Maisons du Monde lancia il suo marketplace in Italia con oltre 150 brand partner

Da oltre 25 anni, Maisons du Monde, leader europeo nella produzione di mobili e complementi d’arredo per una casa bella e sostenibile, crea innovazione senza sosta nel settore della casa e dell’arredamento e propone ai suoi clienti prodotti che traggono ispirazione da ogni angolo del mondo.

Nel 2022, il brand continua i propri progressi trasformando il sito web italiano in un marketplace curato. Il nuovo sito è implementato su Mirakl, la prima e più avanzata piattaforma SaaS di marketplace enterprise, per soddisfare al meglio le crescenti aspettative dei clienti.

Il sito e-commerce Maisons du Monde apre le porte a 150 nuovi rivenditori

Locali,  impegnati  nel sociale o made in Italy: tutti i brand proposti sul marketplace sono stati attentamente selezionati da un team di esperti di Maisons du Monde sulla base dei criteri di stile, qualità e sostenibilità cari all’azienda.

L’offerta attuale pertanto, grazie alla tecnologia di Mirakl, si arricchisce di nuove categorie di prodotti come la biancheria da letto, la biancheria da bagno o i materassi, mentre categorie già esistenti, come i complementi d’arredo, i mobili outdoor o gli articoli per la tavola e la  cucina,  diventano  ancora  più  complete.

I clienti  di  Maisons  du  Monde  potranno trovare, ad esempio, brand come Dalfilo (biancheria da letto Made in Italy), Biancoperla (biancheria per la casa prodotta in Toscana), Emma Materasso (un importante brand di materassi), Mario Luca Giusti (produttore italiano di oggetti per la tavola in cristallo sintetico), oltre alla gamma di prodotti multistile di Maisons du Monde.

Maisons du Monde lancia il suo marketplace

Maisons du Monde lancia il suo marketplace

Un progetto alla base della strategia digitale di Maisons du Monde: omnicanalità e prossimità per permettere a chiunque di creare una casa accogliente, unica e sostenibile

Basta un clic per accedere immediatamente a 25.000 articoli presenti sul nuovo marketplace italiano. Questa accelerazione digitale è coerente con la visione omnicanale che resta un caposaldo del gruppo. Maisons du Monde prevede, infatti, di estendere nei mesi successivi il suo marketplace anche ai negozi presenti in Italia, accentuando così la differenziazione e l’unicità del suo modello, in un universo concorrenziale di marketplace cosiddetti “pure player”.

“Sono  molto  felice  e  particolarmente  orgoglioso  del  lancio  del  nostro  marketplace, il primo del genere in Italia incentrato esclusivamente sul settore Home&Living. È una nuova esperienza che siamo entusiasti di proporre ai nostri clienti italiani e che risponde al loro desiderio di accedere facilmente e  in  totale  sicurezza  a  un’offerta  di  qualità,  sostenibile,  locale  e  originale.  Si  tratta  di  una  tappa  importante  e  fondamentale  del  nostro  percorso  finalizzato a fare di Maisons du Monde il brand del settore arredo più amato e sostenibile d’Europa.”, ha dichiarato Nicola De Cecco, Responsabile della rete di negozi italiani.

Sviluppato in collaborazione con Mirakl, leader mondiale nelle soluzioni software per lo sviluppo di marketplace enterprise, il marketplace di Maisons du Monde offre al cliente un’esperienza estremamente fluida, grazie alla perfetta integrazione delle nuove referenze nell’attuale interfaccia del sito maisonsdumonde.com/IT e nel suo percorso di acquisto.

“Dopo il successo del suo marketplace in Francia, Maisons du Monde apre la sua versione italiana in modo del tutto naturale grazie al supporto della nostra tecnologia. Inoltre, questo modello consente al brand di rafforzare la collaborazione con i rivenditori locali e di mettere in evidenza il loro know-how. Questa decisione risponde alle nuove aspettative dei consumatori italiani di poter acquistare anche prodotti italiani e sostenibili”, afferma Sophie Marchessou, Executive Vice President Customer Success B2C.

TI È PIACIUTO L’ARTICOLO?  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER GRATUITA

Per altre curiosità e informazioni sugli abitanti continuate a seguirci su www.habitante.it

Scritto da