Silvia Romano è libera. Torna in Italia domani

Silvia Romano è stata rilasciata. Lo ha annunciato il premier Giuseppe Conte

“Silvia Romano è stata liberata! Ringrazio le donne e gli uomini dei nostri servizi di intelligence. Silvia, ti aspettiamo in Italia!”. Lo scrive su twitter il premier Giuseppe Conte.

La cooperante italiana venne rapita il 20 novembre del 2018 in Kenya. Finalmente dopo una lunga  prigionia torna libera e rintra in Italia. riportano fonti della Farnesina. L’operazione dell’Aise, sotto la supervisione del generale Luciano Carta, si  è avvalsa della collaborazione dei servizi turchi e somali ed è scattata la scorsa notte. La volontaria si trova ora in sicurezza nel compound delle forze internazionali a Mogadiscio.

Secondo fonti di Adnkronos il suo rientro è previsto per domani alle 14 all’aeroporto di Ciampino, a Roma.

Silvia Romano - Facebook

Silvia Romano – Facebook

.

Una ragazza responsabile

“Ha lottato e sta lottando per quello in cui crede e spero tanto che la sua lotta abbia solo incontrato un piccolo ostacolo” aveva detto all’Agi Federica Stizza la tutor di Silvia Romano all’Università Ciels di Milano. Dove Silvia si laureò con una tesi sulla tratta degli esseri umani. Spiega all’agenzia il sogno della sua studentessa: un mondo in cui la cooperazione internazionale e l’aiuto fra gli uomini sia possibile.

“Lasciatemi respirare, devo reggere l’urto. Finché non sento la voce di mia figlia per me non è vero al 100%”: così ha detto all’ANSA Enzo Romani, il papà di Silvia. “Devo ancora realizzare, mi lasci ricevere la notizia ufficialmente da uno dei mie referenti” ha aggiunto.

“Volevo darvi una buona notizia. Silvia Romano è libera. Lo Stato non lascia indietro nessuno. Un abbraccio alla sua famiglia. E un grazie alla nostra intelligence, all’Aise in particolare, alla Farnesina e a tutti coloro che ci hanno lavorato”, ha commentato via twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

 

Pillole di curiosità –  Io non lo sapevo e tu? 

  • Silvia Romano si era laureata con una tesi sulla tratta degli esseri umani. Lavorava per conto della Onlus Africa Milele, attiva in progetti di sostegno all’infanzia. Era rientrata in Kenya all’inizio di novembre e viene rapita il 19 novembre all’età di 23 anni. Ora ne ha 25. In un post su Facebook aveva scritto: “Amo stringere i denti ed essere una testa più dura della durezza della vita”

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni continuate a seguirci su www.habitante.it

Share Post
Written by

Iscritto all’ordine dei giornalisti del Piemonte, inizia la sua attività come Web Specialist nel 1996 presso il Politecnico di Torino, durante il quale svolge le sue prime docenze alla Facoltà di Architettura, all’Università di Torino e all’Università Statale di Milano su materie legate alla comunicazione digitale e alla progettazione CAD architettonica. È direttore responsabile di habitante.it, content farm digitale che si occupa di marketing e comunicazione, nata da un progetto ideato per supportare l’Osservatorio sulla Casa di Leroy Merlin Italia e sviluppato insieme a Unione Nazionale Consumatori.