Vai al contenuto
Armocromia in casa: come arredare in base alle 4 stagioni cromatiche

Armocromia in casa: come arredare in base alle 4 stagioni cromatiche

Condividi L'articolo su

L’armocromia, il termine con il quale è conosciuta l’analisi del colore, si applica, come ben sappiamo, agli ambiti della cosmetica e dell’abbigliamento. Si può prendere in considerazione per la casa? Assolutamente sì! Negli spazi domestici bisogna stare bene, motivo per cui arredarli facendo attenzione alla palette cromatica può rivelarsi un’ottima idea. Quali sono le regole da seguire? Scopriamole assieme nelle prossime righe.

Inverno

Armocromia in casa Se si ha intenzione di arredare una casa tenendo conto delle indicazioni dell’armocromia orientandosi verso la stagione invernale, è opportuno scegliere toni neutri, ma avere cura che siano sufficientemente brillanti.

Vanno benissimo il nero, il viola, ma anche le sfumature del blu. Molto importanti sono pure gli accessori, dalle candele profumate per la casa fino agli specchi, che aumentano la percezione spaziale dando respiro alle stanze.

Nel caso dell’arredamento in palette invernale, si può spaziare e osare l’accostamento tra elementi in stile diverso. Il consiglio, se si punta a non appesantire eccessivamente la resa visiva, è di farlo con le sedie.

Primavera

Armocromia in casa primaveraPassiamo ora alla primavera, la stagione del risveglio. Chi vuole arredare la casa ispirandosi alle cromie di questa palette, dovrebbe, se possibile, scegliere un colore neutro per le pareti. Questa indicazione andrebbe seguita anche per i mobili di dimensioni più consistenti.

Fra gli altri colori sui quali è possibile orientarsi citiamo il verde brillante, ma anche il color fragola e l’arancio, che aiutano a smorzare.

In generale, esattamente come con l’autunno, è il caso di puntare verso palette di colori caldi. Oltre a quelli citati nel paragrafo precedente, ricordiamo anche il rosso acceso.

Estate

Armocromia in casa invernoQuando si parla di arredamento della casa in linea con la palette estiva è bene dare spazio ai colori tendenti al freddo. Un altro consiglio? Cromie neutre, tendenti al talcato. Il cipria e il lavanda sono perfetti. L’azzurro polvere, colore di indubbia eleganza, può trovare posto in una cucina arredata in maniera originale.

Se si ha intenzione di abbinarlo alla perfezione, ci si può orientare verso il senape. Ottima è anche l’associazione con il colore dell’acciaio, materiale spesso scelto per la cappa.

Autunno

Armocromia in casa autunnoL’autunno, come poco fa ricordato, è la stagione adatta per dare spazio ai colori freddi. Se si ha intenzione di renderla protagonista del proprio arredamento, è il caso di puntare verso cromie come l’ocra, il rame e il rosso. Quest’ultimo può essere declinato verso sfumature che ricordano quelle delle foglie.

Per quanto riguarda la scelta di materiali come il legno, spesso protagonista dell’arredamento della casa, si raccomanda di optare per essenze come il rovere.

Regole generali

Dopo aver visto le specifiche relative a ogni stagione, andiamo a scoprire alcune regole generali per arredare la casa tenendo conto dell’armocromia. Fondamentale è evitare gli ambienti monocromatici. Si può partire con un colore dominante e, da qui, sperimentare con diversi abbinamenti.

Attenzione: dato che il gusto personale, in un ambiente intimo come la casa, deve sempre essere il faro, non è vietato categoricamente optare per la monocromia. Se lo si fa, però, il consiglio è quello di scegliere sfumature differenti.

Un altro aspetto sul quale soffermarsi è il sottotono, che deve essere il medesimo per tutta la stanza. Fondamentale è scegliere lo stesso non solo per i mobili, ma anche per il pavimento e per gli infissi.

Si possono cambiare colori da un ambiente all’altro, ma per ciascuno di essi bisogna scegliere se orientarsi verso colori caldi piuttosto che verso quelli freddi.

Da non dimenticare è anche l’importanza della luce. Dato che ogni colore si trasforma quando è esposto ad essa, è essenziale scegliere quelli degli ambienti della propria casa a seconda che l’illuminazione arrivi da un lampadario, dalle già citate candele, piuttosto che da grandi finestre coperte da tende di tessuto leggero.

Credits Photo: Shutterstock

Condividi L'articolo su

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Seguici su

Cerchi ispirazione?

Iscriviti alla nostra newsletter

News