Salone del Mobile 2023 Cattelan Italia, l’intervista al CEO Paolo Cattelan

Condividi L'articolo su

Il Salone del Mobile è uno degli eventi più importanti del settore dell’arredamento e del design. Quest’anno, l’attenzione sarà rivolta a Cattelan Italia, l’azienda di fama mondiale che sta attirando l’attenzione di tutti i professionisti del settore. Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Paolo Cattelan, CEO di Cattelan Italia, per scoprire di più sulle novità dell’azienda per il Salone del Mobile 2023.

Cattelan Italia: il brand di riferimento dell’arredamento di lusso Made in Italy

Cattelan Italia è un’azienda italiana fondata nel 1979 che si occupa di produzione e distribuzione di mobili di lusso. Grazie alla qualità dei suoi prodotti e alla creatività del suo team di designer, l’azienda si è affermata come uno dei marchi di riferimento nel settore dell’arredamento di lusso.

In questa intervista ad Habitante, Paolo Cattelan ci ha parlato delle novità di Cattelan Italia, del percorso dalla fondazione dell’azienda al successo di oggi e dell’importanza dei valori della casa ideale di domani per offrire agli abitanti soluzioni di arredo personalizzabili, funzionali e confortevoli.

Salone del Mobile 2023 Cattelan Italia, l’intervista al CEO Paolo Cattelan

Cattelan Italia è l’azienda dell’arredamento moderno Made in Italy per eccellenza. Presente in 140 Paesi, Cattelan si distingue per uno stile sofisticato che è amato in tutto il mondo. Dal 1979 a oggi, infatti, l’azienda ha saputo affermarsi come uno dei marchi del design italiano più famosi al mondo. Come è riuscita a raggiungere il meritato successo che oggi Cattelan Italia registra?

La nostra azienda è focalizzata su due aspetti principali, che possono sembrare banali ma sono essenziali per avere successo: avere un buon prodotto e distribuirlo nel modo più efficace.

Lato prodotto, siamo sempre stati attenti agli sviluppi del mercato, sia in termini di gusti estetici, sia in termini di funzionalità e bisogni da soddisfare, sia per quanto riguarda le nuove tecnologie disponibili per la produzione.

In questo modo la nostra produzione è molto cambiata negli anni, seppur mantenendo una chiara impronta stilistica che connota il nostro brand. Il nostro catalogo consiste in centinaia di prodotti, la maggior parte dei quali personalizzabili nei materiali e nelle dimensioni, per soddisfare un pubblico più ampio possibile.

Per quanto riguarda la distribuzione, invece siamo sempre stati attenti a raggiungere i mercati più floridi e più attenti al design d’interni Made in Italy. Abbiamo flaghship store nelle capitali mondiali del design, corner monomarca nei maggiori showroom di arredamento realizzati su misura da un team di esperti designer interni all’azienda e un’ampia rete di agenti che hanno consolidato la presenza del Brand nel mercato italiano e globale.

Inoltre, per la prima volta avremo un negozio di proprietà in centro a Milano che sarà aperto al pubblico dal 2024.

Per realizzare la casa ideale di domani, è necessario che le aziende, i progettisti e il consumatore finale si parlino: qual è il filo conduttore tra questi tre attori protagonisti di ogni progetto? Che rapporto ha Cattelan Italia con gli architetti e con l’utente finale?

Ogni attore della catena viene seguito da reparti diversi della nostra azienda per garantire il massimo del servizio. C’è un team commerciale dedicato a supportare la rete di venditori nel quotidiano, ci sono figure che dialogano con gli architetti durante lo sviluppo dei loro progetti, anche con produzioni ad hoc, infine c’è il team marketing che nutre una relazione costante con la nostra community sui social, formata principalmente da un pubblico B2C. Per ciascun attore esistono modalità di contatto esclusive e materiale informativo dedicato. Il dialogo è infatti costante.

Tra le nuove tendenze dell’abitare, è sempre più centrale l’attenzione ai prodotti sostenibili e innovativi. L’abitante, anche grazie alle nuove abitudini di consumo, sceglie un prodotto non solo per soddisfare un bisogno specifico, ma anche perché sposa la filosofia dell’azienda produttrice. In questo senso, veicolare i valori aziendali attraverso una comunicazione autentica è di fondamentale importanza. Quali sono i pilastri comunicativi di Cattelan Italia? Quali sono le iniziative per veicolare i vostri valori?

Come abbiamo già detto, Cattelan Italia è un’azienda focalizzata sul prodotto di qualità, per questo motivo anche i nostri valori sono strettamente legati alle modalità produttive.

La nostra produzione è realizzata da una stretta rete di collaboratori che operano nel nostro territorio. Negli anni Cattelan Italia ha saputo creare un network di aziende altamente specializzate, con competenze e risorse che permettono di offrire la qualità superiore dell’artigianato Made in Italy.

Il nostro dipartimento di Ricerca&Sviluppo interno lavora a stretto contatto con la rete di designer e artigiani locali, per individuare idee, tendenze e tecniche produttive all’avanguardia. In questo modo l’ampia offerta, flessibile e duttile, è frutto della ricerca dei materiali più performanti in termini estetici e tecnici.

Il tema della sostenibilità è molto inflazionato nell’arredamento e viene spesso sfruttato come mero espediente di comunicazione. La nostra azienda ha una produzione locale, attenta alla qualità dei materiali e che garantisce la sicurezza delle lavorazioni in tutta la sua filiera. Per noi la vera sostenibilità è allontanarsi dalle logiche di iper-produzione; è produrre arredi durevoli, funzionali e confortevoli, che possano diventare compagni di vita.

Dal 18 al 23 aprile Cattelan Italia sarà presente al Salone Internazionale del Mobile, la principale fiera a livello mondiale per gli operatori del settore casa e arredamento. Quali sono le novità che l’azienda presenterà quest’anno al Salone?

Per apprezzare davvero il design, così come per l’arte, è necessario dedicarvi il giusto tempo. Tempo per soffermarsi sui dettagli, per accogliere le sensazioni che provengono da forme e materiali e per immaginare quello stesso oggetto valorizzato in ambienti e contesti differenti. Con un approccio di slow-design, la nostra ambizione è creare dei progetti che richiedono di essere contemplati e assimilati, rivisti a distanza di tempo e trasferiti in luoghi che mettono in luce nuovi aspetti a seconda dello stile dell’ambiente. Un buon disegno nasce in un momento e in un contesto precisi, ma deve avere le caratteristiche per durare una vita ed essere camaleontico.

Ogni anno proponiamo una nuova collezione, quest’anno però ci siamo concentrati su meno pezzi per sviluppare delle proposte originali con delle nuove finiture d’eccellenza. Non mancheranno nuovi modelli di tavoli, fiore all’occhiello della nostra collezione, sedute imbottite e poltroncine e complementi d’arredo che uniscono insieme l’amore per i dettagli, materiali d’eccellenza e una linearità disarmante nelle forme.

Design e futuro: per parlare di innovazione è necessario osservare ed ascoltare i nuovi bisogni dell’abitante. Come sarà l’habitat di domani per Cattelan Italia?

Le persone oggi sono esposte a un maggior numero di stimoli visivi rispetto a 40 anni fa, quando è nata la nostra azienda. E lo saranno sempre di più nel futuro. Per questo motivo saranno più esigenti e avranno il desiderio di poter realizzare la propria casa quasi su misura. Nessun dettaglio sarà lasciato al caso e gli ambienti verranno studiati come composizioni di arredi e finiture fluide e armoniose. L’utente avrà a disposizione di pochi click tutto ciò che desidera nel mondo, perciò sarà essenziale creare dei progetti and hoc che sappiano mettere insieme tutte le passioni e le esigenze personali.

Cattelan Italia propone già oggi un catalogo di arredi altamente personalizzabili con decine di finiture, o con dimensioni modulabili come nel caso delle librerie che vestono lo spazio in modo sartoriale. O ancora, famiglie di sedute in cui ogni elemento può essere scelto consapevolmente, come l’altezza o la presenza del bracciolo.

Per quanto riguarda il tavolo da pranzo, che è il fulcro della nostra produzione, siamo di fronte ad un momento dove l’aspetto scultoreo e scenico è centrale. Siamo diventati tutti molto più esibizionisti, e non è per forza un male. Purché gli arredi rimangano altamente funzionali e confortevoli. Trovare l’equilibrio tra questi aspetti è la nostra sfida e la nostra missione quotidiana.

 

Grazie per il tempo dedicato alla community di habitante.it

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Particolarmente affascinata da tutto ciò che anticipa le mode, da qualche anno mi occupo di coolhunting. Sono specializzata in habitat e abitare. In Habitante trovo il mio posto perfetto nel mondo.