Zalando punta all’innovazione per crescere

La piattaforma del fashion online che personalizza gli acquisti di moda in base al cliente è in forte espansione: Zalando punta all’innovazione per crescere.

Per chi non la conoscesse, Zalando è una piattaforma e-commerce per la moda fondata nel 2008 a Berlino da Robert Gentz e David Schneider. Arriva oggi in ben 17 Paesi europei con circa 28 milioni di clienti. Potremmo definirlo l’Amazon del fashion che entra nelle case degli italiani a colpi di click.

Zalando e la sua crescita inarrestabile

innovazione zalando

Shutterstock – nitpicker

Questo e-commerce è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi tempi, complici anche i social network, e continua ad avere ampi margini di miglioramento. A godere di tutto ciò sono le aree investite già dal digitale: parliamo quindi di abbigliamento, elettronica di consumo.

Secondo quanto dichiara l’azienda stessa, nel 2017 conta circa 14.000 dipendenti con un fatturato di 6,53 miliardi di €. Nel settore abbigliamento, che solo in Europa vale 420 miliardi di €, si scontra con moltissimi altri competitor online. Il segreto di Zalando è proporsi in modo più personalizzato possibile per il cliente.

La vera innovazione di Zalando è il differenziare l’offerta

In una società digitale che vomita continuamente modelli di bellezza stereotipati, irraggiungibili e fake, la vera rivoluzione è spingere gli utenti a differenziarsi. È la strategia stessa dell’azienda che ha funzionato contro i suoi competitors: personalizzare l’esperienza e i look suggeriti agli utenti online è l’innovazione che farà crescere ancora di più questa piattaforma e-commerce.

Si puntano i riflettori proprio sull’Algorithmic fashion companion, ossia l’algoritmo basato sul machine lerning che è stato in grado di realizzare finora più di un milione e mezzo di proposte outfit. È stato messo in funzione nel novembre 2018 con l’idea di suggerire le possibili combinazioni tra i capi in vendita per i clienti.

L’innovazione dell’algoritmo di Zalando

innovazione zalando

Shutterstock – svetlichniy_igor

Lo strabiliante potere di un algoritmo intelligente come questo ha fatto sì che per i clienti si aprissero nuovi scenari. In una chiarissima infografica, è Zalando stesso a raccontare Come acquistano gli italiani secondo i suoi dati.

“I clienti gradiscono i consigli e vogliono essere ispirati con gli outfit piuttosto che con singoli articoli”, dichiara James Healey, vicepresidente Customer & Engage di Zalando.

“Gli outfit sono la chiave per aiutare i clienti ma ispirare non è sinonimo di una buona esperienza di acquisto, perché sono cruciali tanti altri aspetti come l’assortimento, la facile navigazione online, un check-out veloce e regolare, garantire diverse opzioni di pagamento e assicurare consegne e resi senza difficoltà, sintetizzando l’intero processo nella necessità di garantire un’esperienza su misura in base alle preferenze e alle esigenze di ogni singolo cliente.” continua Healey.

L’innovazione di Zalando mette il cliente al centro

A tal fine, Zalando sperimenta continuamente nuove tipologie di servizio: “Crediamo molto nell’elemento sorpresa e nell’innovazione, ci piace pensare fuori dagli schemi ed è per questo che cerchiamo sempre di testare e offrire servizi inediti” sottolinea Healey. Una visione che passa pure dalle collaborazioni ad hoc siglate nei singoli mercati, come avvenuto in Italia con Poste Italiane per semplificare la procedura di reso per gli italiani. L’innovazione dell’azienda punta chiaramente sui due perni fondamentali: l’intelligenza artificiale e il machine learning.

“Vogliamo permettere ai nostri clienti di scegliere sempre la taglia esatta, perché così loro non devono restituire gli articoli e noi possiamo ridurre i resi; per questo l’inserimento di bandierine che indicano la vestibilità di un capo – cioè se questo veste grande o piccolo – sull’80% dell’assortimento in tutti i paesi è un grande passo in avanti”.

 

Pillole di curiosità. Io non lo sapevo e tu?

  • Secondo i dati della ricerca condotta da Zalando sui suoi utenti risulta che:
    • L’83% degli utenti gradisce ricevere consigli sotto forma di prodotti suggeriti
    • Il 48% si è trovato a tenere un prodotto anche se avrebbe preferito restituirlo
    • Il 76% chiede consiglio ad amici e parenti prima di acquistare online
    • Il 48% prende ispirazione dal web (social e siti)
  • Si direbbe che agli italiani piace tanto acquistare dal proprio smartphone, ed infatti circa la metà ha scaricato sul proprio device dalle 2 alle 5 app di shopping e il 42% utilizza l’app del suo store preferito per effettuare acquisti.
  • Anche se lo shopping ha un potere terapeutico, sembrerebbe che gli italiani (54%) facciano shopping online quando sono di buon umore, mentre solo l’8% afferma di effettuare acquisti quando è giù di morale.

Credits immagine in evidenza: Shutterstock – Piotr Swat

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Written by

Esperta in architettura e comunicazione