Milano, premiato il quartiere sostenibile di Porta Nuova

Durante l’annuale Forum Real Estate della società, il fondatore di Coima ha dichiarato che il quartiere sostenibile di Porta Nuova ha ricevuto due premiazioni molto importanti. In particolare, il IWBI ha riconosciuto Porta Nuova come il primo quartiere al mondo dotato di doppia certificazione sostenibile, la LEED e WELL. Ecco cosa c’è da sapere.

Il IWBI ha riconosciuto e premiato  a livello mondiale il nuovo quartiere sostenibile di Porta Nuova, a Milano. Si tratta, infatti, del primo quartiere al mondo dotato di due importanti certificazioni sostenibili: la LEED e la WELL. Di seguito maggiori informazioni e le parole del fondatore di Coima, società che ha dato vita al progetto di riqualificazione.

La storia del quartiere Porta Nuova a Milano

Il quartiere di Porta Nuova, a Milano comprende i distretti di Porta Nuova, Porta Garibaldi e Isola. Coima ha avviato la progettazione e riqualificazione urbanistica nel 2003, raggiungendo grandi risultati. Oltre all’ottima posizione geografica e alla possibilità di investire immobili in modo sostenibile e ecologico, il progetto di Porta Nuova ha completamente cambiato il paesaggio. In precedenza infatti, lo scavo ferroviario presente danneggiava e ostacolava il territorio. Al giorno d’oggi, il progetto ha rivalutato sotto un profilo ecologico tutti  gli spazi pubblici del territorio e, inoltre, ha incentivato la creazione di una comunità di quartiere. Uno degli obiettivi, sostenuto da diverse attività e incontri, è quello di promuovere l’impegno civico verso l’ambiente e la sostenibilità.

quartiere sostenibile di Porta Nuova

Milano, premiato il quartiere sostenibile di Porta Nuova – Foto di Canva

Le certificazioni ambientali riconosciute al quartiere

Durante il Forum Real Estate della società, dove hanno partecipato diverse società e imprenditori istituzionali, il fondatore e amministratore delegato di Coima, Manfredi Catella, è intervenuto in merito al tema della sostenibilità. Questi ha dichiarato con grande soddisfazione come il progetto di sviluppo sostenibile del nuovo quartiere di Porta Nuova di Milano, avviato vent’anni fa, ha oggi raggiunto grandi risultati. Il IWBI, US Green Building Council e dall’International WELL®Building Institute, ha riconosciuto il quartiere sostenibile come il primo progetto al mondo di riqualificazione urbana premiato con due certificazioni sostenibili: la LEED e la WELL for Community. Queste ultime riconoscono la sostenibilità sociale, ambientale ed economica del un progetto.

quartiere sostenibile di Porta Nuova

Milano, premiato il quartiere sostenibile di Porta Nuova – Foto di Canva

Le parole di Manfredi Catella, fondatore di Coima

“Dopo 20 anni di impegno nella visione della sostenibilità del territorio, e un percorso per la certificazione durato oltre due anni, oggi possiamo annunciare che Porta Nuova è il primo quartiere al mondo dotato di una doppia certificazione a valenza internazionale per la sostenibilità. Siamo molto orgogliosi di questo risultato, frutto di una sinergia tra pubblico e privato nata fin dagli inizi dello sviluppo del quartiere, e di una partnership di lungo periodo con un investitore istituzionale con visione strategica come QIA, focalizzata su obiettivi comuni di sostenibilità e creazione di valore.” Si tratta di ” uno degli interventi di rigenerazione urbana più rilevanti degli ultimi vent’anni in Europa, riqualificando un quadrante strategico della città di Milano con un impatto rilevante dal punto di vista economico, ambientale e sociale”.

quartiere sostenibile di Porta Nuova

Milano, premiato il quartiere sostenibile di Porta Nuova – Foto di Canva

Pillole di curiosità – Io non lo sapevo. E tu?

  • L’Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile è un programma di azione dove partecipano tutti i Paesi membri dell’ONU. Si tratta di un insieme di 30 obiettivi da raggiungere entro il 2030. Questi sono finalizzati su diversi settori importanti per lo sviluppo sostenibile. Alcuni esempi sono: la fine della povertà, la lotta contro il cambiamento climatico, riduzione delle emissioni di gas serra del 40%, utilizzare per almeno il 27% energie rinnovabili e molti altri ancora.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da