Arredamento sostenibile: le principali aziende arredo green nelle Marche

Aziende arredo green nelle Marche

Il tema della sostenibilità è un tema molto caro all’economia della regione Marche. Sono principalmente quattro i comparti che alimentano l’export della regione: arredo, abbigliamento, automazione meccanica e agroalimentare. In tutti questi campi innovazione green, sembra aver fatto il suo ingresso, pertanto non è così improbabile trovare aziende arredo green nelle Marche. Spesso si tratta anche di nomi di realtà di spicco nel settore del mobile.

5 buoni propositi per il 2022 per rendere la casa più green

Aziende arredo green nelle Marche

Il tessuto produttivo delle Marche, tra i più dinamici d’Italia è stato protagonista, nel secondo dopoguerra, di un rapido processo di industrializzazione. Lo stesso che ha interessato anche altre regioni d’Italia. 

In quegli anni nelle Marche sono nate tante piccole-medie imprese, in gran parte a conduzione famigliare, emerse a loro volta, da un universo composto in passato, da centinaia di botteghe e laboratori artigianali. Ma se è nel dopoguerra che fioriscono le botteghe artigiane, è negli anni Sessanta che queste diventano aziende. Molte delle quali sono ancora oggi, un punto di riferimento per l’economia del paese.

Ed è in questo panorama che ormai da diversi anni è maturata da parte dell’imprenditoria locale, l’interesse verso il tema della sostenibilità ambientale. Stando a quanto riportato nella ricerca 5A – Le Marche del nuovo made in Italy pubblicata da I Quaderni di Symbola, l’innovazione green qui è sempre stata una scommessa obbligata. 

La tutela per l’ambiente si è quindi manifestata con scelte legate sia alla dimensione ambientale (energie rinnovabili, nuovi materiali, gestione dei rifiuti e del ciclo delle acque, mobilità sostenibile, servizi di monitoraggio) sia come approccio trasversale ai diversi comparti del manifatturiero, necessario ad abbattere i costi sociali, ambientali ed economici delle produzioni e ad aumentare il valore aggiunto tecnologico, simbolico, culturale ed etico. 

Tra le aziende arredo green marchigiane più rappresentative che hanno fatto questo tipo di scelte figurano:

  • Scavolini
  • iGuzzini illuminazione
  • Gruppo Lube 
  •  Moretti Compact 
  •  Kubedesign
  • Adrenalina

 

Aziende arredo green Marche

Arredamento sostenibile: le principali aziende arredo green nelle Marche – Shutterstock di Followtheflow

Aziende arredo green nelle Marche

Scavolini

Scavolini, azienda tra le più note del settore mobili da cucina con sede a Pesaro, è una realtà che già da anni porta avanti una serie di scelte sostenibili. Come quella di utilizzare esclusivamente energia proveniente da fonti rinnovabili per le proprie attività. 

Due impianti fotovoltaici di ultima generazione sono stati installati sulle coperture dei propri stabilimenti e consentono la quasi totale autonomia energetica alla struttura. Non solo, per il riscaldamento di parte dello stabilimento Scavolini utilizza, un impianto alimentato a biomassa. L’azienda presta anche molta attenzione alla raccolta differenziata. Al punto che recupera il 90% della quantità di scarti prodotti dalle proprie attività e li riusa in nuovi processi produttivi o per ottenere energia.

Per quanto riguarda il prodotto, Scavolini ha investito nell’adozione dei principi di eco-design. Tra questi spicca l’uso per le cucine di pannelli ecologici, certificati FSC10, ricavati da legname di recupero. 

IGuzzini illuminazione

Ha sede nelle marche a Recanati anche iGuzzini, azienda nata nel 1959 oggi tra punti di riferimento nel settore illuminotecnica. Dal punto di vista della sostenibilità l’azienda pone particolare attenzione sui materiali scelti per i prodotti. Lo fa usando principalmente alluminio riciclato e materiale plastico. Inoltre, le parti sono facilmente separabili in base al materiale e consentono una riciclabilità pari al 99%.

La sostenibilità passa anche attraverso sviluppo sostenibile. Il quale si manifesta nella volontà di realizzare prodotti che puntano a migliorare il risparmio energetico attraverso l’uso efficiente delle tecnologie: ottiche ad alta performance, l’utilizzo di nuove sorgenti luminose, sistemi di controllo e gestione degli apparecchi.

Non solo la sede IGuzzini di Recanati è stata costruita con criteri bioclimatici. Prima struttura in Italia ad ottenere dall’iiSBE Italia un punteggio di certificazione energetica 3.5. 

Gruppo Lube

Gruppo Lube è un’altra grande realtà del settore arredo con sede nelle marche a Treia, comune in provincia di Macerata. Dal 2010 l’azienda ha introdotto il marchio Lube Ecologic con cui si riconosco i suoi prodotti garantiti come ecocompatibili. L’azienda usa solo pannelli ecologici, riciclati al 100% e componenti con bassissimi contenuti di formaldeide.

Per quanto riguarda il processo produttivo, i consumi energetici sono scesi drasticamente grazie alla scelta di macchinari a ridotto consumo. Ma anche grazie alla produzione autonoma di energia rinnovabile resa possibile da un tetto fotovoltaico che raggiunge circa 80000 mq di superficie. 

Moretti Compact

Azienda leader in arredamenti per ragazzi night e living Moretti Compact, ha la sede principale nella provincia di Pesaro Urbino. È stata la prima azienda produttrice di camerette per bambini a utilizzare i pannelli ecologici LEB (Low Emission Board), sintesi perfetta tra salvaguardia dell’ambiente e la massima cura per la salute del consumatore.

Questi pannelli sono realizzati al 100% con materiale legnoso post-consumo certificato FSC e garantiscono la più bassa emissione di formaldeide al mondo. Con valori addirittura inferiori ai limiti posti dallo standard giapponese, uno dei più severi. Inoltre, le vernici all’acqua usate da Moretti Compact, riducono l’emissione di sostanze nocive fino al 95% rispetto a quelle tradizionali a solvente. Inoltre sono pienamente conformi alla norma EN 71.3, relativa all’impiego delle vernici su giocattoli o su materiali che possono, occasionalmente, venire a contatto con la bocca dei bambini.

Kubedesign

Kubedesign è stata una delle prime azienda ad interessarsi al tema dell’arredo in cartone. Partendo da complementi semplici, è arrivata a progettare mobili sempre più sofisticati. Si può parlare di arredamento ecosostenibile, in cui si intrecciano l’attenzione per l’ambiente e la ricerca nell’innovazione delle forme.

Il cartone è un materiale semplice e naturale, riciclato e riciclabile, estremamente versatile e dalle eccellenti potenzialità, in grado quindi di rispondere alle esigenze. 

Adrenalina

 Ha sede a Pesaro anche Adrenalina, azienda di imbottiti di design. Anche quest’azienda ha fatto di recente una serie di scelte green. Ad esempio introducendo sul mercato una nuova versione dei divani e delle poltrone LEO per la quale sono stati usati materiali eco-sostenibili. Imbottiti i cui rivestimenti sono tessuto realizzato al 100% in poliestere riciclato ricavato dal materiale plastico che inquina le spiagge e gli oceani, frutto del progetto SEAQUAL. Importante iniziativa che coinvolge brand di tutto il mondo con l’obiettivo di mantenere puliti mari e oceani.

Per le strutture in legno dei suoi imbottiti, Adrenalina usa solo prodotti certificati FSC e Carb2. Tutti i prodotti Adrenalina possono essere facilmente smontati e scomposti per essere convogliati in raccolte rifiuti differenziate al termine del loro ciclo vita. Per le parti in ferro e acciaio in particolare punta ad un corretto smaltimento, poiché la rifusione di metalli limita l’apertura e lo sfruttamento di nuove miniere e quindi riduce le emissioni di CO2.

Cucina sostenibile: soluzioni di Green Design

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Dai dati diffusi dalla Camera Commercio Marche nel primo semestre del 2021 il valore dell’export rispetto all’anno prima, del mobile marchigiano è cresciuto del 38% con un valore assoluto di 293 milioni di euro.
  • Nelle Marche alla data del 30 giugno 2021 si contano 1.256 imprese attive di fabbricazione di mobili. Un numero che ne fa la quinta regione italiana per numero assoluto.
  • Il 58,2% delle imprese marchigiane attive della fabbricazione di mobili sono collocate nella provincia di Pesaro, il principale polo del settore in regione (731 imprese). Anche le province di Ancona (190) e di Macerata (223), rispettivamente con il 15,1% e il 17,8% ciascuna, assumono un certo rilievo sotto questo profilo.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post