Vai al contenuto
Progetto Architetto D'Onofrio

Intervista all’architetto Claudio D’Onofrio: “il design che comunica”

Condividi L'articolo su

La redazione di Habitante ha avuto il piacere di intervistare l’architetto Claudio D’Onofrio.

“Unendo alla propria serietà professionale una naturale propensione alle tecniche di comunicazione visiva, i lavori realizzati fondono all’approccio tecnico progettuale una particolare cura del design che comunica”.

Intervista all’architetto Claudio D’Onofrio

Progetto Architetto D'Onofrio
Progetto Architetto Claudio D’Onofrio

Buon pomeriggio, Claudio. Grazie per aver accettato di concedere questa intervista alla redazione di Habitante.it. Ci racconti brevemente il suo percorso professionale che lo ha portato a classificarsi tra I Migliori Studi di Architettura e Interior Designer ad Avellino e Provincia.

Il mio percorso professionale nasce già dai primi periodi di formazione scolastica, da un’innata abilità creativa con le tecniche di disegno e decoro e da una forte attrazione per tutto ciò che ruota intorno al mondo dell’arte.

Ho sempre cercato di diversificare la mia esperienza confrontandomi sia con il settore tecnico costruttivo legato all’architettura e all’ingegneria, che con quello della grafica, dell’arte e della comunicazione legato alla produzione e alla commercializzazione di beni.

In entrambi i settori ho avuto l’opportunità di sperimentare e applicare metodi che richiedevano una buona dose di creatività nell’approccio lavorativo. Da architetto mi sono occupato di progettazione architettonica per l’edilizia, per il restauro storico monumentale, per arredo negozi, per strutture alberghiere e opifici industriali su vari livelli di scala e complessità.

Da designer ho realizzato progetti per grafica e arti applicate, scultura, packaging, immagine coordinata, allestimenti per fiere in diversi settori di produzione e servizi. Ancora oggi cerco di mantenere lo stesso approccio nello sviluppo di un lavoro, per questo sono convinto che un buon progetto deve poter comunicare l’idea di design senza il bisogno di commenti.

Lei presenta i suoi lavori come il frutto di un perfetto connubio tra approccio tecnico progettuale e cura del “design che comunica”. Cosa intende?

Sono tra quelli che considera l’architettura come una forma d’arte. L’architetto utilizza l’immaginazione e la visione per creare edifici e spazi che possano suscitare emozioni, trasmettere messaggi e riflettere gli aspetti culturali e sociali del tempo.

I progetti architettonici possono raccontare una storia o comunicare un messaggio, gli edifici possono essere progettati per riflettere la cultura, i valori, la storia o la funzione di una determinata società o istituzione.

Come le altre forme d’arte, l’architettura può spingersi oltre i confini tradizionali e sperimentare con nuovi materiali, tecniche costruttive e concetti innovativi, tenendo conto anche del fatto che l’architettura può influenzare profondamente la vita delle persone e delle comunità. Quando un edificio non comunica parliamo di edilizia, ma quella è un’altra cosa.

Progetto Architetto D'Onofrio
Progetto Architetto Claudio D’Onofrio

Quali sono le tecnologie utilizzate per la realizzazione e la visualizzazione dei progetti?

Oggi i progetti richiedono una notevole quantità di verifiche e informazioni tecniche che solo un modello virtuale può offrire. Le tecnologie per la progettazione tridimensionale sono tante e in virtù del livello di complessità del progetto si valuta quale utilizzare, ciò che è fondamentale invece è l’approccio nel pensare e ragionare in tre dimensioni.

I modelli virtuali consentono una comunicazione molto efficace tra i membri del team di progettazione, ma soprattutto con i clienti e le altre parti interessate. Questi modelli sono intuitivi e possono essere facilmente condivisi e compresi da tutti soprattutto nella disposizione degli arredi, dove la percezione delle dimensioni e degli ingombri viene gestita riducendo al minimo probabili errori di valutazione estetica e funzionale. Inoltre la progettazione virtuale offre maggiori opportunità creative e di sperimentazione, poiché è possibile esplorare forme e dettagli che possono essere difficili da rappresentare in 2D.

Una parte importante del suo lavoro è dedicata all’interior design. Quali sono i principali progetti su cui il suo studio si focalizza?

L’interior design rappresenta per il nostro approccio alla progettazione la parte più importante di qualsiasi progetto. Una corretta valutazione delle funzioni  e dei percorsi che un edificio o uno spazio in generale deve garantire è il presupposto fondamentale per le successive fasi di sviluppo di un progetto.

Cerchiamo quindi di “partire dalla fine”, immaginiamo cioè l’edificio già funzionale e completo di arredi, per poter poi progettare e programmare dall’inizio quanto necessario per poter raggiungere l’obiettivo. I principali progetti di interior design su cui siamo maggiormente focalizzati riguardano strutture ricettive, alberghi di lusso, resort e residenze d’epoca.

Nei suoi progetti integra il concetto di eco-sostenibilità? Se la risposta è affermativa, ci spieghi in che modo riesce a farlo.

Il concetto di eco-sostenibilità è uno dei principi fondamentali del nostro approccio alla progettazione. Partendo dall’orientamento dell’edificio cerchiamo di ottimizzare l’illuminazione, il riscaldamento solare e il raffrescamento naturale, con la chiara consapevolezza che  per un design eco sostenibile è essenziale considerare il comfort e il benessere degli occupanti. Nella scelta dei materiali siamo attenti nel valutare e selezionare materiali a basso impatto ambientale. Siamo consapevoli dell’importante ruolo hanno avuto e hanno gli architetti nella creazione e trasformazione del mondo costruito.

Come intende lei “la casa ideale di domani”?

Non esiste una formula vincente per una casa ideale, è possibile immaginare e progettare abitazioni flessibili e trasformabili, in grado quindi di adeguarsi alle invitabili cambi di esigenze personali. Ovviamente è un concetto difficile da attuare, ma è chiaro che è difficile fare cose semplici.

Progetto Architetto D'Onofrio
Progetto Architetto Claudio D’Onofrio

Qual è il suo punto di vista sull’importanza crescente dell’e-commerce nel settore dell’architettura di interni?

Come qualsiasi altro settore anche per l’architettura d’interni l’e-commerce rappresenta un’importante evoluzione per il settore e il relativo mercato. Avere la disponibilità globale di ciò che il mondo dell’interior design offre ha sicuramente stravolto l’approccio  del cliente nelle fasi di valutazione per gli acquisti, quindi inevitabilmente anche la figura del progettista e del consulente d’arredo deve adeguarsi a tali trasformazioni.

L’e-commerce è ormai da considerare normalità nell’approccio agli acquisti, questo soprattutto perché i pochi portali competenti e affidabili offrono un quadro informativo completo ed esaustivo.

Secondo una recente ricerca di mercato, il settore dell’e-commerce di arredamento ha registrato una crescita significativa, con un aumento del 30% delle vendite online nel corso dell’ultimo anno. Inoltre, il 78% degli acquirenti nel settore dell’architettura di interni ha dichiarato di utilizzare piattaforme digitali come fonte principale per la ricerca e l’acquisto di prodotti. Alla luce di questi dati, come pensa che l’e-commerce influenzi il percorso di progettazione degli spazi del futuro e l’esperienza di acquisto dei clienti?

Confermo quanto registrato dai dati della ricerca di mercato e aggiungo che sempre più spesso viene richiesta oltre l’attività “pura” di progettazione di interior design, quella relativa alla creazione dello stile, la consulenza e il coordinamento per la combinazione e l’accostamento di articoli già pre-selezionati dai clienti attraverso piattaforme digitali di e-commerce.

Grazie per averci concesso questa intervista, Claudio. Prima di concludere, desidera condividere con i nostri lettori altre informazioni che riguardano il suo lavoro o i servizi offerti dal suo studio di architettura?

Grazie a voi. Riguardo ai nostri servizi possiamo aggiungere che grazie ad una naturale propensione alle tecniche di comunicazione visiva,  lavoriamo su realizzazioni che fondono all’approccio tecnico progettuale una particolare cura del “design che comunica”.

Grazie alle molteplici realizzazioni eseguite, e soprattutto ai tanti stimoli professionali ottenuti dal lavoro sui cantieri e dai rapporti con la committenza, oggi siamo in grado di offrire assistenza in ogni fase della costruzione o ristrutturazione architettonica, seguendo il cliente fino alla scelta dei complementi di arredo e di illuminazione.

Ogni lavorazione è coordinata da collaboratori specializzati di comprovata abilità ed esperienza, ciò al fine di potere assicurare alla nostra clientela un servizio completo nella realizzazione di tutti gli adempimenti normativi correlati alla progettazione architettonica. Una parte importante del nostro lavoro è dedicata all’interior design di lusso per residenze, alberghi e negozi.

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News