Quokka: alla scoperta dell’animale che sorride sempre

Condividi L'articolo su

Il Quokka conosciuto come l’animaletto più felice al mondo ha un sorriso perenne sul suo viso.

È proprio la buffa espressione del Quokka e la sua predisposizione alle foto con i turisti che l’hanno reso un animaletto super amato. Tuttavia, una cosa in pochi sanno è che il tenero marsupiale tanto curioso è a rischio di estinzione. Infatti, ne rimangono solo pochi esemplari in alcune zone protette dell’Australia. Ecco tutto quello che c’è da sapere per scoprire meglio questa simpatica specie animale.

Alla scoperta del Quokka: l’animale più felice al mondo

Il primo contatto tra l’uomo e il Quokka avvenne nel XVII secolo. Quando l’esploratore William De Vlamingh li notò su un’isola a largo della costa dell’Australia occidentale decise di ribattezzarla in loro onore con il nome di Rottnest, che deriva da Rattenest, e in olandese significa nido di topi. Non a caso i Quokka assomigliano a dei veri e propri topi giganti però, sono marsupiali, nient’altro che piccoli canguri australiani.

Oggi è conosciuto come l’animale come l’animale più felice del mondo per via del fatto che sorride sempre. Inoltre, dato che si avvicina a chiunque senza timore, i selfie con uno o più Quokka sono diventati una vera e propria moda.

Quokka

Quokka alla scoperta dell’animale che sorride sempre – natalie su – unsplash

Le caratteristiche dell’animale che sorride sempre

Questo animaletto è erbivoro, generalmente vive di notte e può arrivare fino a 10/15 anni. Oggi è una specie protetta che è possibile trovare su alcune isole al largo della costa sud-ovest dell’Australia, come Bald, Rottnest, Garden e Penguin, dove però è rarissimo. Il loro corpo è tozzo, misurano dai 40 ai 54 centimetri, in più hanno una coda molto corta, delle soffici orecchie arrotondate e una sacca marsupiale dove tengono i cuccioli. Il loro peso va dai due chili ad un massimo cinque chili. Il mantello soffice è color marrone brizzolato, il che li rende simili a dei teneri peluche. Amano infatti, saltellare e arrampicarsi sugli alberi e stare in compagnia dell’uomo. Non a caso, sono stati proprio i continui selfie, con i turisti provenienti da tutto il mondo, a renderli famosi!

Setonix Brachyurus

Quokka alla scoperta dell’animale che sorride sempre – christine mendoza – unsplash

I Quokka e il loro habitat naturale

Il nome scientifico dei Quokka è Setonix Brachyurus. Oggi, come anticipato, la specie è protetta perché sta diventando sempre più rara. Così, può godere di una relativa tranquillità tra la boscaglia selvaggia o tra le radure coltivate su alcune isole australiane dove è stata completamente estirpata la presenza di altre specie predatrici come gatti e volpi che potrebbero comprometterne la sopravvivenza.

Quokka: specie a rischio d’estinzione

Nonostante il Quokka sia già una specie protetta ancora oggi non è del tutto al riparo dal rischio di estinzione. Anno dopo anno la popolazione totale si assottiglia progressivamente in tutti i territori in cui ha sempre vissuto. Tanto da essere stato inserita nella lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura, e classificata come specie vulnerabile, che è lo status meno grave.

Tra i motivi che minacciano la sua esistenza c’è anche la cattiva abitudine delle persone che tendono a regalare ai Quokka dei cibi inappropriati per il loro organismo come il pane. Alimento che fa particolarmente male al loro metabolismo. Ciò ha portato all’introduzione di divieti e multe ai trasgressori. Tuttavia, ciò che più gravemente potrebbe determinarne la sparizione è la ristrettezza della sua area territoriale, la minaccia dei predatori e la mancanza di zone boschive e selvatiche a causata dall’agricoltura intensiva.

Quokka

Quokka alla scoperta dell’animale che sorride sempre – mark stoop – unsplash

Come adottare i Quokka?

I Quokka non hanno un prezzo, infatti, commerciarli è illegale e adottarli come animali domestici è impossibile. Infatti, sono abituati a determinate piante e specifici climi che si trovano solo in Australia. Tanto che anche per il Rottnest Island Authority Act del 1987 del governo australiano, dovrebbero trascorrere la maggior parte del tempo nel loro habitat originario. Tuttavia, è possibile adattarli a distanza tramite il WWF destinandogli una piccola donazione per la loro salute e la loro sopravvivenza.

Quokka

Quokka alla scoperta dell’animale che sorride sempre – pexels lachlan ross

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • Su Rottnest Island, difronte alla costa di Perth, gli esemplari di questa specie vivono protetti dalle leggi australiane. E sono fotografati da circa 700mila visitatori all’anno.
  • Il Perron Institute for Neurological and Translational Science a Nedlands in Australia Occidentale è nato nel 1983 è impegnato a trovare una cura per le persone affette dalla distrofia muscolare. Il Quokka è molto importante per questa Istituto. Infatti, non è solo un buffo e simpatico marsupiale ma è anche un animale cruciale per la ricerca di una cura alla distrofia muscolare.
  • La IUCN – Unione internazionale per la conservazione della natura, ha stimato che ad oggi ci sono tra i 7.500 e i 15mila adulti maturi in natura.
  • Nel mercato illegale il costo del Quokka varia dai 600 euro per un esemplare maschio ai quasi 3000 euro per una femmina e ben 6000 euro per una femmina incinta.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO? ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Condividi L'articolo su
Scritto da

Fotografa, scrittrice e designer. Laureata in Scienze Politiche Sociali e Internazionali presso l'Alma Mater Studiorum e specializzata in Marketing e Comunicazione nel settore del fashion e del design a L.UN.A - la Libera Università delle Arti. Ha collaborato con la Caucaso Factory all'opera cinematografica "Lucus a Lucendo. A proposito di Levi" e con ONG come Mani Tese e ActionAid a progetti su temi quali l’Innovazione Sociale, l'Inclusione Sociale e la Sostenibilità. Sperimenta non solo strumenti fotografici e videografici, ma anche diverse tecniche di scrittura, dai reportage ai saggi.