Pietre protettive per la casa: quali sono, se ci sono?

Le pietre respirano. Una volta ogni mille anni e la nostra vita è troppo breve per accorgersene
Fabrizio Caramagna

È utile sistemare delle pietre anti-inquinamento elettromagnetico dove ci sono molti sistemi elettronici? Probabilmente si. Anzi no!

Fabrizio Caramagna (Torino, 1969), è studioso e scrittore di aforismi molto dotato. Ed è sicuramente affascinante e probabilmente  anche terapeutico   pensare come lui che elementi inanimati, come le pietre e le montagne, ci possano proteggere. Siamo anche certi che dal punto di vista psicologico ci siano dei vantaggi a circondarci di colori (che sono onde elettromagnetiche) che ci permettano di svolgere le normali attività quotidiane in modo corretto e rilassante per la mente.

Pietre protettive per la casa: quali sono?

Purtroppo per gli oggetti inanimati come le pietre non è come molti siti web tendono  a farci credere.  L’adattamento alle onde elettromagnetiche del “non visibile” è piuttosto da intendersi al contrario: siamo noi essere viventi ad esserci adattati a un mondo ostile ricco di radiazioni ionizzanti e pericolose per la vita. E continuiamo su questo pianeta Terra che genera “naturalmente” tali onde da milioni d’anni. Ma allora esistono pietre protettive per la casa? E cosa dice la scienza? Il mondo è congestionato da ogni sorta di trasmissione radiattiva. Infatti, si è circondati da onde elettromagnetiche. Non è confermato da alcuno studio scientifico che  queste onde – come le onde radio – siano dannose.

Le uniche radiazioni dannose sono i raggi  UV (non schermati dall’atmosfera) e le  radiazioni X e gamma emesse da elementi transuranici presenti nel sottosuolo.  Alcuni articoli che troviamo comunemente su siti poco attendibili parlano di ricerche nel campo della mineralogia, per cui  alcune pietre sarebbero capaci, grazie alla loro enorme capacità di condurre corrente elettrica ed al loro potere di assorbimento, di liberare l’aria dalle radiazioni elettromagnetiche. Dal punto di  vista scientifico non ha nessun fondamento. E non esiste alcuna prova che lo confermi. Si tratta  dunque più di marketing e di un modo di “far soldi” che di attendibilità scientifica.

elettromagnetiche

shutterstock Di bjphotographs

.

Pietre protettive per la casa: quali sono?

Ecco le tre pietre che per alcuni siti web pseudoscientifici ci si può proteggere dalle onde elettromagnetiche con grande beneficio:

  • Tormalina nera, o Sciorlite, è un minerale appartenente alla classe di ciclosilicati. Questo minerale secondo certi siti  web  sarebbe in grado di convertire le onde elettromagnetiche in vibrazioni a più frequenze, cioè sulle onde completamente sicure per gli esseri umani, proteggendo così da diverse radiazioni nocive.
    COSA DICE LA SCIENZA: non c’è nessuna prova e nessuno studio scientifico che confermi  questa ipotesi. Quando viene detto e scritto non ha alcuna conferma scientifica, dunque è una ipotesi priva di fondamento.
  • La Shungite è un minerale organico che si trova in un unico luogo al mondo: nel nord-ovest della Russia, in Carelia, nella regione del lago Onega, chiamato Shunga. In funzione della sua particolare struttura, la shungite secondo alcuni possiederebbe un certo numero di sorprendenti proprietà fisiche, chimiche e bioenergetiche. Questa pietra è particolarmente efficace per contrastare i danni causati dalle onde elettromagnetiche emesse dai moderni apparecchi elettronici, ha potente capacità di neutralizzare ogni tipo di radiazioni.
    COSA DICE LA SCIENZA: non c’è nessuna prova e nessuno studio scientifico che confermi  questa ipotesi. Quando viene detto e scritto non ha alcuna conferma, dunque è una ipotesi priva di fondamento. La parola “sorprendente” poi non  ha alcun valore dal  punto di vista scientifico. Fa parte piuttosto di quelle figure retoriche del linguaggio (spesso ingannevoli) come come l’Aprosdoketon che hanno solo lo scopo di creare un’aspettativa che viene poi delusa o sovvertita dai fatti.

Pietre protettive per la casa: quali sono?

  • Il Quarzo Rosa secondo  alcuni sarebbe uno dei quarzi particolarmente indicati non solo per la protezione dalle onde elettromagnetici, emessi dai dispositivi elettronici, ma anche per le sue capacità di alleviare e dissolvere ogni tipo di energia pesante, accumulata sia nel corpo che nel ambiente, compreso i raggi ionizzanti provenienti dal sottosuolo.
    COSA DICE LA SCIENZA: non c’è nessuna prova e nessuno studio scientifico che confermi  questa tesi. Quando viene detto e scritto non ha alcuna conferma scientifica, dunque è una ipotesi priva di fondamento. La parola “energia pesante” poi non  ha alcun significato dal  punto di vista scientifico. Non esiste una “energia pesante”  e una “energia  leggera” dato che le onde elettromagnetiche sono prive di massa.

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • La Treccani definisce la parola mineralogia come: mineralogìa s. f. [comp. aplologico di minerale e –logia, sul modello del fr. minéralogie]. – Scienza che studia i minerali dal punto di vista delle loro proprietà morfologiche, fisiche, chimiche e strutturali, nonché della loro genesi e delle trasformazioni che subiscono per processi naturali; ha come scienza ausiliaria fondamentale la cristallografia (poiché la maggior parte dei minerali si trova allo stato cristallino), ed è strettamente legata alla petrografia (avendo in comune con questa metodi e laboratorî d’indagine, campi di studio, ecc.), insieme alla quale fornisce alla geologia elementi fondamentali per lo studio dell’evoluzione della crosta terrestre; mapplicata, volta allo sfruttamento dei giacimenti di minerali.

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA