I fiori di Achillea millefoglie, di colore che varia dal bianco al rosa intenso, sono riuniti in corimbi che si aprono solo nella parte più alta della pianta. La sua infiorescenza, formata da tanti piccoli fiori, perdura fino all’inizio dell’inverno. Questi, sono bianchi o rosati e si uniscono a formare folte ombrelle. La loro particolarità è quella di emanare un profumo molto buono.

Come coltivare la Zamioculcas in vaso? Tutto sulla cura di questa pianta

Le proprietà terapeutiche dell’Achillea millefoglie

fiori e le foglie di achillea contengono olio essenziale (azulene, camazulene, ß-pinene, cariofillene), flavonoidiacidi organici (caffeico e salicilico), tannini idrolizzabilisteroli, lattoni, cumarine. Ciò la rende un ottimo rimedio naturale con azione cicatrizzante e riparatrice tissutale. Infatti, è impiegata per curare lesioni della pelleferite e piaghe d’ogni genere.

Inoltre, oggi questa pianta è considerata un ottimo rimedio antispasmodico, in quanto aiuta a rilassare la muscolatura liscia, in presenza di dolori mestruali accompagnati da crampi addominali. Mentre, per le proprietà stomachiche, viene usata per favorire la funzionalità digestiva ed epatica.

Inoltre la presenza di flavonoidi (in particolare la vitexina) conferisce alla pianta un’azione riequilibrante del sistema ormonale utile per tutti quei sintomi connessi alla fase premestruale, associati a nervosismo, irritabilità, sbalzi d’umore, debolezza e stanchezza.

Ciò la rende una pianta perfetta per le donne che possono usarla come rimedio naturale per le sue proprietà:

  • Antinfiammatorie.
  • Antispasmodiche.
  • Antisettiche.
  • Astringenti.
  • Sedative.
  • Digestive.

Tuttavia, come tutti i rimedi naturali, è bene da prendere in considerazione alcuni elementi, come l’uso eccessivo, che potrebbe presentare alcune controindicazioni a livello fisico.

Cosa sono le piante stabilizzate?

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Gli usi e le proprietà dell’Achillea erano già note nell’antica Grecia. Infatti, come detto, tradizione vuole che Achille sia stato il primo ad utilizzare le proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti di questa pianta.
  • Oggi gli usi dell’Achillea sono sostanzialmente due: medicina tradizionale e medicina omeopatica. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) l’omeopatia è il secondo più grande sistema curativo al mondo, in crescita costante, ogni anno, a livello mondiale. Il numero globale dei medici omeopati è di oltre 500.000. I pazienti utilizzatori sono più di 600 milioni. È diffusa in 80 paesi.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.