Progettare casa: quali devono essere le dimensioni minime delle stanze?

La metratura delle stanze di una casa deve rispondere alla normativa nazionale riguardante la salubrità delle abitazioni. Quali devono essere le dimensioni minime delle stanze?

Le dimensioni minime delle stanze

Esistono delle precise norme igienico sanitarie per la progettazione e costruzione di un edificio per evitare speculazioni e garantire la salute abitativa.  Ecco quali devono essere le dimensioni minime delle stanze di un’abitazione secondo il Decreto Ministeriale della Sanità del 5 luglio 1975.

Agevolazioni prima casa: cosa c’è da sapere

Altezza minima delle stanze

L’articolo 1 del Decreto Ministeriale della Sanità riporta le altezze interne minime delle stanze:

  • 2,40 metri per corridoi, disimpegni, bagni e ripostigli.
  • 2,70 metri per tutti gli altri ambienti della casa.

La regola è valida in tutta Italia, fanno eccezione le Comunità Montane che possono arrivare a 2,55 metri in virtù delle condizioni climatiche e della particolare tipologia edilizia.

Superficie minima di una camera da letto

L’articolo 2 del Decreto Ministeriale della Sanità riguarda le superfici minime delle camere da letto:

  • 9 metri quadrati per le camere da letto singole.
  • 14 metri quadrati per le camere da letto doppie o matrimoniali.

Lo stesso articolo dispone che nelle camere da letto, nel soggiorno e nella cucina debba esserci una finestra apribile. La cucina deve avere una superficie minima di 4 metri quadrati con larghezza non inferiore a 1,60 metri.

Superficie minima per i monolocali

L’articolo 3 del Decreto Ministeriale della Sanità fissa la superficie minima per i monolocali (chiamati alloggi monostanza) comprensiva di servizi:

  • 28 metri quadrati per una persona.
  • 38 metri quadrati per due persone.

Non solo dimensioni!

L’articolo 7 del Decreto Ministeriale della Sanità stabilisce che la stanza da bagno deve essere fornita di apertura all’esterno per il ricambio dell’aria o dotata di impianto di aspirazione meccanica. Nelle stanze da bagno sprovviste di apertura all’esterno è proibita l’installazione di apparecchi a fiamma libera. Per ciascuna abitazione, almeno una stanza da bagno deve essere dotata dei seguenti impianti igienici: vaso, bidet, vasca da bagno o doccia, lavabo.

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu?

  • Per altezza interna si intende la distanza tra il pavimento finito e il soffitto, misurata in metri. Nel caso in cui il soffitto non presenti un andamento orizzontale, la misura dell’altezza interna deve essere calcolata dividendo il volume del locale per l’area netta del pavimento, La misurazione viene fatta escludendo le soglie di passaggio tra i vani e gli sguinci di porte e finestre, fino ad una profondità di 50 centimetri.
  • Sono consentite misure minime d’altezza inferiori ai citati 2,40 e 2,70 metri, per le costruzioni esistenti negli interventi edilizi per il recupero di costruzioni in cui è in atto una funzione abitativa o alloggi di valore artistico ed ambientale.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Designer e Dottoressa in Lingue Moderne per il Web