Stesso congedo parentale: in Finlandia si può

Alcuni dicono che la felicità bisogna cercarla lontano; altri dicono che dimora vicino, nella casa; ma la felicità perfetta è nella culla di un bimbo.
Proverbio cinese

La nascita di un figlio è un evento indimenticabile nella vita delle persone, e poter trascorre i mesi dopo la sua nascita a casa non è affatto semplice. Dalla Finlandia una nuova proposta per cementare i legami famigliari.

Stesso congedo parentale: in Finlandia si può. Il nuovo governo finlandese ha annunciato l’intenzione di concedere a tutti i genitori lo stesso congedo parentale. Un periodo di assenza giustificata dal lavoro, per accudire i figli durante le prime fasi di vita. Un tentativo di convincere i padri a trascorrere più tempo con i loro figli. Una politica ancora molto lontana da quella attualmente in vigore nel nostro Paese.

congedo

shutterstock Di Herlanzer

Stesso congedo parentale: in Finlandia si può

Il ministro della Salute e degli affari sociali Aino-Kaisa Pekonen ha parlato di una decisione che servirà ad “una radicale riforma delle prestazioni familiari”. Una politica già in atto che si pone il grande obiettivo di rafforzare il rapporto dei genitori sin dall’inizio. L’attuale sistema finlandese di congedo per maternità prevede 4,2 mesi. Invece, ai padri vengono concessi 2,2 mesi fino al compimento dei due anni del bambino. Con la nuova proposta, ogni genitore dovrebbe ricevere un congedo di 6,6 mesi (pari a 164 giorni considerando la settimana lavorativa di sei giorni) e le donne incinte riceveranno un assegno mensile aggiuntivo. I genitori sarebbero autorizzati a trasferire all’altro genitore 69 giorni della loro quota, mentre il genitore single sarebbe autorizzato a utilizzare entrambe le indennità.

Stesso congedo parentale: in Finlandia si può

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • La Svezia è il Paese più generoso del sistema europeo per quanto riguarda il congedo parentale con 240 giorni per ciascun genitore dopo la nascita di un bambino.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA